I risultati della “Partecipazione Attiva” e i rischi della “Demagocrazia Diretta”

Ernesto Soressi

Il 2020 è arrivato e la data è significativa. Ieri il Secolo XIX ha riportato la notizia che martedì 7 gennaio inizieranno finalmente i lavori per la realizzazione delle dune antirumore che Pra’ attende da troppi anni. Questi lavori, insieme al completamento delle attività relative all’elettrificazione delle banchine, che si prevede terminino in estate, porteranno ad un sensibile miglioramento della qualità della vita a Pra’. E’ chiaro che il percorso da fare è ancora lungo e che si dovrà continuare a tenere una soglia di attenzione piuttosto alta sul fatto che non ci si areni durante il cammino, ma iniziare l’anno con queste notizie è un’ottima cosa e induce sicuramente all’ottimismo. Credo utile inoltre una riflessione sul come si è arrivati a questi risultati, che sono da archiviare accanto a molti altri raggiunti in questi anni: il tangibile risultato raggiunto con la bonifica delle aree della fascia di rispetto e il ristabilimento della verità toponomastica dei luoghi, che ha portato al ri-consolidamento della nostra identità locale. Viviamo nell’epoca della comunicazione digitale e di quella che definirò “Demagocrazia Diretta”. Molti, purtroppo qualche volta anche amministratori di cose pubbliche, tendono a fare proclami e utilizzare slogan altisonanti che possano aver presa immediata sul pubblico, con il solo obiettivo di ottenere il massimo consenso con il minor sforzo. Le paure e le incertezze comuni sono sfruttate per la costruzione di un proprio seguito, ma senza che poi ne derivi un’azione concreta che possa raggiungere un qualsiasi risultato. La possibilità di raggiungere la popolazione, immediatamente e senza intermediazione, permette ai demagoghi, a tutti i livelli, di sfruttare nella misura più ampia gli insegnamenti di Le Bon(1), richiamati anche da Freud (2): “I sentimenti della massa sono sempre semplicissimi e spropositati. La massa non conosce quindi né dubbi né perplessità. La massa corre subito agli estremi, il sospetto sfiorato si trasforma subito in evidenza inoppugnabile, un’antipatia incipiente in odio feroce. Pur essendo incline a tutti gli estremi, la massa può venir eccitata solo da stimoli eccessivi. Chi desidera influenzarla non ha bisogno di rendere logiche le proprie argomentazioni, deve dipingere a fosche tinte, esagerare e ripetere sempre la stessa cosa. Poiché riguardo al vero o al falso la massa non conosce dubbi ed è però consapevole della propria grande forza, essa è al tempo stesso intollerante e pronta a credere all’autorità.” La conoscenza del rischio di cadere nella trappola della “Demagocrazia” permette, ad una comunità consapevole, di evitare di trasformarsi in una generica massa, così come è descritta da Le Bon, e quindi di assumere comportamenti che le permettono, invece, di incidere profondamente nel processo decisionale, attraverso quella che definirò “Partecipazione Attiva”. Quali sono i passi necessari per Partecipare Attivamente? Il primo passo utile è la presa di coscienza della propria appartenenza, oltre che ad un luogo anche ad un futuro comune; è ciò che la Fondazione PRima’Vera ha sempre declinato con il concetto di “Identità”, da cui sono derivate le battaglie, tutte vinte, sull’importanza del corretto utilizzo del nome dei luoghi in ogni circostanza. Il secondo passo è la definizione comune di obiettivi pratici, tangibili e raggiungibili, e la pianificazione di un percorso di azioni volte all’inserimento di questi obiettivi all’interno dell’agenda programmatica dell’Amministrazione, con spirito costruttivo e proattivo. Il terzo passo è il monitoraggio costante di quanto viene realizzato, al fine di segnalare eventuali discrepanze rispetto a quanto promesso e pianificato, e, sempre con spirito costruttivo, di partecipare all’individuazione di eventuali vie alternative che permettano di superare gli immancabili ostacoli. Tutto ciò implica impegno costante, determinazione e pazienza sapendo che non si può ottenere tutto e subito, ma è di enorme supporto la consapevolezza che attraverso il processo di Partecipazione Attiva la comunità Praese, raccolta nel Consiglio di Comunità Praese, è riuscita a raggiungere molti obiettivi e molti altri ne raggiungerà in futuro.

http://www.supratutto.it/2020-gli-obiettivi-della-comunita-praese/

Buon 2020 e grazie a tutti.

  1. Gustave Le Bon, “Psicologia delle folle” – 1895 –
  2. Sigmund Freud, “Totem e tabù, Psicologia delle masse e analisi dell’Io” – 1913 –

1 Comment

  1. La cittadinanza attiva non è facile, richiede impegno e responsabilità. È molto più semplice protestare, gridare, manifestare e poi aspettare che altri decidano, per riservarsi comunque il diritto di criticare…
    La svolta vera per il nostro territorio è stata quella generata dal gruppo che ha dato vita alla FondAzione, con il preciso intento di partecipare alle decisioni e di incidere sul futuro.
    Un percorso non facile perché non tutti hanno compreso e condiviso questa nuova modalità di relazionarsi con le Istituzioni. Però, alla fine, i risultati sono stati raggiunti, a partire dal riconoscimento della nostra identità territoriale. Ora aspettiamo che le banchine siano finalmente elettrificate e che le navi si alimentino in questo modo, abbattendo fumi e rumore. Aspettiamo anche di vedere finalmente le “dune”, che partono da una proposta/progetto dei cittadini, fatta propria dal Municipio, dal Comune e da Autorità Portuale.
    E intanto si lavora per la zona di Pra’-Palmaro….
    A tale proposito ho visto che stanno finalmente lavorando alla demolizione della “gabbia”…….
    La cittadinanza attiva è difficile, ma paga…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*