PianoPortualeL’Autorità Portuale di Genova ha da tempo pubblicato sul proprio sito internet tre ipotesi progettuali, o “scenari”, per l’ampliamento delle aree portuali del Porto di Pra’. Tutti i riempimenti e gli ampliamenti prospettati, se mai realizzati, verranno a interessare solo ed esclusivamente il litorale della delegazione praese.  Dall’analisi degli scenari “Porto Lungo” e “Isola” (scartando l’aberrante idea dell’ “Allungamento”, che prevede solo altri riempimenti e disagi per Pra’ a fronte di contropartite nulle) si registra con piacere un positivo segno di attenzione per la cittadinanza e per la riduzione dell’impatto ambientale, con l’ipotesi di allargamento e allungamento del canale di calma e la realizzazione del canale di congiungimento con il mare, a Ponente. Tali impostazioni risultano per molti aspetti  in linea con la proposta “Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro” lanciata su “il Praino” di aprile 2010.  La FondAzione PRimA’vera ha analizzato in dettaglio i tre scenari, tenendo presente un gran numero di segnalazioni e di suggerimenti ricevuti da cittadini di Pra’, e, con l’ausilio di un team di ingegneri e di esperti di opere portuali, ha realizzato un quarto scenario denominato: “Pra’ isola & porto amico”. Gli elaborati preliminari sono stati inviati all’Autorità Portuale nello scorso mese di luglio. La FondAzione ha espresso «grande dissenso e contrarietà agli scenari “Avanzamento” e “Porto Lungo” in quanto prevedono solo altri  riempimenti (“Avanzamento”), o contropartite apprezzabili ma non sufficienti (“Porto Lungo”) senza una articolata e completa riqualificazione del litorale della Delegazione, che ha  già dovuto sopportare, senza adeguate contropartite, grandi perdite e disagi per la costruzione del porto esistente». Lo scenario della FondAzione parte dal concetto “Isola”, migliorandolo con l’allargamento del canale di calma e la creazione di una zona cuscinetto trasferita alla Delegazione per attività nautiche diportistiche sul lato sud del canale stesso, come ipotizzato per il progetto “Porto lungo”. La FondAzione ha rinnovato la richiesta di giungere finalmente alla modifica ufficiale sia dei nomi dei progetti sia del porto stesso, costruito a Pra’, utilizzando il nome di Pra’, Delegazione dove si trova il porto, e dove sarebbero realizzati anche gli eventuali ampliamenti. Ha sottolineato infine  come «sia prioritario realizzare prima la parte di ripristino del litorale ed allungamento/allargamento della Fascia di Rispetto e del canale di calma, e poi l’espansione del porto». La FondAzione si sta attivando per organizzare a Pra’ una conferenza specifica, con la partecipazione di esperti del settore, per presentare la soluzione “Pra’ isola & porto amico”, auspicando che Autorità Portuale e Comune vengano ad illustrare le loro visioni direttamente a Pra’, e a confrontarsi con i praesi, sulla cui vita e territorio impatteranno, ancora una volta, le scelte di strategia portuale.  Sarebbe un passo avanti per ricongiungere il “porto alieno” alla parte di città che lo ospita, iniziando un percorso virtuoso per trasformare la percezione del terminal container in “Porto Amico”.

Guido Barbazza

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*