La luce di Santa Lucia

Giuseppe Bruzzone

Prima di Natale il 13 dicembre si festeggia Santa Lucia, una sorta di Natale in anticipo. Da mia nonna Beppa sentivo dire ”Santa Lucia u l’è u giurnu ciù curtu che ghè ”. Santa Lucia la si festeggia in quella che dovrebbe essere la notte più lunga dell’anno (anticamente si credeva che il 13 dicembre fosse il giorno del solstizio d’inverno che in realtà è il 21 dicembre). La leggenda narra che la giovane siciliana, originaria di Siracusa, orfana del padre, di famiglia ricchissima andò a Catania in pellegrinaggio al sepolcro di sant’Agata a pregare per la mamma malata, insieme a quest’ultima. Giunte al sepolcro, Lucia si addormentò e le apparve in sogno Sant’Agata. Al risveglio, trovò la madre guarita, così decise di seguire l’ insegnamento di Gesù: donò le sue ricchezze in beneficenza e rifiutò il suo promesso sposo, che era pagano, costui la denunciò come cristiana. Era il periodo delle persecuzioni. Lucia catturata, non rinnegò la propria fede e il giudice la fece trascinare in prigione. Il suo corpo divenne così pesante che fu impossibile muoverlo. Allora, fu condannata al rogo, ma le fiamme si ritirarono. Alla fine fu decapitata. nell’anno 304 d. C. sotto l’ imperatore Diocleziano. Il 13 dicembre, è festa in molte città d’ Italia, oltre Siracusa nelle province lombarde di Brescia, Bergamo, Lodi, Cremona, Mantova. In Liguria a Savona una grande fiera si svolge con bancarelle nelle vie del centro cittadino. I bambini di diverse città dell’Italia settentrionale come tradizione scrivono alla Santa una settimana prima del 13 dicembre una lettera, elencando i doni che vorrebbero ricevere.  Un’ altra tradizione è che i bimbi la sera del 12 dicembre in ogni casa preparano un piatto con dei biscotti e un bicchiere di vin santo per Lucia e una manciata di paglia o una carota per l’asino  con il quale la santa si sposta per consegnare i doni, come Babbo Natale con le renne.  Devono andare a dormire e guai a rimanere svegli, chi vedrà la santa riceverà una manciata di cenere negli occhi che impedirà loro non solo di vedere, ma anche di ricordare la mattina dopo. Alla mattina del 13 i bambini troveranno i loro giochi, prima degli altri che aspettano il Natale. Santa Lucia viene festeggiata anche in molti Paesi del Nord Europa, tra i quali Russia, Polonia, Finlandia e Danimarca. In Svezia, la ragazza viene fatta vestire di bianco, con in testa una corona di candele accese, e viene portata in processione con altre ragazze vestite di bianco donando dolci ai passanti. Santa Lucia è la santa della luce, il suo nome deriva dal latino lux che vuol dire luce. E’ patrona di Siracusa, degli oculisti,dei ciechi e degli elettricisti, nei quadri la fanciulla di Siracusa viene rappresentata con un piattino in mano in cui sono contenuti gli occhi che le sarebbero stati strappati durante il martirio.

Santa Lucia che dei bimbi sei la stella / tu porti dolci e doni / a tutti i bimbi buoni / ma i regali più belli / portali ai poverelli”.

1 Comment

  1. Grande Giuseppe,sei uno storico speciale,da una storia comune riesci a trovar un aspetto singolare: non sapevo che in alcune zone della Padania a Santa Lucia i bimbi ricevono prima i regali di Natale.
    Complimenti e auguri

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*