Un ‘Kolossal’ alla Pietro Thouar di Pra’

Giuseppe Bruzzone-

Galeotto fu Internet, grazie al mezzo tecnologico di questi tempi un gruppo di ‘ragazzi’ praesi si sono ritrovati a riannodare vincoli di amicizia e di vita scolastica della scuola elementare di Pra’: la Pietro Thouar. Essi, che non si vedevano da lungo tempo, riuniti in diversi incontri conviviali hanno ricordato gli anni passati insieme alle elementari e uno di loro sull’onda dei ricordi ha realizzato un libro moderno polisensoriale impreziosito con agganci multimediali : ‘Un Maestro Speciale’, stampato da Erga Edizioni. L’ autore è Roberto Cazzulo un ‘raga’ ora abitante a Genova ma legato sempre a Pra’ che ha ricordato i momenti passati in aula col maestro Dino Moroni. Il libro è stato presentato giovedi 5 Aprile alla biblioteca della scuola media Assarotti in via Branega 10. Il padrone di casa dell’Istituto Comprensivo Pra’, il dirigente Luca Goggi ha aperto l’incontro salutando i convenuti e lasciato poi condurre alla giornalista e scrittrice Carla Scarsi, che ha acceso Renato Cazzulo nei ricordi del maestro, presenti alcuni suoi compagni di classe: Agostino Gianni, Paolo e Umberto. Spronato dalla giornalista e dai compagni l’ autore ha rievocato, commosso ed emozionato, Dino Moroni, una maestro straordinario fuori dagli schemi dei maestri della metà degli anni ‘60’. Il maestro insegnava ‘giocando’, gli alunni imparavano la musica, coltivavano l’orto, facevano lezioni all’aperto dai contadini di Fagaglia, la ricreazione era allungata camuffata con giochi didattici, li portò pure a suonare il Nabucco al Politeama di Genova, con metà Pra’ ad applaudire a teatro. Il maestro nell‘anno 64-65 in occasione della Pasqua uscì allo scoperto con un evento mai avvenuto alla Pietro Thouar: la rappresentazione della ‘Passione di Gesù’. Di origini marchigiane, portò dalla sua regione la tradizione di questa rappresentazione. Con l’approvazione della Direttrice Tilde Rainò riunì i genitori dei ragazzi; in Italia era il periodo della contrapposizione politica tra democristiani e social-comunisti e Pra’ non era da meno. La rappresentazione poteva essere fonte di polemiche, ma il maestro fu convincente, ebbe l’assenso dei genitori e come il mitico regista del film ‘I Dieci Comandamenti’ Cecil B. De Mille partì in quarta: i suoi alunni aiutati dai genitori realizzarono i costumi di scena, le armi, altre classi parteciparono fornendo le parti femminili; Maria, le donne ebree e maschili i popolani; anche la mia classe del maestro Galati partecipò all’allestimento delle scenografie. Roberto Cazzulo fu scelto per interpretare Gesù e i suoi compagni presero le parti principali, Ponzio Pilato, i sacerdoti, i legionari. E venne il giorno della rappresentazione, il cortile tra la scuola e l’asilo, ora diminuito negli spazi, fu il set, il lato sud fu occupato da mezza Pra’, in prima fila il corpo dei docenti: tailleur con collana di perle per le maestre e giacca, camicia bianca e cravatta per i maestri, seduti con al centro la Direttrice. Alle spalle i genitori e i parenti degli alunni ad assistere al kolossal con tutte le tappe della passione: Roberto fu processato da Ponzio Pilato, portò la croce di legno vero, costruita da suo padre provetto falegname a tempo perso, aiutato dal cireneo, vessato dai legionari, vestito con la maglia di lana del nonno color carne e insanguinata, messo sulla croce in equilibrio precario con ai lati i due ladroni, bevve l’ aceto e poi esalò l’ ultimo respiro, la folla di noi alunni gridava o si disperava, con il rumore dei tuoni; migliori degli effetti speciali fatti a Cinecittà. Scene intense e crude spiegate abilmente dal maestro Moroni al microfono, alla fine il pubblico scoppiò in applausi ed ovazioni come all’ arena di Verona. Veramente un kolossal che io ricordo da sempre e questo libro me lo ha fatto rivivere di più, con una sorpresa: alla fine della riunione una ciliegina sulla torta: sullo schermo della biblioteca un filmino di una decina di minuti donato dai figli del maestro all’autore che è riuscito a convertire il film dal bianco e nero al colore. Si è tornarti indietro nel tempo, scene emozionanti, mischiato nel popolo c’ ero anch’io! Un grande grazie a Roberto Cazzulo che ha raccontato minuto per minuto le scene del kolossal; ricordi indelebili nella mia mente e di tanti ragazzi della Thouar anni ’60’. Il maestro Moroni fu un precursore, sperimentò nella Thouar di allora metodi pionieristici inediti, in cui si alternavano la musica, teatro, orto botanico, riassunti quotidiani, nel mezzo trasmetteva valori importanti come la solidarieta’ e lo spirito di squadra; un vero antesignano della didattica dei nostri giorni e l’ Istituto Comprensivo Pra’ sulle orme del Maestro Moroni ne continua lo sviluppo. Probabilmente durante la rappresentazione tra la folla era presente anche Lloyd Andrew Webber che pochi anni dopo realizzò l’opera rock ‘Jesus Christ Superstar’ tuttora rappresentata nei teatri di Londra e di tutto il mondo; un’opera che ricalca il kolossal alla Thouar narrato nel libro. Esso merita di far parte della libreria di ogni praese; descrive un periodo della vita della nostra comunità, da non dimenticare.

 

3 Comments

  1. Grazie Giuseppe… Ricordo anche io il meraviglioso Maestro Moroni e lo straordinario evento della Passione. Un ringraziamento particolare al caro Roberto Cazzulo per aver condiviso i suoi ricordi cin tutti coloro che vorranno leggere il suo bellissimo libro

  2. Questo articolo nasce dalla stessa emozione nei ricordi dell autore del libro: anche Giuseppe partecipò alla sacra rappresentazione da bambino…il maestro Moroni, amico di famiglia fin dalla nostra infanzia e collega del mio papa’ era davvero una persona unica ed ineffabile.

  3. Ricordo indelebile nella mia memoria.
    Ricordo il maestro Moroni e anche il maestro Provinciali (allora maestro di mio fratello Luig)
    Quella rappresentazione mi torna alla mente ogni anno il Venerdì Santo.
    Grazie.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*