Pra’: innovazione sulla chirurgia Oncologica Veterinaria

Antonella Freri –

Chi ha la fortuna di avere un piccolo amico peloso che scorrazza per casa, conoscerà sicuramente il Dott. Enrico Sponza, medico veterinario di Pra’ specializzato in oncologia, proprio nello studio di Pra’ è in fase embrionale un SOV (SERVIZIO DI ONCOLOGIA VETERINARIA).

La novità che si trova nel suo studio veterinario, unico centro in Liguria a praticare questo trattamento, è l’elettrochemioterapia, per tutti i tumori operabili è la nuova conquista della chirurgia, che, rispetto ai trattamenti oncologici tradizionali (chirurgia, radio e chemioterapia), comporta minori effetti collaterali, in quanto riduce di molto la quantità di farmaco necessario e i tempi di degenza

Una pubblicazione del PUBMED (ndr motore di ricerca gratuito, basato principalmente sul database MEDLINE, di letteratura scientifica biomedica)

Nell’oncologia veterinaria, l’approccio di elettrochemioterapia sta guadagnando popolarità, diventando un trattamento di prima linea in considerazione della sua alta efficacia e bassa tossicità”

La procedura si sviluppa in tre fasi

Fase 1 Il farmaco chemioterapico viene iniettato direttamente nel tumore che rimane in ambiente extra cellulare

Fase 2 Le cellule tumorali hanno un impulso elettrico, l’elettroporatore va a determinare una variazione del potenziale della membrana dando una repentina scarica elettrica, questa apre la cellula e agevola l’entrare dei farmaci, che con questa pratica, pare abbiano efficacia cento volte superiore della chemioterapia in vena.

Fase 3 la cellula si chiude con il farmaco inglobato in essa.

Il sanitario ci tiene a precisare che:

Non sostituisce l’approccio medico-chirurgico medico terapico e radioterapico tradizionale poiché ci sono pochi studi pubblicati e la tecnica al momento non consente una piena dimostrabilita’”.

Ci sono casi che si possono testimoniare

In gatti con tumore al naso, facendo un intervento tradizionale, la chirurgia ne asporterebbe una buona parte, questa chirurgia invasiva renderebbe il micio deturpato, ma dopo sei mesi e solo due sedute di elettrochemioterapia si può affermare che il tumore è in completa remissione e il piccolo paziente mantiene il suo musetto intatto.

Qualche dato ad oggi sul linfoma nasale

trattato con radioterapia vivono dai 229 ai 432 giorni

con elettrochemioterapia dopo sei mesi e solo due trattamenti senza evidenza di massa.

Indubbiamente ci sono anche casi, che purtroppo, hanno sorti nefaste.

Un’altra eccellenza che possiamo è la Chemioterapia metronomica.

Il Dott. Sponza cosi spiega ”La Chemioterapia metronomica è l’utilizzo di farmaci chemioterapici che invece di essere dati in un’unica soluzione ogni 20 giorni vengono dati a piccole dosi giornalmente per bocca anziché in vena.

Non crea un effetto citotossico cioè non agisce come un chemioterapico standard che va a distruggere la cellula, ma crea una diminuzione del nutrimento vascolare delle cellule tumorali, cosi facendo la cellula non si nutre e di conseguenza muore, si ha lo stesso periodo di sopravvivenza, ma non gli effetti collaterali e si può somministrare a domicilio”.

I nostri amici che ci riempiono la casa di peli e di affetto, attraverso il Dott. Sponza, possono accedere una struttura completa che si prenderà cura di loro con visite di routine e vaccinazioni mettendo loro a disposizione uno staff medico di eccellenza.

4 Comments

  1. Ciao io ho una gatta di sei anni a cui hanno diagnosticato un linfoma ai reni che a detta del mio veterinario è inoperabile, ma trattato con normale chemio allunga la vita di qualche mese. Il problema per me è che sono incinta e la chemio risulterebbe pericolosa per me,al momento ka gatta è viva ma non sta benissimo e io non so cosa fare,mi potete aiutare? Grazie

    • Ciao Alessia, credo che dovresti contattare il dott.Sponza, sono sicura che troverà il modo migliore per aiutare te e la tua piccola bestiolina che merita le cure migliori.
      Anche io ho una gattina, e mi fido solo di lui.

  2. Anche i nostri amici a 4 zampe hanno bisogno , oltre che di cibo ed affetto, di cure innovative per la loro salute…ben vengano questi medici che cercano le terapie meno invasive, ma ugualmente efficaci!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*