Pra’ Viva vivrà ancora ?

Antonella Freri –

Si parla ancora una volta di Pra’ Viva.  Il gruppo consigliare comunale del Movimento 5 Stelle ha depositato una richiesta di convocazione per una commissione sul tema per capire quali siano le reali intenzioni del Sindaco e per aprire un dibattito che per troppi anni è stato, volutamente, soffocato. Il comunicato recita: «Come Movimento 5 Stelle abbiamo depositato una richiesta per una commissione per affrontare gli argomenti relativi all’associazione Pra’ Viva, alla convenzione tra comune e l’Associazione stessa e la gestione della Fascia di Rispetto di Pra’. La cessione a titolo gratuito trentennale prevista dal decreto “Genova”, deve essere un’opportunità per rafforzare quel profilo sociale che da sempre caratterizza la gestione di quella parte di territorio. Riteniamo che l’associazione Pra’ Viva sia una realtà importante, alla quale non possiamo rinunciare. Però crediamo anche che vada aperta il prima possibile una discussione onesta, nel merito, per capire cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato in questi anni e come intervenire per apportare tutti quei miglioramenti che potrebbero aiutare coloro che hanno l’onere di gestire quel pezzo di territorio, fornendo loro anche gli strumenti per incentivare i cittadini Genovesi a frequentare e a godersi la Fascia di Rispetto di Pra’. Ci opporremo a qualsiasi decisione unilaterale, presa senza alcuna condivisione. Per questo abbiamo chiesto che in commissione vengano auditi l’attuale consiglio direttivo e i rappresentanti delle associazioni facenti parte di Pra’ Viva». A questo punto non ci resta che attendere gli eventi e auspicare che la nostra Pra’ possa conservare l’uso a scopo sociale della Fascia di Rispetto, ma attraverso una convenzione più chiara, non interpretabile e trasparente, ed uno statuto che riporti al centro i motivi per cui esiste Pra’Viva, e cioè la compensazione a Pra’ e ai Praesi per la devastazione del loro litorale.

1 Comment

  1. Totalmente condivisibile e spero proprio che quanto proposto possa essere attuato, perché Pra’ Viva appartiene alla cittadinanza praese e la sua gestione non può essere lasciata nelle mani di chi ne fa un interesse privato e dalle quote annuali dei posti barca devono venire le risorse per la manutenzione della Fascia di Rispetto, per consentire alle società sportive storiche di perseguire i propri fini istituzionali e per permettere una maggiore fruibilità dei servizi alla popolazione paese e a tutti i genovesi che ne vogliono usufruire.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*