Piano Regolatore Porto di Pra’: una grande opportunità

Niclo Calloni #

Il progetto del Piano Regolatore Portuale
Il progetto del Piano Regolatore Portuale

Oggi a Pra’ abbiamo un porto al posto della spiaggia e se ci troviamo nella condizione di dover far fronte ad una situazione di forte disagio ambientale non possiamo certamente scaricare tutte le responsabilità su un destino crudele e malvagio, probabilmente un pizzico di quel qualcosa di tipicamente “praino” che è in noi ce lo avremo pure messo. Oggi, comunque, non serve mettere in fila e biasimare chi non ha saputo o voluto fronteggiare gli eventi, tanto non si può far tornare indietro il tempo, però credo sia doveroso per tutti fare esperienza di quello che la storia ci ha consegnato per recuperare la consapevolezza che noi, i cittadini di Pra’, siamo chiamati ad essere finalmente artefici e protagonisti di tutto quello che ci riguarda, unendoci a sostegno di quelle azioni che hanno come unico obiettivo il bene comune e lo sviluppo di Pra’. Oggi Pra’ ha la grande occasione per dimostrare a sé stessa ed al mondo di essere capace di decidere per sé ed incidere sulla definizione del suo futuro in termini di miglioramento della qualità della vita e di evoluzione positiva del suo territorio; questa possibilità ha un nome, si chiama: Nuovo Piano Regolatore Porto di Pra’. Oggi, a dar ascolto a tutte le voci che favoleggiano commenti sul piano regolatore del bacino portuale di Pra’, è come entrare in una spirale apocalittica portatrice di nuovi colossali riempimenti, premonitrice della funesta erosione della spiaggia di Voltri, determinante ostacolo per la pratica intrnazionale del surf e sostenitrice della tesi che meglio non fare niente, «ma se qualcosa di invasivo e di inquinante deve essere per forza fatto lo si faccia pure a Pra’, tanto loro…»; attenzione, queste non sono illazioni ma sono tutti discorsi fatti da certe persone in occasione di una pubblica assemblea sul tema tenutasi in quel di Voltri. Oggi, per uscire dall’equivoco e superare il pregiudizio, la FondAzione PRimA’vera ha preparato un documento specifico sull’argomento: “Piano Regolatore – Porto di Pra’- Una Grande Opportunità” con l’intento di mettere a disposizione di tutti informazioni chiare e dettagliate sul valore e sull’importanza di un’opera che rappresenta, forse, l’ultima grande possibilità di vera riqualificazione del litorale praese. Nell’ elaborato la FondAzione PRimA’vera presenta la sua proposta di “Pra’ Isola – Porto Amico” che ha tra gli obiettivi fondamentali quello di ridare il mare al sestiere di Pra’ – Palmaro prolungando l’attuale canale di calma fino fino all’altezza del Rio San Giuliano, consentendo così di estendere anche la Fascia di Rispetto su cui andare a costruire una passeggiata con pista ciclabile ed utilizzarne le sponde per creare aree verdi attrezzate per attività all’aperto e per nuovi accosti destinati alla nautica da diporto. Un elemento qualificante della proposta della FondAzione prende in considerazione l’ottimizzazione di tutte le aree portuali disponibili, specialmente quelle che oggi non vengono sfruttate nella loro completa potenzialità e che, invece, possono essere utilizzate per spostare su di esse lo stoccaggio dei containers liberando così l’attuale zona operativa di fronte a Pra’ – Palmaro. Il progetto della FondAzione pone particolare attenzione ai vari problemi derivanti dalle operazioni portuali nella loro complessità, a partire dal rumore che viene prodotto dai motogeneratori delle navi a quelli dovuti ai veicoli di movimentazione di piazzale e dei mezzi carrabili e ferroviari. Informazioni relative alla elettrificazione delle banchine ed alla costruzione delle dune alberate sono state illustrate dal Presidente dell’Autorità Portuale, dottor Luigi Merlo, durante la conferenza “Pra’ Futura 2.0”, organizzata dalla FondAzione PRimA’vera presso il palazzo municipale di Pra’ il 19 giugno scorso con grande partecipazione dei cittadini. Oggi Pra’ ha soprattutto necessità della corretta conoscenza dei progetti e delle poste in gioco che la riguardano per fare quadrato e sviluppare un’immagine unitaria forte e credibile in grado di controllare e superare tutte le influenze devianti o strumentali che vengono studiate ad arte da chi non vuole andare avanti per non cambiare niente o peggio ancora continuare a tutelare interessi di chi nulla ha a che vedere con quei cittadini che il porto se lo trovano davanti alle finestre di casa e ne subiscono ogni giorno le conseguenze negative in termini di qualità della vita. Oggi a Pra’ dobbiamo avere chiara la percezione del fatto che si sta giocando una partita sulla nostra pelle e che ci sono forze ed interessi contrari e per questo motivo è importante capire quanto sia fondamentale essere uniti e fare squadra per raggiungere assolutamente l’obiettivo dell’approvazione del Nuovo Piano Regolatore del Porto perché un’eventuale bocciatura ci condannerebbe tutti ad un futuro con i containers davanti al naso. Nella sua opera di informazione la FondAzione PRimA’vera ha presentato la propria posizione e proposte sul tema giovedì 20 novembre scorso al Presidente della Commissione Regionale Attività Produttive dottoressa Stefania Pucciarelli (Lega Nord) e venerdì 21 novembre al consigliere regionale del Movimento 5 Stelle dottoressa Alice Salvatore suscitando interesse per quanto contenuto nel documento. Nel corso degli incontri è stata data particolare evidenza alla responsabilità che andrebbero ad assumersi le forze politiche se Pra’ fosse messa nelle condizioni di dover rinunciare a questa grande opportunità e alla gravità delle conseguenze a cui andrebbe incontro la cittadinanza praese nel caso non venisse approvato il Piano Regolatore per quanto riguarda il Porto di Pra’. La FondAzione, che ha anche avanzato un serie di ulteriori proposte per migliorare il progetto dell’Autorità Portuale e diminuirne ulteriormente l’impatto ambientale, continuerà la sua opera di informazione presso cittadini, associazioni ed istituzioni ed è disponibile a presentare concetti, idee, proposte, opportunità a chiunque glielo richieda. Io mi auguro che Pra’ impari presto a difendersi dalle influenze nefaste di chi vuole che nulla cambi imparando ad individuare nel manipolatore colui che tratta l’interlocutore come un oggetto e a riconoscere nell’essere persuasivo colui che tratta l’interlocutore come una persona. Allora Pra’ sarà pronta a giocare la partita della vita per cercare di vincerla, portando e tenendo “il pallino” decisionale nell’unico posto dove può e deve essere: a Pra’. Il documento “Piano Regonalore Porto di Pra’ – Una Grande Opportunità” è disponibile per consuldazione e download su www.supratutto.it.

 

Clicca qui per il Download

15 Comments

  1. Ringrazio il sig. Niclo per l’esposizione delle sue argomentazioni, lo ringrazio per il suo impegno allargandolo a tutte le persone che collaborano nella Fondazione,credo però che il piano regolatore troverà una grande resistenza vista la storica faziosità dei Voltresi e dei soliti politicanti che hanno portato ai disastri attuali (ma solo a Pra’ considerata popolazione di serie B). E’ora di dire basta, chiedete alla popolazione di Pra’ una seria mobilitazione a sostegno del piano regolatore del porto ,illustrando dapprima i vantaggi, e la conseguenza sarà una massiccia partecipazione.Grazie

  2. Penso che chiunque abbia letto questo articolo avrà più chiari i termini della questione. Qui c’è in gioco la vivibilità di un’area che più di tutte ha sofferto e soffre quotidianamente gli effetti negativi della vicinanza del porto: pile di container, sferragliare di locomotrici che manovrano a pochi metri dalle case, panorama desolante…e pensare che il sestiere di Palmaro era una VERA perla! Il Piano Regolatore Portuale prevede finalmente una VERA riqualificazione di quest’area: prolungare il Canale e la Fascia avrà una ricaduta benefica molto importante. Chi si oppone a prescindere, si oppone alla riqualificazione di questa parte di Pra’ e i cittadini devono saperlo! Tutto è migliorabile, io non desidero allargamenti del porto, ma desidero fortissimamente l’allontanamento del porto dalle case e questo si può ottenere soltanto con il Porto-Isola, come ipotizzato da tempo dalla FondAzione.

  3. L’articolo di Niclo fa pienamente chiarezza ed annulla tutte le illazioni artatamente fatte circolare per impedire la realizzazione della legittima e sacrosanta “rinascita” di Pra’,da decenni vittima delle peggiori incurie e devastazioni:nessuno, nè a Voltri, ne’ dovunque, può permettersi di negare ai Praesi di perseguire con forza e tenacia la riqualificazione del loro territorio!
    Abitare a pochi metri da una siffatta infrastruttura com’è il Porto di Pra’, tra i miasmi, i rumori continui, soffocati da pile di container e detriti…ragazzi, è cosa devastante per lo spirito, la salute, persino l’umore: la Fondazione Primavera, apportando le opportune modifiche e proposte al Piano regolatore Portuale, prefigura la visione del Porto Isola, che va fermamente sostenuta, sgombrando il campo da assurde “leggende metropolitane”.
    Nessuno ne verrà danneggiato, anzi, sarà un bene per tutta la Delegazione.

  4. Questo articolo ma anche e soprattutto i commenti che ho letto relativamente ad esso e ad altri in passato è davvero un ottimo spunto di riflessione.

    Pra è stata stuprata.

    Architettonicamente, paesaggisticamente, moralmente, etimologicamente.
    Credo che su questo non ci piova.
    La cosa che mi lascia più di sasso, però, è l’atteggiamento dei miei conterranei.
    Invece di aprire commissioni d’inchiesta sui responsabili di questo scempio e cercare chi ha provocato un macello del genere….. Rinvangano rivalità alla “Don Camillo e Peppone” con i vicini Voltresi, rei di chissà quale colpa per essersi invece difesi la propria spiaggia con ogni mezzo.
    Il Praese medio, ora, non solo non si rende conto di quanto sia vergognosa la porcata del Porto…. Addirittura ne rivendica la paternità/attribuzione!!
    Di quello, come del blocco edilizio “lavatrici”, bisognerebbe cercare di prendere le distanze nel modo più netto, perché sono un pugno in un occhio e anche al cuore.
    Invece no… Quasi orgogliosi di attribuirsene il nome per non “regalarlo” ai cugini Voltresi. Quale regalo… Poi?
    Ma dico io… Vale la pena di guadagnarsi notorietà per una immondizia architettonica simile?
    Preferisco essere ricordato per la Terra del basilico più buono del mondo, che per essere associato al Porto e alle “lavatrici”.
    Ma che vergogna. Ma cosme si può? È come vantarsi delle randellate prese al punto da scrivere il proprio nome sul bastone, anziché opporsi alle percosse.
    Io credo che se il Professor Sgarbi si facesse un giro per Prà, conoscendone le antiche virtù, oggi riconoscerebbe un bel gregge di capre.

  5. Un articolo veramente documentato e competente. Credo che sia questa la via da seguire: un Piano regolatore del Porto di Prà è necessario come sbocco istituzionale di tutte le problematiche connesse a questa ingombrante presenza che c’è e va gestita.
    Complimenti all’estensore.

  6. Sono d’accordo con Francesco : l’articolo del Signor Calloni e’ proprio interessante e completo,anche la strada indicata di un Piano regolatore del Porto di Pra’risulta l’unica via d’uscita.Ma anche il Signor Giorgio ha ragione da vendere,la sua osservazione e’totalmente condivisibile e giusta.Dobbiamo prendercela con chi ha voluto il Porto,non con i vicini Voltresi.Essere Fieri che il Porto si chiami “di Pra’” invece che”di Voltri” non mi sembra una conquista e neanche una consolazione.Bravo Giorgio!

  7. Signora Carla, La ringrazio. Ahimè è una magra consolazione, perché sono evidenti tanto lo scempio architettonico/paesaggistico quanto quello quello “culturale”.
    È talmente paradossale nella sua scempiaggine, che viene da ridere per non piangere.
    È come pensare che gli abitanti di San Donato Milanese rivendichino orgogliosamente che una loro frazione sia riconosciuta sulle cartine geografiche e nei cartelli stradali come “Metanopoli”.

    Loro la città del metano, noi la città del porto (commerciale).
    Potremmo proporla come “Catramopoli”.

  8. Caro Giorgio,
    per piacere, non scherziamo: nessuno di noi praesi si sogna di essere fiero delle “lavatrici”(dove l’hai letto?), nessuno vuole la guerra con Voltri, e ci mancherebbe,l’ultima spiaggia decente vicino casa, non va toccata, ma protetta!
    L’autore ha semplicemente voluto chiarire e confutare talune illazioni che da lì sono partite,ma ribadisco che su pure venissero da Marte,sono dannose. Porre problematiche pretestuose ed “a prescindere” alla realizzazione di un Piano Portuale che contempla anche elementi di riqualificazione per Pra’,e che, nella sua prima stesura, comprendeva pesanti ed ulteriori ampliamenti, non giova a nessuno e rischia di compromettere le potenzialità positive, per
    l’intera delegazione. La FondAzione PrimAvera opera per una condivisione di obiettivi, ed attraverso un dialogo franco con gli amministratori, lavora affinchè elementi di valore come il prolungamento della Fascia ed il Canale divengano parte integrante del nuovo volto del Porto di Pra’ e di tutto il litorale del Ponente.
    A tale proposito, ti assicuro che ripristinare la denominazione corretta non è certamente una “revanche” verso chicchessia, ma il riconoscimento della realtà storica e geografica, punto e fine. Non si può ignorare la verità, ha una forza dirompente che spacca il mondo: il Porto è di Pra’, siano per l’appunto i PRAESI gli artefici, i catalizzatori, coloro che a tengono le redini per farlo diventare da problema ad OPPORTUNITA’… Si può fare,sai, basta crederci!

  9. Caro Giorgio, ha proprio ragione, Pra’ è stata stuprata. Anche al limite di toglierle l’identità ed il nome stesso. Nessuno ce l’ha con Voltri, buon per loro se sono riusciti ad evitare lo scempio, tuttavia l’attribuzione del nome giusto alle cose è fondamentale ed eticamente corretto, nel bene e nel male. Ora che il porto, finalmente, ha assunto la denominazione corretta ed ufficiale, PORTO DI PRA’, sarà anche chiaro dove dovranno essere concentrati gli eventuali, anche magri, ma pur sempre utili, contributi economici derivanti dalle operazioni portuali. Lascio a lei immaginare dove sono finiti tali fondi fino a poco tempo fa, in ulteriore dispregio ed insulto per i disagi patiti dai Praesi. Infine, per molti anni è stato gioco molto facile chiedere a Voltri pareri su cosa fare al porto un tempo allucinantemente chiamato “di Voltri”, che invece si trova a Pra’, passando sulle teste dei Praesi che, invece, il porto ce l’hanno tutti i giorni davanti al naso. Quindi, è evidente che attribuire il nome giusto alle cose, non è banale campanilismo, ma la fondazione su cui costruire la rinascita di un paese, Pra’, stuprato, avvilito, devastato, ma che, come dice qualcuno, ora “rinasce dalle sue stesse ceneri, come “La Fenice”. Ci pensi bene, prima di sottovalutare le azioni di chi si sta dando molto e bene da fare per Pra’.

  10. Se Giorgio è il nome di Giorgio, si deve chiamare Giorgio, Se Elisa è il nome di Elisa, si deve chiamare Elisa, se Elsa è il nome di Elsa, si deve chiamare Elsa, se la passeggiata è a Voltri, si deve chiamare Passeggiata di Voltri, se il porto è a Pra’, si deve chiamare Porto di Pra’, se il casello autostradale è a Pra’, si deve chiamare casello di Pra’. Stop. Sono “basics”, fondamentali che, dalle nostre parti, sono passati in secondo piano oscurati dal pressappochismo di una politica incapace ed imbelle. Comunque i fondamentali, basta la parola, sono importanti, ed era ora che a Pra’ si riscoprissero. Tutto qui. Semplice no? E dopo averli “rimessi a posto”, guardiamo al futuro, magari a PRA’ FUTURA.

  11. Lungi da me sottovalutare le ottime azioni di chi si prodiga, anzi, colgo nuovamente l’occasione per ringraziare ancora il Sig. Calloni, al quale ho già porto i miei complimenti.

    Fatta questa premessa, come ben sai io sono nato a Prà ma cresciuto a Voltri e lì ho trascorso moltissimi anni prima di essere “adottato” dalla Madunina.
    Due volte, ricordo distintamente, parlando con colleghi e dicendo che sono di Voltri, mi hanno detto “ah, bene, che bello.. La città della focaccia più buona! …C’è anche il porto, vero?” ricordo così bene la mia risposta, pur essendo trascorsi ormai anni: “no, aspetta, Voltri è vero è la città della focaccia del mondo… Ma il porto è a Prà! Uscito dall’autostrada giri a sinistra e trovi il porto, a destra la focaccia e il mare”.
    Ricordo di averlo ribadito quasi orgogliosamente, perché sentirmi attribuitai l’associazione a quella schifezza invereconda di catrame, container e puzza mi suonava come un’offesa.

    Ma, se c’è qualcuno a cui addirittura fa piacere essere, “finalmente”, “correttamente”, “allucinantemente” ricordato sulle cartine geografiche e nella memoria della gente per quella bella poesia di cemento, ad un Voltrese non possa che far piacere: in questo modo nessuno confonderà piu i due “campanili”.

    L’araba fenice rinasce dalle proprie virtù, non dai vizi che l’hanno portata alla morte.
    Confondere la causa con l’effetto, la fine con l’inizio, non è una buona premessa…
    Ma auguro il meglio a chi è fermo sulle proprie convinzioni e forte di quelle che sente orgogliosamente “conquiste”.
    Ben felice, cedo volentieri l’ultima parola.

  12. “Allucinante”, e anche un po’ grottesco, è attribuire un nome sbagliato, (di un porto, non di una briosce), attribuire il nome giusto alle cose, siano esse positive o negative, piaccia o no, si chiama realtà ed onor del vero. I voltresi stiano contenti con la loro focaccia, ben contenti di essersi schivati il porto. I Praesi cercheranno di trarre dei vantaggi dal loro…porto, tra le varie cose magari ricevendo i contributi economici che, a quanto pare, grazie al “trascurabile errore toponomastico” del “Porto di Voltri” negli anni scorsi se ne andavano proprio a … Voltri…ma guarda un po’ che bell’esempio di giustizia ed etica. Ogni problema, anche il porto, può essere trasformato in un’opportunità. Cordiali saluti e grazie per lo stimolante scambio di opinioni, che alla fine sembrano convergere, che ci offre “SuPra’Tutto.

  13. Concordo con Elisa, anche se capisco il punto di vista di Giorgio.

    Capisco possa sembrare paradossale battersi per ottenere la paternità logistica del Porto. Non è un figlio di cui andare orgogliosi. Ingombrante, inguardabile, dannoso e soprattutto reo di averci sottratto la bellezza di un tempo. Quando apro la finestra e poso gli occhi su quel mare di ferro, mi chiedo come sia stato possibile subire una devastazione ambientale pesantissima senza (pressocchè) battere ciglio. Negli anni ’70, quando lo scempio ebbe inizio, non ricordo si parlasse di “coscienza ambientale”, tantomeno che si dovesse promuoverla e sostenerla per non giocarsi il futuro. E questo fu un male. Se oggi ci prospettassero un ecomostro da milioni di metri cubi sottocasa, sarebbe scontato scendere in piazza e muoversi in tutte le direzioni possibili, a colpi di protesta e carte bollate. E’ vero che non sempre basta, perché l’opposizione è quella di Davide a Golia, ma verrebbe naturale provarci e in allora, mi perdonino i vecchi Praesi, non abbiamo urlato o non abbiamo urlato abbastanza. In parte, per la faciloneria che recitava “Prima che decidano, prima che arrivino in fondo … Da qui a quando sarà finito …” e, in parte, perché ci hanno debitamente anestetizzato con la previsione di posti di lavoro su cui avremmo avuto un diritto prioritario. Posti che non sono mai arrivati nell’entità con cui ci hanno convinto che … “valeva la pena”. Per decenni, abbiamo subito la presenza del Porto e le conseguenze della sua attività col mugugno del “senno di poi”; giusto ricordare come eravamo, avere memoria del nostro passato, ma dobbiamo asciugarci le lacrime e guardare avanti, un metro alla volta. E un passo significativo è stato il riconoscimento della collocazione geografica e territoriale del Porto. Da “Porto di Voltri” a “Bacino portuale di Prà”: come si legge sul sito dell’AP di Genova “il cambiamento rappresenta un atto di giustizia rispetto ad una denominazione che in realtà non era mai stata formalizzata ma era, di fatto, di dominio pubblico e di uso corrente attraverso la tradizione e la prassi”. Non una carezza a cui scodinzolare come beoti dopo anni di bastonate, ma … un atto DOVUTO. Perché l Porto è situato esclusivamente davanti al nostro abitato e se dall’impegno a migliorare il rapporto fra comunità portuale e tessuto sociale dovessero scaturire benefici, di qualsiasi tipo, è sacrosanto che sia Prà a goderne. Questo, io penso, è il nodo della questione. Una questione di correttezza in primis e di opportunità, eventuali, da cogliere. E dovremo essere pronti a farlo, come ad essere informati a vigili perché in previsione c’è l’adattamento delle strutture portuali all’arrivo delle supercontainers, “barchette” da centinaia di metri, che vomiteranno infiniti scatoloni di ferro e altrettanti possibili guai. Il cambiamento di denominazione del Porto è una tessera che doveva essere collocata correttamente in un mosaico molto più ampio e complesso in cui Pegli, Prà e Voltri devono giocare un ruolo attivo, unite e coese al di là di campanilismi ottusi che altro non fanno se non il gioco di chi antepone il concetto di “profitto” a quello di “diritto”. Sarà un’impresa al limite del possibile, ma in nessun tempo e in nessun luogo “Davide” ha avuto vita facile … intanto, anche nello sconforto e con rabbia sacrosanta, bisogna crederci.

  14. Brava Paola, hai colto nel segno. Concordo al 100%. Con l’attuale piano regolatore portuale Pra’ ha l’occasione di riscattarsi e, invece di stare lì seduta a guardare mentre la massacrano, come ha fatto in passato, cercare di influire sulle scelte, giocando d’anticipo, senza subire le decisioni e le visioni di chi vede il porto con i binocoli e non se lo trova certo davanti alle finestre di casa ogni giorno. Questo è il sacrosanto concetto lanciato da Niclo Calloni con il suo articolo. Accettiamo il porto, trangugiamolo fino in fondo, anche se è una bevanda amara e che fa ribrezzo, improssessiamocene, superiamo la sindrome che ci attanaglia da decenni e, finalmente, facciamolo nostro ed usiamolo per il bene di Pra’ e dei suoi cittadini, presenti e futuri. Specie se ciò equivale ad ottenere il prolungamento del canale di calma e della fascia di rispetto davanti ai sestieri praesi di Palmaro e Cà Nuova, unica speranza di risanamento per il settore più a ponente di Pra’, che ha pagato il conto più salato per la costruzione del porto. Certo, combattendo con i nostri stuzzicadenti contro i Kalashikov, ma se ce la fece un tale Davide, ce la possiamo fare anche noi. Non tutto è perduto. Mission is possible. Ciao a tutti, uniti si vince. Certo, anche insieme a Pegli e a Voltri se e quando necessario, senza però mai dimenticare che le questioni del porto di Pra’ riguardano, in primis, i Praesi, e devono essere loro, e non altri, ad influenzarle, indirizzandole, finalmente, nella direzione giusta e del giusto equilibrio tra porto e cittadini di riferimento.

  15. Grazie, Paola G.
    Molto spesso, da queste colonne, ci siamo trovate d’accordo…i tuoi interventi hanno il pregio dell’equilibrio, che è caratteristica che anche io perseguo sempre: sara’ chiaro che rifuggo come la peste le posizioni radicali ed estreme, cercando sempre la sintesi e preferendo il dialogo, il ragionamento, come spesso fai tu. Giorgio ha avuto il pregio di sollevare un utile discussione, e molti di noi hanno chiarito, mi sembra molto efficacemente, i termini delle numerose questioni in oggetto.Speriamo di avergli dato dei contributi su cui riflettere.

    Mi piace come questa serie di commenti stia diventando una moderna Agora’, dove confrontarsi civilmente ed esprimere il proprio pensiero.Grazie, SUPRATUTTO.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*