La vela latina di Pra’ sul lago Maggiore

Giuseppe Bruzzone

Nella prima settimana di settembre sul lago Maggiore una volta chiamato dai Romani Verbano, dal venerdì 2 a domenica 4 settembre si è svolta a Laveno sulla sponda lombarda la Verbano Classic Regatta. Decima regata e raduno di barche a vela storiche classiche e tradizionali, la manifestazione più importante e partecipata in acque interne, un appuntamento molto sentito dai cultori delle barche in legno. Promosso dal circolo velico Medio Verbano e dal MIDEC; Museo internazionale del design ceramico con il patrocinio del Comune di Laveno Monbello, come dicevano una volta le locandine “ ridente e amena cittadina posta sul lago Maggiore”  Ben organizzato in tutte le parti dai momenti conviviali: aperitivo di benvenuto il venerdi sera, cena dei partecipanti sabato sera nel chiostro di palazzo Perabò, concerto musicale sul lungo lago, ai sportivi con : regate sabato e domenica mattina, premiazione con ceramiche degli artisti locali testimonianza della locale maestria nella ceramica.  Si sono ritrovati quarantuno equipaggi animati da entusiasmo e passione per le imbarcazioni in legno delle classi: Gozzi, Racing, Cruiser, Derive, 5,50 S.I .  Al raduno ha partecipato il nostro gozzo a vela latina il San Giuseppe della famiglia Michelini, lungo poco più di 5 metri è un gozzo dalla prora del tipo cornigiotto, imbarcazione caratterizzata dalla prua all’indietro, varato nel 1920 è il simbolo del sestiere praese della Foce.  La barca con vela latina, facile da manovrare usata dai pescatori della nostra costa fino agli anni 40 del secolo scorso, con gli altri gozzi liguri: il Beigua, l’Aurora e il Maniman ha sfilato e mostrato la sua linea sulle acque lacustri. Alla regata ha partecipato anche nella classe 5,50 S.I. (Stazza lnternazionale) il Grifone del 1963 della Marina Militare vincitore nel 1965 del Campionato del Mondo timonato dal Campione Olimpionici 1960 l’ammiraglio Straulino con Minervini e Petronio Sabato pomeriggio con vento di intensità 12 nodi si è svolta la prima regata, purtroppo domenica mattina una piatta di vento ha fatto ciondolare le barche sul campo di regata, così è stata annullata. Il Gozzo praese ha ricevuto il premio Memorial Piero Bedoni per la passione che la famiglia Michelini mette nel tenere vivo lo spirito delle barche in legno, e per l’ istituzione in Pra’ di un museo della cantieristica marinara: ricco di attrezzi, parti di barche e disegni di gozzi, visitato da scolaresche e appassionati.  Finalmente il malo virus è calato e da poco i club velici marini e lacustri hanno ripreso i raduni con le veleggiate, dopo questa regata chissà se il San Giuseppe parteciperà al Campionato Nazionali Italiani FIV in programma il 21 settembre a Capodimonte sul lago di Bolsena?

Cerro di Laveno Mombello

 

2 Comments

  1. Grande Giuseppe che ha scovato il nostro gozzo sul lago di Monbello…è un vero appassionato lettori miei, ne vorrei altri come lui in redazione!!!
    Non gli sfuggono queste chicche e ce le offre con entusiasmo sincero…grazie!

  2. Per quel che si dice il San Giuseppe questo w.e. era a festeggiare come ospite alle “Giornate Europee del Patrimonio” in quel di Mentone veleggiando con un bel vento sui 7 nodi. Sempre per quel che si dice, credo che difficilmente parteciperà al campionato italiano in quanto oramai in questo genere di manifestazione (solo organizzate in alcuni posti d’Italia) si esaspera l’agonismo modificando in modo discutibile gli scafi senza privilegiare la tradizione. E comunque, il San Giuseppe le sue regate “tirate” le ha già fatte dimostrando le sue doti di velocità che gli hanno permesso di affermarsi quasi costantemente al primo posto nella sua categoria o come quando nel “Trofeo del Presidente della Repubblica” nelle acque di Stintino si è piazzato al quarto posto assoluto con oltre 100 barche provenienti da tutto il mediterraneo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*