Il rammarico di Genova: “Forse l’abbiamo più persa noi che non vinta loro”

#Luciano Bozzo

Un’ora dopo la Regata delle Antiche Repubbliche Marinare Italiane che ha appassionato e tenuto con il fiato sospeso una folla stimata in diecimila persone, assiepata sotto un piacevole sole lungo il perfetto corridoio acqueo del Canale di Calma di Pra’, i protagonisti del grande evento, Galeoni e Canottieri escono dalle luci della ribalta e trovano riposo nello spazio della darsena del Centro Remiero, sede del G.S. Speranza e del Centro Federale Italiano di canottaggio.
I Galeoni smaglianti e colorati, in vetroresina, che da soli pesano la bellezza di 760 chili, vengono issati e posizionati nell’area antistante le grandi “Barche rovesciate” del Centro Remiero, il cui profilo da alcuni anni è parte integrante e cara del paesaggio del paese di Pra’.  Qui i fieri Galeoni, ora a terra, si concedono agli ultimi sguardi ammirati degli spettatori di passaggio dal campo di regata al piazzale della stazione verso gli stand gastronomici, presi letteralmente d’assalto da centinaia di persone affamate e desiderose di assaggiare le tante prelibatezze locali del Ponente genovese.

Qui gli atleti di Amalfi proseguono i loro festeggiamenti, mentre vogatori e tecnici liguri cercano di metabolizzare la delusione per una regata che sembravano avere in pugno e che invece è sfuggita loro negli ultimi metri. Ma poi vincitori e vinti stemperano i loro opposti sentimenti in tanti affettuosi abbracci e saluti, tanto più che molti di loro, di entrambi gli schieramenti, sono anche compagni di squadra in tanti degli equipaggi che danno lustro alla Nazionale Italiana di questo sport, affascinante e faticoso, così amato, seguito e praticato dalle nostre parti.
E proprio nella darsena SuPraTutto ha incontrato l’allenatore ed uno degli atleti di spicco del Galeone genovese per raccogliere dalla loro voce sensazioni e commenti.

Cesare Gabbia, 34 anni, è uno dei componenti dell’equipaggio con la croce di San Giorgio sul petto ed è anche un validissimo atleta della selezione Nazionale; un anno fà, con i suoi compagni, ha riportato a Genova il prestigioso trofeo del Palio dopo ben 17 anni di assenza dei genovesi dall’albo d’oro ed ha poi conquistato un prestigiosissimo bronzo nell’Otto ai campionati mondiali di ottobre negli USA.

Cesare Gabbia, vogatore dell’armo di Genova e della Nazionale italiana.

 

Quest’anno, lui che è di Pegli e che quindi forse un pò più degli altri si sentiva praticamente a casa, ha solo potuto sfiorare il prestigioso doppio successo nella Regata storica.
Gli chiediamo un commento alla gara e ad una vittoria che è sfuggita proprio all’ultimo istante.

<<Si, purtroppo è sfuggita all’ultimo, per un secondo, forse anche meno. Abbiamo l’amaro in bocca per certe cose che abbiamo sbagliato durante la gara. Conoscevamo però il grande valore degli avversari: 5 dei ragazzi di Amalfi sono in nazionale con me, e due sono anche miei compagni di squadra. Però è andata così, riproveremo a vincere l’anno prossimo.>>

Dove potevate fare meglio, in quale parte della gara ?

<<Nella seconda parte: tra i 750 ed i 250 metri prima dell’arrivo dovevamo stare un pò più uniti. Secondo me abbiamo pensato che gli avversari fossero già battuti perchè eravamo ben avanti, ma questi avversari non muoiono mai. Sono ragazzi molto forti e l’hanno dimostrato alla fine.>>

Che sensazione ha provato a gareggiare nel campo di casa con questa cornice di pubblico ?

<< E’ stato bellissimo, ci siamo trovati molto bene. Gareggiare nel campo di casa, dove ci alleniamo abitualmente fin da quando eravamo bambini, è stato particolarmente piacevole. Il pubblico si è fatto sentire anche se purtroppo non è bastato. Però devo dire che Pra’ ha saputo dare una grande e bella dimostrazione e ha saputo guadagnare sicuramente valore e prestigio. Al di là del risultato finale ci siamo divertiti ed è stato davvero bello.>>

Filippo Dato, allenatore del Galeone di Genova.

 

Filippo Dato è l’Allenatore del Galeone di Genova, ed anche a lui abbiamo rivolto un paio di domande.

Rispetto all’anno scorso è mancato qualcosa nella vostra prestazione o semplicemente erano più forti gli avversari ?

<<Quando si perde di poco, due o tre metri le differenze sono molto limitate. Rispetto ad un anno fa noi abbiamo cambiato poco mentre Amalfi ha sicuramente rinforzato l’equipaggio ed in un campo di gara molto preciso come questo è successo un pò l’imponderabile perchè noi eravamo davanti con un passo di gara ordinato e composto. Poi abbiamo avuto 400, 500 metri di scollatura. Forse eravamo troppo sicuri, loro si sono portati sotto e noi non abbiamo reagito bene probabilmente. Il rammarico è che forse l’abbiamo più persa noi che non vinta loro.>>

Nel finale però credeva alla vittoria ?

<<Assolutamente, poi io ero molto a poppa della regata, sulla barca e quindi non riuscivo bene a leggere la profondità e le distanze visto che la differenza tra le due imbarcazioni era proprio di pochissimi metri. Poi ho visto però che ad alzarsi per primi in piedi sui palchetti al traguardo sono stati i ragazzi di Amalfi e quindi chiaramente avevano vinto loro. Peraltro è sempre difficile fare il bis. C’eravamo riusciti nel 1999 e nel 2000 e volevamo ripeterci anche questa volta.>>

Non ci siete riusciti però avete fatto una bella gara anche quest’anno e avete confermato di essere un equipaggio molto competitivo. Peccato perchè è mancato davvero poco all’impresa.

<< Si peccato, anche perchè a parte Amalfi, gli altri due galeoni di Venezia e Pisa li abbiamo lasciati decisamente indietro e poi questa bellissima cornice di pubblico si meritava la vittoria. Sono accorsi davvero in tanti ad assistere alla gara che si svolgeva per la prima volta a Pra’. Secondo me una manifestazione ed uno spettacolo perfettamente riusciti, grazie anche all’impegno di tutti, in particolare di Marco Dodero  che l’ha fortemente voluta proprio a Pra’.>>

Un’esperienza positiva, da ripetere anche nelle prossime edizioni quindi ?

<<Certamente si. Questo si è dimostrato un campo di gara all’altezza, con il lavoro di tutti i volontari che si sono dati da fare egregiamente. E’ stata davvero una bella esperienza. >>

 

1 Comment

  1. Bella intervista, due personaggi autentici e ricchi di passione…naturalmente, lo sport e’ cosi’, si vince e si perde, ma ogni anno si ripete l’opportunita’ di portare a casa il mitico trofeo.

    L’armo di Genova ha comunque disputato una bella gara, in soli duemila metri basta un attimo a determinare la vittoria, giusto per un’ incollatura…grazie ragazzi del Galeone Bianco!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*