L’ Istituto Comprensivo Pra’ verso il 25 Aprile

Giuseppe Bruzzone

A pochi giorni dalla festa di Liberazione del 25 aprile gli alunni dell’Istituto Comprensivo prima di partecipare al corteo e ad assistere alle proiezioni dei video sulle leggi razziali e sull’olocausto realizzati da loro, il 15 aprile 2024 hanno partecipato ad un interessante incontro. Presso la Biblioteca Assarotti i ragazzi delle classi terze dell’Istituto Comprensivo Pra’ hanno ascoltato i racconti di Giordano Bruschi, nome di battaglia: ‘Giotto’ ex partigiano, uno dei testimoni del periodo tragico dell’occupazione nazifascista in Italia dall’estate del 1943 alla primavera del 1945. Lui giovane ragazzo entrò nelle file della resistenza genovese facendo la staffetta, dove conobbe partigiani come Buranello e Ulanowski. All’attenta classe ha raccontato la sua esperienza di quegli anni di sofferenze e privazioni e ha ricordato che poco lontano da Pra’ esiste un luogo nella bella baia di Portofino, presso lo scoglio dell’Olivetta; il luogo della fucilazione dei praesi fratelli Meldi, meta ogni anno dell’Anpi praese per la commemorazione. Ha raccontato come era la scuola da lui frequentata, i bombardamenti, le code con le tessera annonaria per ritirare un po’ di pane, le sue imprese notturne: armato di gessetti rischiando la vita andava a scrivere sui muri frasi antifasciste. Finita la guerra’ Giotto’ è rientrato nella società libera, è stato sindacalista, militante politico, consigliere comunale dove ha portato il suo entusiasmo e la sua esperienza politica, premiato anche col Grifo della città di Genova. In pensione (classe 1925) non si è fermato: gira le scuole a ricordare agli alunni i valori della Resistenza e del vivere comune finché le gambe lo sorreggono. Ultimamente ha avuto una brillante idea, ha realizzato un calendario particolare: il ‘Calendario del popolo antifascista – La resistenza partigiana giorno per giorno’. Nel calendario insieme a noti partigiani sono ricordati operaie e operai, professoresse e professori, contadine e contadini, scrittrici e scrittori che si ribellarono al fascismo, che contribuirono alla realizzazione della Costituzione. Il calendario di dodici fogli si apre con Pietro Nenni, politico leader del Partito Socialista e si chiude con Vannuccio Faralli, antifascista e primo sindaco dalla Liberazione di Genova dal 1945 al 1946. Nel mezzo le donne e gli uomini che hanno contribuito alla nascita della democrazia. In ogni mese si racconta la lotta del popolo antifascista: a gennaio la strage del panino e della mela (Genova), a febbraio l’Eccidio della Squazza (Borzonasca), a marzo l’eccidio delle Fosse Ardeatine, ad aprile la strage della Benedicta, a maggio l’eccidio del Turchino, a giugno l’eccidio di Civitella della Chiana (Arezzo), a luglio la strage di Cavriglia (Arezzo), ad agosto l’eccidio di Sant’Anna di Stazzema (Lucca), a settembre l’eccidio di Bassano del Grappa, a ottobre la strage di Marzabotto ( Bologna), a novembre l’eccidio di Pietransieri (Aquila) a dicembre l’eccidio di Portofino. Il calendario a distanza di ottanta anni oltre a scandire il tempo serve a tenere la memoria di quei tragici momenti che non devono sparire nell’oblio e nell’indifferenza. Giotto ha salutato i ragazzi ricordando loro di leggere la poesia di Italo Calvino:’Oltre il ponte’ scritta nel 1959 per la figlia dove lo scrittore racconta tutta la sua Resistenza. Il suo 25 aprile sarà ‘dedicato a ricordare nei comuni, nelle scuole, con i libri, che il bene più prezioso è la pace’. Con i ragazzi dell’Istituto Comprensivo ‘Giotto’ (nome di battaglia datogli da Gillo Pontecorvo, partigiano poi divenuto un gran regista cinematografico) ha portato la sua testimonianza a 50mila alunni, un record!

da ‘Oltre il ponte’ di Italo Calvino

O ragazza dalle guance di pesca,
O ragazza dalle guance d’aurora,
Io spero che a narrarti riesca
La mia vita all’età che tu hai ora.
Coprifuoco: la truppa tedesca
La città dominava. Siam pronti.
Chi non vuole chinare la testa
Con noi prenda la strada dei monti’.

 

1 Comment

  1. Giotto….Avrei voluto conoscerlo, per tanti anni a scuola, venivano i partigiani di Voltri, nella persona del Sig.Bianche, a raccontare ai ragazzi le loro esperienze “in montagna”…Passiamo il testimone ai nostri giovani, perche quando anche l’ultimo di coloro che vissero la Resistenza non sara’ piu’ tra noi, i ragazzi ricorderanno…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*