Occhio al Bruco !

Periscopio

Velocifero –

B.R.U.C.O. (Bi-level Rail Underpass for Container Operations) è un progetto presentato diversi anni or sono dall’Armatore Bruno Musso che si pone l’obiettivo di aumentare la potenzialità del Bacino Portuale di Pra’ concentrandone la finalità al solo ormeggio delle navi, sbarco, imbarco, spedizione e ricevimento dei container eliminando l’accumulo di container nei piazzali e trasferendo le aree di stoccaggio e permanenza in modalità porto secco, al di là dell’Appennino, nel Basso Piemonte, (Novi ligure / Basaluzzo) tramite tunnel sotterraneo dedicato e treni-navetta ad alta velocità. La diga foranea di Pra’ sarebbe allargata verso mare per creare spazi aggiuntivi per l’ormeggio delle navi portacontenitori. ll primo progetto B.R.U.C.O. prevede il prolungamento ed allargamento del Canale di Calma di Pra’ fino all’estremo ponente della Delegazione Praese (Rio San Giuliano).  Il piazzale portuale sarebbe adibito a sole movimentazioni, ricezioni e spedizioni, e sparirebbero le pile di container che deturpano il paesaggio praese e ne condizionano anche negativamente il clima. Tra porto e Canale Navigabile / Fascia di Rispetto di Pra’ verrebbero create ampie ed alte colline alberate di separazione visiva ed assorbimento acustico naturale. Il progetto originale del B.R.U.C.O. è stato recepito con interesse e gradimento dalla FondAzione PRimA’vera, con la riserva di modificare, allargandolo e portandolo più vicino all’abitato del sestiere di Pra’ – Palmaro, il prolungamento del Canale di Calma. Recentemente, però, i promotori del progetto B.R.U.C.O. hanno presentato una variante, che potremmo chiamare B.R.U.C.O. 2.0, che a fronte di una impostazione concettuale simile al progetto originario, prevede, anche se in versioni diverse, l’occupazione dello specchio d’acqua di levante con realizzazione di accosti per navi Ro-Ro. La variante è notevolmente peggiorativa rispetto all’ipotesi iniziale in quanto invade specchi d’acqua liberi e ripropone l’idea di navi Ro-Ro a Pra’, entrambe ipotesi già più volte rigettate dai cittadini. Inoltre nella presentazione e nei documenti tecnici resi disponibili figurano solo considerazioni tecnico-operative relative all’aumento dei volumi di attività del porto senza nessun accenno o enfasi sulle contropartite per i cittadini e/o per il miglioramento della salute e del paesaggio. In alcuni elaborati del B.R.U.C.O. 2.0 non è previsto neanche l’allungamento del Canale Navigabile e della Fascia di Rispetto di Pra’.

Non risulta nemmeno chiaro se sia ancora prevista la rimozione delle pile di container a bordo banchina e sui piazzali. La FondAzione PRimA’vera, pur confermando il cauto e condizionato approccio positivo alla prima impostazione progettuale ed al concetto di trasferire interamente i trasporti dalla gomma alla rotaia, recepisce in modo negativo e si dichiara fortemente contraria alla rivisitazione del progetto in chiave 2.0. I lavori di costruzione del porto di Pra’ sono iniziati 50 anni fa, e sono ancora in corso…i cittadini di Pra’ non ne possono più…ben vengano piani regolatori portuali e bruchi, a condizione che siano incentrati sulle opere di recupero, rivalorizzazione e contropartita per il territorio e i cittadini. Quindi, prima le collinette alberate, l’elettrificazione delle banchine, il completamento del banchinamento lato Levante sul fronte attuale, la passeggiata ed il mini-canale di “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro” con relative collinette verdi, il prolungamento del Canale di Calma e della Fascia di Rispetto a Ponente, lungo tutto il litorale di Pra’. Poi l’ammodernamento delle aree operative e delle attività portuali secondo il Piano Regolatore Portuale per il Porto di Pra’ e/o B.R.U.C.O. nella sua versione originale e non 2.0, adattati alla proposta Pra’ Porto Isola – Porto Amico. Quindi, da ora in avanti, cari Praesi…occhio al bruco !

13 Comments

  1. Bruco..??Secondo me bisogna puntare su banchine elettrificate e puntare su dune e passeggiata alberata Pra Palmaro che congiunga Pra a Voltri spostando due binari ffss e creando fermata metropolitana a Palmaro.
    Progetto semplice realizzabile subito!!!!

    Davanti a Pra Palmaro fare questo immediatamente!!

    Poi Petrolchimico Assolutamente No
    Pra e Palmaro hanno già dato!!
    Basta !!!!
    X il danno ricevuto avendo tolto il mare si deve solo pensare a riqualificare la zona di Palmaro che non ha ancora una fascia di rispetto e ha visto spostata verso levante la fermata ffss.

    Su questo e solo questo si devono concentrare!

  2. occhio alla politica delle compensazioni ! No al Bruco in qualsiasi versione e soprattutto basta espansioni del Porto di Pra’. Gli spazi esistenti devono essere gestiti al meglio e basta gare insensate con Rotterdam e Amburgo sui numeri di container movimentati. La Liguria non puo’ competere con gli spazi ed il piattume orografico tedesco. La riqualificazione di Palmaro poi non deve essere nerce di scambio . Si deve fare per quello che e’ gia’ stato dato !

  3. Scusate ma avete letto bene?
    L’autore non sposa certo la creazione del BRUCO, casomai il contrario, ovvero ci mette sull’avviso che e’ allo studio una nuova versione, bruco 2.0, altamente impattante.
    Tra l’altro i rendering sono veramente efficaci.
    E’ di solare evidenza che questo giornale ha una posizione netta sullo spostamento della ferrovia, prolungamento fascia ecc.ra,anzi il Progetto originale e’ stato pensato e diffuso proprio da Fondazione e Supratutto, anni or sono.
    Dice bene Paolo, la Liguria ha una conformazione geografica diversa e scarsa disponibilita’ di spazi, e’ un territorio bellissimo ma anche fragile, Mare/Abitato/Colline si susseguono in una STRETTA “STRISCIA” di terra…un arcobaleno, che hanno selvaggiamente violentato, giusto Fabio.
    Velocifero dice le stesse cose, anche nell’articolo precedente “ROAD Map”.
    E’ sempre stato questa la visione.

  4. Ma certo..il mio ragionamento è rivolto solo alle autorità..devono pensare a riqualificare Palmaro e basta.

    Niente bruchi e soprattutto NIENTE PETROLCHIMICO.
    Hanno tolto il mare ora basta.

    Fondazione Primavera si sta dando da fare(assieme al Comitato Palmaro) x riqualificare la zona di Pra Palmaro quindi solo complimenti x impegno profuso

    È giusto creare sinergia tra ambiente quartiere e realtà produttiva portuale con ..da qua la necessità di una microfascia a Palmaro.(assente x ora)

    Il resto PETROLCHIMICO , etc Non deve neanche essere considerato!!!!

  5. Grazie Fabio.
    La penso esattamente come te: un idea insana che poteva essere vconcepita solo da incompetenti…
    Ce li vedi i depositi nell area di evoluzione dell aeroporto? E vicino ad un porto container dove sbarca di tutto ed a volte vi sono sorprese: esplosive: radioattive e chi più ne ha…
    Cmq grazie per il riconoscimento a Fondazione e Comitato, ancora un paio di giorni e poi…partiranno le bordate!!!

  6. Sono completamente d’accordo con l’articolo: niente riempimenti aggiuntivi, solo contropartite che attendiamo da decenni. Poi se mai si potrà parlare del bruco, ma non certo l’aborto 2.0, questi che siedono a Genova e pensano di decidere del nostro futuro e della nostra salute sono semplicemente inguardabili.

  7. Niente Bruco, 1 o 2 e sopratutto NIENTE PETROLCHIMICO: VIA DA PRA’, PIUTTOSTO CI FACCIAMO ESPLODERE CHE VEDERE ALTRE PORCATE DI AUTORITA’ PORTUALE A PRA’ NE HANNO GIA’ FATTE TROPPE. CHE SCHIFO. bene comunque la fondazione e avanti con l’idea di avere prima LE CONTROPARTITE, TUTTE, e semmai poi discutere. fino a allora neanche se ne deve parlare.

  8. Mary da cosa ti deriva tanta sicurezza, di grazia?
    Sai qualcosa che noi non sappiamo?
    Io so che con questi qui, appena parlano, conviene mettersi con la schiena ben rasente al muro!
    Non mi fido piu’ di nessuno tra costoro.

  9. Cara Mary come avrai visto dai giornali l’ipotesi Bruco e Petrolchimico a Pra’ erano tutt’altro che fake news, buono che segui supratutto così sai le cose vere in passato in totale assenza di informazioni hanno potuto fare tutte le porcate, perchè la gente veniva a sapere delle cose quando i giochi erano oramai fatti, ora non più

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*