Il Consigliere Delegato Francesco Maresca in ascolto notturno fronte Porto di Pra’

Deleghe: elaborazione piani per il miglioramento di specifici tratti di Waterfront e per l’evoluzione delle attività marittime

 

Elis@ProvincialiMaria Luisa Decotto

La scorsa settimana, al calare della sera, presidenti ed esponenti di FondAzione PrimA’vera hanno condotto il Consigliere Comunale con delega ai Porti Francesco Maresca, a verificare personalmente la stridente e fastidiosa cacofonia emessa dal porto verso le abitazioni del sestiere di Palmaro. Maresca stesso aveva espresso tale volontà, pertanto abbiamo raggiunto due punti di osservazione critici: il civico 60 b, 2° piano di via Prà, esattamente davanti al district park, pochi metri in linea d’aria, e successivamente l’appartamento al 5° piano di Via Albenga, civico 14, proprio di fronte al primo modulo. In entrambi i casi, pur essendo una notte abbastanza tranquilla, il dannoso concerto si è fatto sentire, in via Prà prevalgono gli stridii ed I fischi dei convogli in uso portuale, mentre via Albenga, più in alto, risente del rombo dei generatori , più o meno forte se attraccano navi “fracassone”, oltre ad un costante brontolio sordo di fondo . Per chi lo ascolta la prima volta, è notevole e il Consigliere ne è stato colpito. E poi è iniziato il concerto dei cicalini, forti e fastidiosi e I botti dei container “scappati” troppo in fretta dalle ganasce degli elevatori.

Anche il forte Inquinamento luminoso ha impressionato Maresca, che ha promesso di ritornare per ripetere e approfondire l’osservazione e l’ascolto. Ovviamente durante le tre ore abbondanti di sopralluogo, si è parlato molto delle possibilità di mitigazione, scopo dell’iniziativa. Di certo serviranno altri passaggi, perchè la gamma e la casistica delle fonti sonore disturbanti è vasta e complessa. Chiediamo al Consigliere le sue impressioni: Sembra di vivere dentro al Porto effettivamente! Urge trovare misure contenitive del rumore, già ci stiamo muovendo in questo senso col “Progetto dune”, per ciò che attiene più specificamente la zona centrale di Pra’, qui nel sestiere di Palmaro il grosso problema è la vicinanza e la mancanza di filtro tra l’abitato e l’attività della piattaforma. Pertanto, ritengo fondamentale fare opera di pressione su Rfi a riguardo il promesso spostamento a mare dei binari, in modo da creare anche qui a Palmaro lo spazio per alberature e dune.” Certo, gli alberi assorbirebbero anche il particolato ecc.ra…per quanto riguarda la qualità dell’aria è stata posta una centralina all’altezza di Villa de’ Mari. Si, ma ritengo che tali strumenti vadano implementati, per valutare gli sforamenti dai parametri ed i cittadini devono poter accedere ai risultati.”  Consigliere, sono in corso indagini e studi epidemiologici allo scopo di monitorare conseguenze negative sulla salute degli abitanti in questa zona della città, qual è la posizione del Comune in merito? Sicuramente terremo in considerazione i dati che emergeranno, ovviamente da fonti accreditate ed istituzionali. Ringrazio i gentili cittadini che mi hanno ospitato, e resto disponibile per ulteriori sopralluoghi, mentre seguirò attentamente con il sindaco l’evoluzione dei problemi che ricadono sugli abitanti di Pra’ a causa del Porto.” Maresca ha scattato alcune foto

e registrato, in effetti da via Pra’ il rumore dell’Aurelia a tratti si fonde col porto, mentre nel pieno della notte, calato il traffico automobilistico, risalta una colonna sonora continua che impedisce un sereno riposo. Nelle zone alte, come via Albenga, ed altre fino addirittura a via Scarpanto, ed anche Palmaro per le abitazioni ai piani superiori ed attici, il frastuono dipende anche molto dalla nave attraccata, più o meno rumorose, ed è operatore- dipendente: ovvero taluni gruisti espletano le operazioni di scarico e carico correttamente, ma molti non si curano di limitare tonfi e sbattimenti vari. Partecipando a questo incontro abbiamo potuto esprimere tutte le nostre osservazioni, esigenze, proposte, Il nostro ospite ha ascoltato con molto interesse i fondamentali del progetto “Ridiamo il mare a Pra’Palmaro”, trovandosi d’accordo sul fatto che lo spostamento delle attività più impattanti verso sud nella piattaforma ed il prolungamento del canale di calma sono la soluzione preferibile e piu’ efficace. Al prossimo ascolto, ringraziando Francesco Maresca per l’empatia e la disponibilità che ha voluto offrirci.

 

 

5 Comments

  1. Molto bene, speriamo che sperimentare in prima persona cosa significhi “vivere dentro il porto” – anche se per un tempo relativamente breve…- possa finalmente condurre ad accelerare la dovuta e doverosa opera di mitigazione che Palmaro sta aspettando da tempo.

  2. Sono assolutamente d’accordo con il commento precedente! Mi sembra comunque che non ci sia più bisogno di dimostrare nulla…Anche nelle altre città che “ospitano ” il porto esistono le stesse problematiche, salvo in quelle dove si è fatta attenzione alle esigenze del luogo “ospitante”! Speriamo che sia la volta buona!!!!

  3. Meglio tardi che mai..
    Concordo anche io sul fatto che l’impatto personale sia fondamentale e ritengo che nè Prà ne Palmaro possono più sopportare questa situazione !!

  4. Certp ragazzi siamo alla frutta…concordo sul fatto che e’ accertato rumore disagio puzze inquinamento e chi piu ne ha….ma e’ apprezzabile e doveroso che un consigliere delegato ai Porti ne prenda visione ed esperienza diretta.
    Il tempo stringe TIC TAC TIC TAC ….
    Facciamo presto qualcosa per Palmaro!

  5. Finalmente siamo riusciti a far “assaggiare ” al Consigliere Delegato ai Porti, Francesco Maresca, un po’ dei disagi che dobbiamo subire a causa del porto, perché un conto è sentirne parlare e un conto verificarlo di persona. È importante che sia emerso chiaramente che non si può accettare questa situazione è si DEVE assolutamente collaborare con tutti gli Enti e i soggetti coinvolti per attuare quelle opere di doverosa mitigazione. Mitigare i disagi è possibile perché le soluzioni esistono e da tempo i cittadini le hanno proposte. Il famoso “Progetto dune” nasce proprio dai cittadini, così come le vecchie gru di piazzale furono modificate per schermare e direzionare le sirene di segnalazione… Peccato che le nuove gru elettriche non abbiano mantenuto questo accorgimento per cui abbiamo eliminato le emissioni nocive, ma siamo tornati punto e a capo con quelle sonore. È una continua lotta per la sopravvivenza… Speriamo ardententemente di aver trovato un nuovo sostegno per le nostre legittime richieste.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*