Pra’ come laboratorio

ATTUALITA'

Ernesto Soressi #

tmp001Il Convegno “Disegniamo insieme Pra’ Futura” organizzato dalla fondazione PRimA’vera venerdì 16 Maggio presso il Centro Remiero ha visto la presenza di un folto e attento pubblico. Tutti i posti a sedere sono stati rapidamente occupati e parecchie persone hanno dovuto accontentarsi di rimanere in piedi e persino all’esterno della sala. Il Convegno ha avuto come tema il prossimo piano regolatore portuale e ha visto la partecipazione dell’Autorità Portuale dott. Merlo, del dott. Arcangelo Merella in rappresentanza dell’Assessore Regionale Paita, del Vicesindaco di Genova dott. Bernini, del Presidente della Circoscrizione dott. Avvenente, del Presidente della FondAzione PRimA’vera ing. Barbazza, del direttore del Centro di Eccellenza in Logistica Integrata dott. Musso, che ha svolto il ruolo di moderatore e dell’architetto esperto di pianificazione portuale Alberini. Previsto per le 17:30, l’inizio lavori è stato procrastinato di una decina di minuti o poco più, visto il ritardo nell’arrivo del Presidente Merlo. L’attesa è stata colmata da qualche chiacchiera su “Surpratutto” di Luca Cambiaso e dalle canzoni di Nino Durante, oltre che da un suo excursus storico sulla genesi dei sestieri di Pra’.  Niclo Calloni ha quindi dato inizio ai lavori con il benvenuto ai partecipanti e al Prof. Musso che, dopo una rapida introduzione, ha dato la parola, di volta in volta, ai vari relatori.
L’orgoglio praese è stato sottolineato dal video preparato dalla FondAzione e che si trova facilmente al link; http://vimeo.com/94072425.
Quindi Guido Barbazza ha presentato la proposta della FondAzione sul possibile futuro dell’assetto del Porto di Pra’, sottolineando che il paese attende un giusto indennizzo per lo scempio perpetrato in passato. Le azioni che possono essere intraprese per il miglioramento della qualità di vita sono relativamente poche ma fondamentali, (vedi http://www.supratutto.it/?p=2715). Ad esempio la realizzazione di collinette piantumate, tra canale di calma e containers, per ridurre rumore e impatto visivo, e la realizzazione di un canale che riporti “il mare” davanti a Palmaro sono opere realizzabili, se pianificate e finanziate per tempo.
Probabilmente nessuno si attendeva un’alzata di scudi da parte dei relatori sulla proposta della Fond’Azione, ma l’accoglienza del progetto è stata migliore di quanto l’uditorio si potesse attendere.
In particolare la rappresentanza politica ha convenuto sul fatto che Pra’ rappresenta al momento un “laboratorio” sia tecnico che politico.
tmp009La sfida tecnica è rappresentata dalla necessità di individuare soluzioni che concilino la possibilità di miglioramento della produttività dell’attività portuale con il miglioramento della qualità della vita e il risarcimento della popolazione.
Pra’ rappresenta anche il campo di gioco dove si possono sperimentare nuove forme di partecipazione della cittadinanza alle fasi decisionali del paese, per quanto concerne la programmazione e la messa in atto di attività che si sviluppano su una scala temporale più ampia di una legislatura.
Ma a prescindere dai commenti dei relatori, che qualcuno sicuramente potrà ritenere solo vuote promesse in tempo di campagna elettorale, è un fatto che il Convegno ha permesso di ottenere già qualche risultato positivo.
Primo su tutti: Pra’ ha dimostrato di poter essere pro-attiva oltre che reattiva.
Dopo anni di sonnolenta e passiva accettazione dell’esistente, per merito dei Comitati locali si è risvegliata una coscienza dei propri diritti e si è attivato un processo che ha portato i cittadini a reagire prontamente alle azioni o alle inazioni della Pubblica Amministrazione che si rivelino dannose o incongrue. Pra’ è quindi da qualche tempo reattiva.
L’intento delle proposte della FondAzione è quello di far salire il livello del confronto alla fase del progetto di lungo respiro, della proposta, della partecipazione dall’inizio al percorso decisionale che è per definizione, specialmente in Italia, lungo e tortuoso. Pra’ diventa quindi pro-attiva.
E’ chiaro che il Convegno è solo il primo passo del percorso, e sarà compito dei cittadini iniziare o continuare a sostenere questa (Fond)Azione per poter arrivare a risultati concreti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*