Cassoni a Pra’ ?… Assolutamente no!

Maria Luisa DecottoLa nuova Diga per ampliare il porto di Sampierdarena è in via di attuazione: porterà soldi e lavoro ma a Pra’ porterà anche tanto, tantissimo nuovo disagio. Si, perché Autorità di Sistema Portuale intende scegliere proprio Pra’ per installare la fabbrica dei grandi CASSONI. E questi cassoni grandi lo saranno veramente: si parla di 40 metri di lunghezza per 28 di altezza e circa 27 di larghezza. Un bel palazzo di 9 piani…e questo per la bellezza di 104 cassoni. Ovviamente per costruirli ci vorrà parecchio materiale, che arriverà sulla banchina di levante, proprio quella banchina che noi cittadini avevamo chiesto PER NOI… Lungo quella banchina, infatti, volevamo prolungare la passeggiata ciclo pedonale, là dove terminerà il Parco delle Dune in via di ultimazione. Un Parco che, a questo punto, diventerebbe un Belvedere sulla fabbrica dei cassoni . No, caro Presidente Signorini, non va bene! Noi a Pra’ abbiamo “già dato “ e continuiamo a dare… Ci aveva chiesto a Villa De Mari, solo un anno fa, cosa poteva fare per noi, cosa volevamo da Autorità Portuale e a noi era parso di essere stati chiari: volevamo proseguire con le opere di mitigazione e di abbellimento per migliorare la nostra qualità di vita, volevamo proseguire la passeggiata lungo il sesto modulo a levante …quello che non volevamo e NON VOGLIAMO è una fabbrica di CASSONI… Una fabbrica che ci riporterebbe indietro di anni, con un cantiere vicino al Parco delle Dune, con un viavai aggiuntivo di mezzi per trasportare il materiale da costruzione, più disagio e più inquinamento.

I cittadini di Pra’ dicono NO, ASSOLUTAMENTE NO!

(N.d.r) Anche questa volta la redazione di Supratutto mette a disposizione un servizio di invio facilitato di e-mail a chiunque voglia ribadire il proprio “NO!” all’ennesima servitù nel Ponente.

Compila il form ed amplifica la tua voce!

    Il tuo nome e cognome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Data Invio (richiesto)

    qui di seguito il testo integrale della mail:

    Oggetto: NO CASSONI A PRA'!
    
    alla cortese attenzione di:
    Paolo E. Signorini Presidente AdSP Mar Ligure Occidentale
    
    e per conoscenza a:
    Francesco Maresca, Assessore al Porto e al Patrimonio Comune di Genova
    Marco Bucci, Sindaco di Genova
    Guido Barbazza, Presidente Municipio VII Ponente 
    redazioni di Primocanale, Telenord, Il Secolo XIX
    
    Egregio Presidente Signorini,
    in relazione alla possibilità di realizzare i "cassoni" per le fondamenta della nuova Diga di Genova presso il sesto modulo de Bacino Portuale di Pra', rigetto fermamente ogni ipotesi di discussione o valutazione di interventi di qualsiasi genere che impattino sul territorio del Municipio VII Ponente già pesantemente colpito dalle servitù portuali e viarie.
    Sono altresì a chiedere con fermezza che le opere di compensazione già cantierate siano completate al più presto e che le opere di riqualificazione già pianificate (quali ad esempio il Progetto PINQUA) trovino presto attuazione.
    
    Grazie,
    Distinti saluti.
    
    

    7 Comments

    1. Mi trovi ampiamente d’accordo cara Maria Luisa bisogna che ora il primo passo lo faccia il nostro Presidente sapendo che non è solo ma ha una intera delegazione che Supporta i suoi sforzi che farà

    2. Lo scempio non ha fine. Si spera sempre di migliorare la qualità della vita di noi cittadini ma a quanto pare le promesse ce le fanno solo quando dobbiamo andare a votare. Non dimentichiamolo!!!

    3. Basta. Finiamola di deturpare questo posto. Abbiamo già il porto containeri che porta inquinamento atmosferico e acustico. Basta

    4. Quando nasce un fungo pensano bene gira che ti rigira di appiopparlo a Pra’. Un bel NO bisogna dirlo, in Pra’ ne abbiamo di problematiche ambientali di ogni genere da vendere. Guardando la cartina suggerisco all’Ente dei porti…che abbrevio in CAP e al duo Comune+Regione alcune aree. Visto che a levante non ci sono siti con accosti marittimi appropriati di trovare aree più vicine, come le aree Ilva,oppure a calata Bettolo: i terminalisti desiderosi di aumentare i futuri traffici per 2/3 anni potrebbero lasciare momentaneamente una parte di aree perdendo qualche tiro di containers per attrezzare il cantiere cementifero a produrre i 104 blocchi per la diga. Altra area, anche sotto la lanterna nel sito ex centrale elettrica. In quelle zone il cantiere avrebbe le connessioni autostradali e ferroviarie a portata di mano. Inoltre il trasporto verso la nuova diga sarebbe più breve e meno costoso rispetto al cantiere davanti a Pra’.
      Praino irritato

    5. Bravo Giuseppe…critica costruttiva con circonstanziata proposta…il succo non cambia :CASSONI A PRA?? DIMENTICATEVELOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *