Prima di partire per un lungo viaggio

Michele Calloni –

Mercoledì 11 Gennaio. Sono le 8.15 quando imbocco la discesa che dall’inizio di Via Branega mi conduce davanti alla cancellata della scuola primaria Evasio Montanella per la prima tappa di un tour che nell’arco della mattina mi porterà a fare il giro di tutte e quattro le scuole dell’Istituto Comprensivo di Pra’ per incontrare i ragazzi di alcune classi a cui presentare un nuovo progetto al quale parteciperanno. Non so perché, ma stranamente avverto una certa tensione in questo momento che precede l’avvio di questa nuova esperienza, un filo di emozione che non mi fa stare del tutto tranquillo. La mattina è soleggiata e più mite rispetto al grande freddo di ieri. Entro. Percorro le rampe tra i piani e, un po’ in anticipo, sorprendo la V A e la maestra Chiara ancora intente all’appello. I visi aperti dei bambini mi guardano curiosi e sorridenti. Questa è una delle sensazioni più belle, per la quale amo il mio lavoro di educatore. E la tensione si scioglie. Loro sono pronti, io sono pronto. “Sono venuto a parlarvi di un progetto a cui prenderete parte, prima però vorrei fare una cosa con voi. Un Brainstorming. Lo sapete che cos’è? È in inglese, brain significa cervello, storm significa tempesta, un brainstorming è…una tempesta di cervelli! Come funziona…io scrivo sul cartellone una parola e voi dovete dirmi liberamente le prime cose che vi vengono in mente, ok? Oggi parliamo di GIORNALISMO!”. Da quando Guido (leggasi altrimenti l’ingegner Barbazza, o ancora il direttore editoriale di Supra’tutto) mi ha parlato per la prima volta della sua volontà di coinvolgermi nelle attività della FondAzione PrimA’vera per la realizzazione di un’idea a lui da sempre molto cara – una versione junior del giornale – per via della mia esperienza professionale di educatore, sempre a contatto coi bambini e i ragazzi, e della familiarità che ho con parte delle maestre e delle professoresse (il servizio di prescuola alla Thouar e alcuni affidi educativi del passato a Villa Ratto hanno lasciato ottimi rapporti), sarà passato almeno un anno e mezzo. Il numero sempre crescente di impegni lavorativi e la difficoltà di mettere testa e tempo per prendersi cura di qualcosa di nuovo, con la conseguente fisiologica rimozione dal nostro orizzonte mentale di tutte le suggestioni che non passano in breve a una fase operativa, sembravano lasciar presupporre un lungo galleggiamento di questo progetto nel limbo delle belle idee non realizzate. Ma la volontà dell’ingegner Barbazza, da buon uomo di mare, non è usa a farsi distogliere, nella sua rotta, dai venti per quanto furibondi della quotidianità e poi…poi, a me, l’idea di prestarmi alla realizzazione di un progetto per bambini e per ragazzi che avesse come cuore la scrittura piaceva da morire. Sarà perché quella letteraria è la mia prima vocazione e questa vocazione è cresciuta proprio tra i banchi di queste scuole, la Thouar e Villa Ratto. Sarà perché dai temi delle elementari in cui professavo la certezza che da grande avrei fatto lo scrittore o il giornalista, passando per la laurea in lettere antiche, fino ad oggi, la passione per la letteratura e l’amore per la scrittura sono sempre rimaste stelle di riferimento, nonostante la mia vita si sia integrata di altre componenti essenziali, come lo sviluppo di una coscienza sociale (anch’essa manifestatasi molto precocemente) che mi ha portato a fare il lavoro di educatore. Sarà perché, da ex alunno, che orgoglio sarebbe essere un tramite, poter servire da innesco alla luce e al calore di questa meravigliosa scintilla che è la magia dello scrivere anche per uno solo dei bimbi o dei ragazzi che prenderanno parte al progetto…fatto sta che in un incontro di qualche mese fa per un’altra collaborazione tra l’associazione per cui lavoro e la FondAzione PrimA’vera, il direttore editoriale di SuPra’tutto (che, come ho già detto, nel momento in cui si mette in testa una cosa, non demorde mai!) mi ripropone l’idea di Supra’tutto Junior, facendola fuoriuscire dal limbo delle belle idee non realizzate a cui accennavo prima. E questa volta si trova il modo di mettere un poco di testa e tempo per stendere una bozza di progetto e passare alla fase operativa. Si parla con la dirigente scolastica, ci si incontra con le insegnanti. Aderiscono tre quinte (la V A della Montanella e la V B e la V C della Thouar) e tre terze medie (le III A e B dell’Assarotti e la III D di Villa Ratto).

Nasce così questa collaborazione, che si spera lunga e produttiva, tra Fondazione Primavera, Giostra della Fantasia e Istituto Comprensivo di Pra’. L’idea in sé è semplice. Realizzare un laboratorio di giornalismo da svolgere con alcune classi pilota dell’ultimo anno di entrambi i cicli scolastici (le classi quinte delle primarie – Thouar e Montanella – e le terze medie dell’Assarotti e Villa Ratto), che prevede la pubblicazione di articoli inerenti la scuola e il territorio su SuPra’tutto, sia nella versione online, che all’interno del periodico bimestrale in cartaceo. Gli articoli scritti dai ragazzi saranno tutti contrassegnati dal logo SuPra’tutto Junior. All’interno delle classi il lavoro potrà essere affrontato a gruppi che, coadiuvati dalle insegnanti, opereranno come tante piccole redazioni, curando così i loro testi giornalistici secondo differenti aspetti (ideazione, scrittura, fotografia, impaginazione, etc.). Al termine dell’anno scolastico le classi successive potranno subentrare al posto di quelle uscite, con un passaggio di testimone che consenta la prosecuzione del lavoro così impostato, di modo che la scelta dei partecipanti non risulti arbitraria ma frutto di un’impostazione ciclica che dà nel tempo a tutti le stesse possibilità di partecipazione. Il valore del progetto di SuPra’tutto Junior consiste nell’offrire la possibilità di sviluppare un argomento del programma (l’articolo di giornale) attraverso la realizzazione di un laboratorio pratico che risponda all’obiettivo didattico di facilitarne l’apprendimento e, da un punto di vista educativo e civico, coinvolga i bambini e i ragazzi, in prima persona, nella narrazione delle esperienze che legano in maniera più significativa i loro vissuti personali con la realtà del territorio in cui vivono, dandovi risalto con la pubblicazione dei loro testi al fine di promuovere e incentivare la percezione di poter essere già da ora soggetti attivi, voci narranti e parti integranti della propria realtà sociale. Questo è il senso profondo di mettere a disposizione dei ragazzi delle nostre scuole uno spazio per raccontare con le loro parole quello che nella loro quotidianità può rivestire una rilevanza pubblica: lo svolgimento di particolari attività scolastiche ed extrascolastiche, la partecipazione come protagonisti o come spettatori ai più importanti eventi sociali, sportivi e culturali organizzati sul territorio, la realizzazione di interviste a persone o su temi da loro ritenuti importanti, l’espressione di domande e problematiche che riguardano la vita di Pra’ guardata dal loro punto di vista. Ovviamente, dato che il calendario scolastico è sempre fitto e le insegnanti fanno i salti mortali per arrivare alla fine dell’anno – in particolare negli anni conclusivi -si è deciso di tenere la struttura del laboratorio più snella possibile, lasciando sulla gestione del lavoro con i ragazzi ampia discrezionalità alle maestre e alle professoresse che hanno scelto di imbarcarsi con noi in questa esperienza (e alle quali va il nostro grande grazie!), limitando gli impegni extra a due soli incontri introduttivi. E così eccomi qui in giro dalle rampe coperte di linoleum della Montanella, che mi guidano alla classe dei miei nuovi amici dal viso sorridente della V A di cui ho parlato prima, passando per i cunicoli bui che portano all’Aula Magna dell’Assarotti, dove incontro i ragazzi della III A e della III B, che hanno negli occhi quell’alternanza di scazzi e di guizzi che rende belli di un’irriducibile e impudente ironia i volti degli adolescenti, e ancora su per le marmoree scalinate di Villa Ratto al piano nobile, dove ritrovo l’aula della mia terza media, anche se con i banchi orientati diversamente, con dentro una nuova III D di ragazzi solari che mi fanno ricordare così tanto la mia vecchia classe, fino all’ultimo piano della Thouar dove trafelato ed in ritardo sono accolto dalle classi V B e V C riunite, tra gli alunni delle quali riconosco con grandissimo piacere molte facce note del prescuola. E così eccomi qui ad ascoltare i loro cervelli tempestare. E l’impressione che ne ho è una piacevole sorpresa, per cui trovo, in merito alla nostra parola chiave e considerate le rispettive fasce di età, gli alunni delle V più consapevoli e gli studenti delle III medie più competenti partecipativi di quanto non immaginassi. Le parole fluiscono e vengono scritte sui cartelloni bianchi, individuando aree di associazioni più immediate che svariano dagli aspetti materiali e strumentali del giornalismo (penna, pagine, parole, immagini, fotografia, disegno) ai mezzi di diffusione con conseguenti prodotti (carta, televisione, giornale, tg), dai luoghi (edicola, tabacchino, redazione) alle figure professionali (giornalista, redattore, fotoreporter), ed altre che invece rivelano un soggettivo angolo di visione relativo o ai settori giornalistici di interesse (sport, musica, videogiochi, economia, porto, prodotti tipici, gossip, cronaca e cronaca nera con tutto il corollario di ammazzamenti, indagini e processi vari), all’ambito geografico-culturale di riferimento (città, territorio, Italia, internazionalità), alle funzioni a cui il lavoro giornalistico assolve (informazione, novità, opinione, inchiesta, satira…). Le idee germogliano rapidamente e in breve ogni spazio vuoto si colora di particolari personali che danno vita all’idea generale. Il brainstorming lascia spazio ad una discussione più aperta dove contestualizzare e approfondire le parole. In una classe si apre il tema del giornalismo di inchiesta, in un’altra si definisce il concetto di opinion leader, in un’altra ci si interroga sui fenomeni opposti delle bufale giornalistiche e dei tentativi di censura o insabbiamento, in un’altra classe da un riferimento al giornalismo di guerra viene automatico portare i ragazzi a conoscenza di un nome che sta sbiadendo nel tempo ed è troppo poco ricordato, tanto che in pochissimi lo conoscono: quello di Ilaria Alpi. In proposito, la coincidenza che più mi sorprende è che nella prima classe in cui sono stato, alla domanda “Come dev’essere un articolo di giornale?” la prima risposta che ho avuto è stata l’esclamazione di una bambina: “Vero!”. E, in chiusura di mattinata, la voce di bimba che alla scritta Giornalismo inaugura a bruciapelo l’ultimo brainstorming scandisce ancora: “Verità!”. Meditiamo, adulti, sul nostro mondo così complesso e pieno di compromessi…per i nostri bambini le cose sono semplici e chiare! Così, contento per la positiva ricchezza di questi scambi, sperando di aver buttato nei ragazzi un seme di curiosità ed entusiasmo per questo progetto piccolo ma denso di significati, mi accomiato da loro e dalle insegnanti, dandoci appuntamento a venerdì per il prossimo round. Per il secondo incontro ci piaceva l’idea di far conoscere ai ragazzi, prima di lanciarsi in questa avventura, un giornalista vero e proprio, dal quale ascoltare esperienze e racconti e al quale poter fare domande e magari carpire qualche trucco del mestiere. Il pensiero corre subito ad Alessandro, al secolo Alessandro Ricci, giornalista eno-gastronomico e food blogger, anche lui ex alunno della Thouar e di Villa Ratto, e soprattutto amico fraterno con il quale fin dagli anni delle medie abbiamo condiviso “la scintilla”, tenuta sempre viva in una corrente continua di conversazioni diurne e notturne lungo l’arco di più di vent’anni (e non ancora interrottasi), da lui trasformata – unitamente ad un’altra delle nostre passioni comuni, la buona tavola – nel suo lavoro, diventando uno dei più apprezzati e competenti giovani professionisti del suo settore nel panorama regionale e non solo, lavorando alla stesura di una delle principali guide italiane di ristoranti, collaborando e tenendo rubriche su riviste a diffusione nazionale, dando vita a un blog – Papille Clandestine – che ha saputo ritagliarsi un ruolo guida nella realtà ligure e all’omonima associazione, per cui è anche un’inarrestabile promotore di eventi. In virtù di questa poliedricità con cui interpreta il suo mestiere, molti sono gli spunti che si possono offrire ai ragazzi, anche da una prospettiva per loro forse più interessante: uno spaccato sul giornalismo di settore, la costruzione di articoli su eventi che non abbiano solo un taglio cronachistico, l’impostazione di un’intervista, il mondo dei blog e del giornalismo on line…E poi, se quello che vogliamo trasmettere è vita e passione, chi meglio di chi ha fatto delle sue passioni il suo lavoro? L’incontro con i ragazzi si sarebbe dovuto tenere, con le stesse modalità del mio primo incontro, come detto sopra Venerdì 13 ma…la vita riserva delle sorprese e così, con qualche giorno d’anticipo, Giovedì 12 è nata Caterina e Alessandro, papà per la terza volta, si è trovato costretto ad aggiornare a nuova data l’appuntamento con noi. Oltre a felicitarci con lui e con la sua splendida famiglia tutta al femminile (Linda, Teresa e Agata) dando il benvenuto nel mondo alla nuova arrivata, ci piace per il suo valore simbolico, e lo consideriamo di buon auspicio, che SuPra’tutto Junior prenda l’avvio sotto il segno di una nascita. A questo punto non mi resta che ringraziare di cuore Guido Barbazza perché è dalla sua mente sempre in fermento e dalla sua volontà che nasce questa opportunità; la dirigente scolastica dott.ssa Migliorero per averci dato la possibilità di portare questa idea nelle scuole dell’Istituto Comprensivo di Pra’; le maestre Chiara e Nadia della classe V A della Montanella, Caterina e Marianna della V B, Barbara e Michela della V C della Thouar, le professoresse Laderchi (III A), Traverso (III B) e Pirami (III D) dell’Assarotti e Villa Ratto; Alessandro Ricci per la sua disponibilità; ringrazio vivamente tutti, tutti, tutti i ragazzi delle classi che parteciperanno e contribuiranno alla riuscita di questo progetto, augurando loro per quest’anno un buon, lungo viaggio nel mondo della parola e del giornalismo. La nostra ambizione è quella di dare il via con questo progetto ad un circolo virtuoso che consenta in modo duraturo di portare avanti con slancio un bell’esempio di collaborazione tra differenti realtà del territorio che aiutino il mondo della scuola nello svolgimento della sua funzione didattica, educativa e civica. L a speranza è che i ragazzi delle classi coinvolte possano imparare, appassionarsi e divertirsi nel dedicare un po’ del loro tempo, singolarmente e in gruppo, alla nobile arte della scrittura, trovando piacere nel parlare delle loro esperienze e soddisfazione nel farlo per un vero pubblico di lettori. Il mio augurio più personale è che ciascuno di loro possa sentire dentro di sé un po’ di quella scintilla che ho sentito io, un mattino di tanti anni fa, quando per la prima volta ho avvertito la bellezza, la magia e la forza delle parole, quella misteriosa e meravigliosa trasparente trama di energia, pensieri ed emozioni attraverso cui possiamo mostrare agli altri tutti i colori del mondo dentro e intorno a noi. Perché, parafrasando le parole di Vasco nella canzone scritta per Irene Grandi, prima di partire per un lungo viaggio ognuno di loro porti con sé la voglia di non tornare più.

2 Comments

  1. Michele 6 fantastico!
    Hai un’empatia, una grande capacita’ di metterti in comunicazione con i giovani, l’hai sempre avuta…e poi, come scrivi bene, ci fai rivivere tutte le fasi di questo bel progetto, ancora molto embrionale, ma che nmon tardera’ a dare i suoi frutti sul magazine…oer ora, due scritti quasi sommessi, per tastare il terreno, ma lascia che i ragazzi scoprano quanto è bello fare il reporter!
    Inoltre, trovo che educare le giovani generazioni ad un rapporto corretto con la carta stampata ed i media in genere, sia molto positivo per sviluppare il senso critico: viviamo bombardati da informazioni ed imput, il progresso ci ha reso facile ed immediato sapere cosa accade nel mondo, ma, nello stesso tempo, i “Fake ” impazzano, ed a volte, un uso distorto dei media puo’ scatenare dinamiche negative.
    Ma la parola, quella no, e la lettura, sono valori, a mio avviso, indiscutibili.
    Tanto auguri a questa neonata Redazione nella piu’ grande famiglia di SuPratutto, sono certa che il successo arridera’a questi giornalisti “in Erba”.
    E Grazie a te!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*