La Road-Map per Pra’- Palmaro

Vuoi ingrandire, clicca col dx e apri in altra scheda

Guido Barbazza –

Come purtroppo tristemente noto, il Bacino Portuale di Pra’ è stato realizzato in modo invasivo e con totale noncuranza delle più basilari norme ambientali e di integrazione e simbiosi con Pra’, l’Ex Comune e Delegazione della Città di Genova il cui litorale è stato devastato. La presenza della ferrovia addossata alla via Pra’ ha finora impedito operazioni di recupero e valorizzazione di grande portata nella zona litoranea di Pra’- Palmaro, quella più penalizzata dalla costruzione del Bacino Portuale di Pra’. Le devastazioni ambientali degli ultimi decenni hanno provocato anche uno scollamento del Sestiere di Pra’ – Palmaro dalla Delegazione di appartenenza, Pra’, che lo ha reso diviso, debole e poco ascoltato. Ma c’è un altro importante fattore che ha determinato le pesanti problematiche attuali: la mancanza, per decenni, di una visione, di un piano, di un programma chiaro e condiviso tra cittadini ed istituzioni, da portare avanti insieme fino alla sua completa implementazione. In poche parole, di una “Road Map”. “Road map” in inglese significa “mappa stradale” ed è anche usata come sequenza temporale di azioni previste attraverso la quale ci si prefigge di raggiungere un obiettivo. Lo sviluppo di una road map ha tre obiettivi principali:

1) Aiuta a raggiungere una visione chiara ed il relativo consenso su una serie di obiettivi e sulle azioni necessarie al loro raggiungimento;

2) Consente un meccanismo di supporto per le decisioni operative da prendere;

3) Fornisce un quadro di riferimento per pianificare e coordinare gli interventi. Il Consiglio di Comunità Praese ha così messo a punto la Road Map per Pra’ – Palmaro, che si articola su tre visioni, dalle quali sono ricavate le varie azioni e il loro crono-programma:  1) Unione e sinergia con la Delegazione di appartenenza, Pra’, con il Sestiere di Pra’-Palmaro riconnesso con la sua appartenenza territoriale alla Delegazione ed Ex-Comune di Pra’, la riscoperta del proprio ruolo all’interno della Comunità Praese e azioni comuni in sinergia e sintonia per migliorare il Sestiere, con il pieno aiuto e supporto di tutta Pra’. 2) Recupero e valorizzazione, con l’ estensione del POR – Pra’ Marina lungo tutto il litorale di Pra’, dal Rio Branega al Rio San Giuliano, lo spostamento a mare della ferrovia Ge-XX Miglia e creazione della passeggiata a mare con lama d’acqua e collinette alberate di separazione abitato – parco ferroviario Pra’ Mare e Porto di Pra’. 3) Porto amico, con dispositivi di movimentazione dei container del Bacino Portuale di Pra’ silenziati e interventi su parco ferroviario portuale di Pra’ per ridurre le emissioni acustiche, ma anche incremento del trasporto su rotaia con diminuzione al minimo di quello su gomma. L’inedito, per Pra’, approccio coordinato e sinergico di tutte le realtà associative praesi, unite nel Consiglio di Comunità, se mantenuto forte e perseverante al motto di “gutta cavat lapidem” (una goccia d’acqua può tagliare la pietra) porterà sicuramenti benefici per la zona di Ponente di Pra’, ed in particolare per il Sestiere di Palmaro, troppe volte colpevolmente abbandonato e lasciato a se stesso da svariati comitati e movimenti praesi del passato. Bisogna crederci, lavorarci tutti insieme noi praesi, senza divisioni e protagonismi, (mentre da qualche mese il Comitato ed il CIV di Pra’ – Palmaro si sono ricostituiti ed hanno aderito al Consiglio di Comunità Praese con cui lavorano in sintonia e sinergia).
Insieme, determinati, perseveranti, si può realizzare la Road Map per Pra’ – Palmaro.

 

 

 

 

6 Comments

  1. Notizia bellissima finalmente qualcuno costruisce la visione per valorizzare la parte di ponente di Pra’ troppo spesso dimenticata

  2. Certo ed e’ straordinario avere un tracciato preciso da crono-seguire.
    L’unione fa la forza, mai come adesso cio’ e’ vero e ringrazio Guido per questa road map cosi’ dettagliata…Comitato, Borgo, Civ , Villa de’ Mari collaborano con Fondazione nel Consiglio di Comunita’ Praese, ed ovviamente questo valorizza le proposte condivise nei confronti delle istituzioni cui si chiede, giustamente, di rimediare a decenni di incuria.
    Basta sapere cosa si vuole, perche’ non esiste strada buona per chi non sa dove andare…:-)

  3. Sul Secolo XIX di ieri è apparsa una intervista al presidente dell’Autorità Portuale che ipotizza uno spostamento del Petrolchimico Carmagnani e Superba da Multedo a Prà. Oggi sulle stesse pagine l’Amministratore Delegato del VTE Danesi rigetta fortunatamente tale teoria. Il ruolo di tutti coloro che hanno a cuore le sorti di Prà è quello di continuare vigilare contro le uscite degli splendidi personaggi di turno affinchè la lodevole vision di Prà possa concretizzarsi senza ulteriori penalizzazioni per la nostra delegazione.

  4. Calma e gesso.. !!.. Quanto annunciato in conferenza stampa dal presidente Signorini sullo spostamento dei “Petrolchimico” a Pra’ è solo un’ipotesi di soluzione al problema di Multedo. Non voglio dilungarmi in analisi approfondite su questa che ritengo l’espressione lampante dell’incompetenza di chi la verbalizzata.Per mia esperienza personale e professionale ritengo la cosa non realizzabile per tutta un serie di motivi. Contiguità col terminal container dove lavorano migliaia di persone nei vari turni giornalieri, presenza di navi all’ormeggio per operazioni commerciali,il consenso dell’ENAC che non ci sarà mai in quanto ha già bocciato il progetto delle pale eoliche sulla diga foranea del Bacino Portuale di Pra’, figuriamoci se accetta la presenza di depositi di idrocarburi sul “Cono Aereo” dell’aeroporto di Genova. Ritengo questa idea irrealizzabile e chiara immagine dell’incompetenza di chi, purtroppo, si trova al vertice di un Ente che meriterebbe migliore statura

  5. Bravo Mio Capitano!
    Idea balzana, oltretutto annunciata alla stampa senza nemmeno aver consultato il MUnicipio ed i cittadini. Non solo, ma sec.me manco a Multedo dovrebbero esserci i depositi, non siamo la pianura padana, la Liguria soffre la cronica carenza di spazi, per la sua conformazione geografica, che vede il mare, poi gli insediamenti urbani, e subito dopo, colline anche di discreta altitudine. Se in tale contesto ci mettiamo servitu’ impattanti, ecco che andiamo a scardinare un delicato equilibrio.
    OK all’occupazione, ci mancherebbe, ma andrebbe ripensato tutto in chiave sostenibile.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*