Il conto non è ancora saldato

Velocifero –

A chi avesse il coraggio, come purtroppo, scriteriatamente, ogni tanto accade, magari trovandosi comodamente in un ufficio “del centro”, o in un confortevole “appartamento vista mare nel levante genovese”, di affermare che «Il ponente, Pra’, ha già avuto, è ora di pensare al levante» è opportuno suggerire di procurarsi una copia del volumetto fotografico-didascalico “La mia discarica”, dei praesi Ginko Guarnieri e Mauro Zo, autoprodotto nel 2005 dalla “Wilson & Wilson”, osservare attentamente gli scatti di Ginko e meditare bene sulle didascalie di Mauro. Magari, finalmente, “non è mai troppo tardi”, cercare di capire la sofferenza di un intero paese, quello di Pra’, e le sue ferite, ancora aperte e sanguinanti. Un’intera comunità trasformata in vittima sacrificale sull’altare delle scelte sbagliate, della “colonizzazione genovese” dei comuni accorpati, di errori e svarioni programmatici e progettuali, nell’assordante colpevole silenzio dell’assoluta nullità dei “protagonisti” della politica cittadina e locale dell’epoca.

Le immagini riportano crudelmente alla memoria quei maledetti tempi di fine anni ’70 ed inizio anni ’80, quando gli incantevoli scorci della spiaggia di Pra’ venivano inesorabilmente ingoiati dalla discarica portuale, «la più grande pattumiera del Golfo Ligure, se non dell’alto Mediterraneo», nella cinica visione di cui sono stati colpevolmente corresponsabili il Comune e il “Consorzio Autonomo del Porto” di Genova e le relative dirigenze partitocratiche, quella della «selvaggia trasformazione urbana che inglobava Pra’ che era sempre stato un genuino, armonioso, pregevole, paese rivierasco di pescatori, contadini e maestri d’ascia – cercando di farne una «sordida periferia suburbana, un quartiere dormitorio e una gigantesca discarica». Le foto raffigurano il momento più triste, quello dell’agonia della spiaggia, oramai violentata, sopraffatta, umiliata, esangue, coperta di spazzatura e di rifiuti tossici e prossima a sparire per sempre. I ragazzi che spuntano quà e là in situazioni surreali rappresentano una generazione di adolescenti praesi che passarono dall’attraversare il passaggio a livello con ciabattine, costume da bagno e asciugamano al vagare spaesati, disorientati, sulla steppa desolata della discarica, sempre cangiante, dove «ci si sentiva rifiutati in mezzo ai rifiuti, abbandonati ma contenti di esserlo, con il nostro mare che appariva sempre più distante.

Quell’enorme discarica era continuamente attraversata da autotreni carichi di una quantità eterogenea di rifiuti che si miscelavano tra loro, formando talvolta spettacolari contrasti. Oppure la furia del mare formava isole, arcipelaghi, dove si arenavano i grossi tronchi delle mareggiate trasportati dalle correnti alluvionali. E poi la neve, la neve che cadeva quasi tutti gli inverni a quell’epoca. La neve che si spalmava candida su quei colori: sì, perchè i nostri rifiuti, appena lavati dall’acqua di mare, risplendevano lucenti e colorati come nuovi, e spuntavano smaglianti attraverso quella coltre abbagliante di neve». Alcuni passaggi sono struggenti, come quello che recita: «nonno, ma davvero tu e la nonna vi siete conosciuti qui in vacanza ?” – “Sì, è vero” – “ma dai nonno ! E venivate in vacanza in un posto come questo?” – “ma una volta era diverso, sai” – “dai nonno ! Non raccontare una delle tue solite storie!». Sullo sfondo, dietro al vecchio e alla bambina mano a mano a passeggiare sulla riva di un ultimo lembo di mare praese, il paesaggio crepuscolare delle draghe, dei camion, dei falò di rifiuti che ormai coprono la spiaggia, dei relitti delle barche dei pescatori. Quindi, attenzione: non è certo con la Fascia di Rispetto e con la recente, appena accettabile, risistemazione della strada litoranea tramite il “POR – Pra’ Marina” che si possono liquidare i praesi e cinquant’anni di devastazioni e di disagi, di danni economici e morali. Ci vuole ben altro.

Ben inteso, nessun risarcimento o compensazione potrà mai sanare il danno immane, niente potrà riportarci la nostra bella spiaggia, ma ci si potrà ritenere almeno minimamente soddisfatti solo quando il canale di calma e la Fascia di Rispetto saranno prolungati lungo tutto il litorale praese, “ridando il mare a Pra’-Palmaro”, saranno realizzate le dune alberate di separazione porto abitato, e tutti i punti migliorativi inclusi nella visione “Pra’ Futura” e “Pra’ Porto Amico” della FondAzione PrimA’vera diventeranno realtà. Fortunatamente, contrariamente ad altri similari casi di devastazione ambientale, i Praesi, pur con tutti i loro errori, tutti i loro difetti, non se ne sono andati, non hanno mai mollato, e sono sempre qui a combattere per il loro territorio. Grazie a loro, e solo a loro, Pra’ non è diventata “una sordida periferia suburbana”. Quindi, attenzione, il conto non è ancora, minimamente, saldato.

7 Comments

  1. Quello che comune e porto hanno fatto a Prà è uno scandalo abominevole di dimensione mondiale e le compensazioni sono state ancora poche e scarse che nessuno si permetta di paragonare quello che è stato fatto a Pra’ con la situazione di nervi: è un insulto alla giustizia e alla gente di Prà

  2. A Nervi e a levante si lamentano di gamba sana, li basta pulire le strade tagliare l’erba nei giardini e un po di manutenzione qui da noi bisogna ricostruire un litorale devastato da un porto che ha fatto solo danni in particolare a Pra’-Palmaro dove hanno avuto il coraggio anche di mettere mucchi di container di fronte alla ville storiche

  3. Queste foto hanno la forza di un pugno nello stomaco e rievocano anni ed anni di sofferenze, nel vedere lo stillicidio del mostro che inghiottiva la spiaggia, file interminabili di camion, il disfacimento e lo sfacelo che andava avanti. Uno stupro ad un territorio , con i suoi abitanti, abominevole, iniquo, inutile: non ci sono abbastanza parole per definire il nostro sdegno.
    Velocifero interpreta con chiarezza cristallina questo sentimento, e nella conclusione, indica senza possibilita’ di dubbio la via da seguire.
    Via i containers davanti alle case (non solo ville storiche, Pietro!), e con essi, collocazione del district park piu’ a Ponente possibile, dove sarebbe fronteggiato solo da un lungo muro ed il danno sarebbe quindi mitigato.
    Di fronte all’abitato di Palmaro, solo attivita’ portuali di minimo impatto ambientale, questo come micro provvedimenti da adottare subito. Nella macro-visione, il progetto Porto Amico -Porto Isola, e la visione “ridiamo il mare a Pra’Palmaro”, come obiettivo futuro che non ci stancheremo di perseguire.

  4. Io sono contenta se riportano il decoro a Nervi, certo a Pra’ c’è bisogno di molto di più, spero che il sindaco se ne accorga e faccia qualcosa.

  5. Ho vissuto tutto lo strazio in prima persona… Abitando di fronte al mare, in posizione dominante, ho pianto per ogni carico di terra che veniva gettato nel mio amatissimo mare…che soffocava la mia spiaggia…che strappava le mie radici…
    Alcuni sono fuggiti lontano da quello scempio orrendo…non molti, in verità, anche se poi, come stranieri, tornavano sempre a cercare qualcosa del loro passato…
    Io ho tenuto duro, anche soffrendo terribilmente… Ho voluto tenere duro perché non volevo arrendermi e ho continuamente sperato che finalmente qualcuno o qualcosa ponesse fine al peggio.
    Finalmente oltre ai periodici sussulti che noi Praini abbiamo sempre avuto, partecipando alle manifestazioni che ogni tanto venivano organizzate,finalmente l’inversione di tendenza tanto attesa: la FondAzione PRimAvera, con la visione di Pra’ Futura e del Porto Amico, e la speranza incominciava a diventare più consistente…
    No, il conto non è ancora saldato…vorrei che tutti guardassero queste immagini, leggessero i commenti…no, il conto non è affatto saldato, siamo solo all’inizio.
    Adesso la Fascia dovrà estendersi fino al Rio San Giuliano, perché “tutta” Pra’ è stata violentata e devastata e soprattutto il sestiere di Palmaro sta ancora pagando, assediato da pile di container…
    Adesso vogliamo delle vere dune di separazione, con alberi che nascondano e mitighino la presenza del porto, vogliamo un canale d’acqua davanti a Pra’-Palmaro, vogliamo mitigazione dei rumori e azzeramento dei fumi nocivi…è il minimo per coloro che hanno sacrificato la loro qualità di vita per consentire che altri si arricchissero… No, nessuno può ancora affermare che a Pra’ “è stato già dato e ora tocca al Levante”… Per carità… se il Levante si volesse prendere il porto….

  6. Io non capirò mai come hanno fatto in nostri genitori a permettere uno scempio simile, fosse oggi mi farei esplodere…ma all’epoca avevo i pantaloncini corti…

  7. Per la casa di Paganini hanno messo una colonna infame per Pra’ ci vorrebbe un obelisco infame gigante con tutti i nomi dei responsabili compreso quelli di Prà

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*