Intervista a Claudio Chiarotti, candidato Presidente Municipio VII (Pegli – Pra’ – Voltri) del Centro Sinistra.

Guido Barbazza

Martedì 23 Maggio, dalle 12,30 alle 13, a Pra’, SuPra’Tutto ha intervistato il candidato Presidente del Municipio VII Ponente (Pegli – Pra’ – Voltri) per il Centro Sinistra (Partito Democratico, Lista Crivello, e “A Sinistra”), Claudio Chiarotti. Claudio è consigliere municipale uscente con delega al P.O.R. Pra’ Marina, ed è l’unico candidato presidente espressione della Delegazione di Pra’. Avendo già risposto alle tre domande per Pra’ in occasione della Tribuna Elettorale Praese del 20 maggio u.s., gli è stato chiesto quali siano le tappe, successi, episodi significativi della sua esperienza in Municipio. Claudio ha citato il suo incarico di presidente della Commissione Municipale per la passeggiata di Voltri e di Consigliere Municipale Delegato del Municipio per il P.O.R. Pra’ Marina, di cui sottolinea «l’esperienza che mi ha fatto crescere molto del comitato di gestione dei lavori, il cosiddetto”Osservatorio” con l’opportunità di interagire molto e bene con l’associazionismo e con i cittadini, trovando insieme spunti importanti per le migliorie del progetto, quasi tutte accolte, in fase di progettazione e di esecuzione». E’ perciò orgoglioso di «lasciare il Municipio in condizioni migliori di quelle che aveva trovato». A domanda specifica sulle migliorie ulteriori al progetto richieste a gran voce dai cittadini e dallo stesso SuPra’Tutto sottolinea che «si tratta di una delle prime cose che intendo fare in caso di elezione, cioè una volta fatto il “macro”, intervenire sul “micro”, cioè apportare tutte quelle rifiniture che sostanzialmente mancano quali più alberi e il cemento in vista che deve essere rivestito. Anche se manca ancora tanto in tema di finiture tantissimo è in progettazione, superando comunque anche le difficoltà poste dal fallimento dell’impresa che lavorava su uno dei due lotti, senza il cui sfortunato evento molte cose si sarebbero già viste. Un obiettivo è anche il mantenimento nel decoro di quanto fatto, cosa che sta accadendo con successo per il verde del Parco di Ponente». Chiede comunque un pochino di pazienza «in quanto molta piantumazione avrà bisogno di essere formata e di crescere». Sollecitato sul tema di “Ridare il mare a Pra’ – Palmaro” innanzitutto ricorda gli sforzi suoi e del Municipio per l’elettrificazione delle banchine e per la copertura del tratto autostradale in corrispondenza del casello di Pra’ «che diventeranno realtà nel 2018», poi sottolinea che «il concetto (di spostamento della ferrovia, della lama d’acqua e della prosecuzione della Fascia di Rispetto lungo tutto il litorale di Pra’ fino al suo estremo di ponente “dalla Verrina”) fa parte di quanto già presentato in tema di Piano Regolatore Portuale, oltre che di Piano Urbanistico Comunale. Il problema è riuscire a coniugare, senza fare battaglie ideologiche piuttosto che di campanile la realtà cittadina, quella delle ferrovie e quella del porto per trovare un obiettivo che accomuni. Secondo me è fattibile e realizzabile, i P.O.R. mi hanno insegnato che nulla è impossibile, in tanti non scommettevano un euro sulla riqualificazione di Pra’: abbiamo vinto quella battaglia e dobbiamo vincere anche questa, ancora più ambiziosa, di riportare il mare davanti al sestiere di Pra’-Palmaro. Però bisogna essere chiari: nel mandato precedente abbiamo detto al porto che “non c’è trippa per gatti”, nel senso che il porto non si può più allargare a ponente oltre l’esistente, i disastri li hanno fatti a Pra’: Voltri e Pegli devono essere preservati e Pra’ adesso ha il bisogno di viverlo (il porto) in maniera più positiva e senza servitù». Per far questo, ha sottolineato con decisione, «prima di qualsiasi discussione portuale ci vuole l’ottimizzazione delle aree esistenti e in disuso, con una discussione che inizierà subito dopo la tornata amministrativa. Per quanto mi riguarda in caso di elezione «la prima cosa sarà istituire un tavolo tecnico permanente con tutte le realtà coinvolte ed interessate e con l’Autorità Portuale, che vorrei non si tenesse più a Palazzo San Giorgio ma bensì nel Palazzo Municipale di Pra’, anche per far capire che prima viene la città e poi verrà l’esigenza portuale. E’ evidente che si dovrà iniziare dall’escavazione del Canale di calma per il suo prolungamento fino a Voltri, che è realizzabile e possibile. Quindi, ripete ancora con decisione, prima di far qualsiasi cosa a livello portuale si ottimizzano le aree, si fanno le dune e l’elettrificazione delle banchine, si tirano via i “muri di metallo” davanti alle case di Pra’-Palmaro, si ricomincia a ragionare di come riqualificare il fronte delle ville praine che sono un patrimonio di tutta la città. Prima si riqualifica, si prolunga Canale di calma e la Fascia lungo tutto il litorale, e poi siamo disponibili in maniera coscienziosa e responsabile a parlare di un eventuale sviluppo portuale. Sono sicuro che potrò dimostrare, con la partecipazione di tutti, di poter gestire un tale processo».

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.supratutto.it/home/wp-content/plugins/gallery-video/includes/class-gallery-video-template-loader.php on line 26

4 Comments

  1. Il programma di Chiarotti, dove parla in modo assai concreto delle cose da fare a Pra’-Palmaro, e’ musica per le orecchie dei cittadini stufi, appunto, delle pile d’acciaio, il districy park sotto le case, con il corollario di inquinamento visivo, acustico ed atmosferico che comporta.
    L’Osservatorio-Porto sara’ un ottimo strumento per monitorare il percorso della riqualificazione.
    Sentir parlare di -escavazione del canale di calma- semplicemente mi piace davvero tanto. Rivedere il mare davanti al sestiere piu’ penalizzato e sofferente, sara’ un sogno che si realizza!

  2. Il municipio ha sempre fatto schifo, per Prà fatto solo danni, solo negli ultimi tempi si è visto qualcosa di buono principalmente grazie al consigliere Chiarotti che si è dato molto da fare.

  3. Pietro ha ragione il municipio non ha mai funzionato almeno per Prà, avendo un presidente di Pra’ le cose potrebbero cambiare se ci vanno di nuovo pegliesi e voltresi sarà peggio

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*