Che c’entra Sun Tzu con la Vecchia Stazione e la Nuova Biblioteca di Pra’?

Ernesto Soressi

Tra il sesto e il quinto secolo avanti Cristo è vissuto in Cina il generale SunTzu, che avrebbe scritto il suo manuale di strategia bellica intitolato “L’arte della guerra”. Il manuale indica chiaramente i cinque cardini su cui si basa ogni vittoria in battaglia: il Tao, il Cielo, la Terra, il Generale e il Metodo. Non è facile dire se, nei suoi sei anni di vita, la FondAzione PRimA’vera abbia seguito sempre consapevolmente gli insegnamenti del generale, ma è un fatto che ogni suo atto ha avuto come fondamento proprio i suoi cinque cardini.

Il Tao indica la motivazione che deve spingere colui che lotta. Su questo tema non ci sono parole da spendere, tutti coloro che si prodigano per il miglioramento di Pra’ hanno come stimolo principale un sentimento che qualcuno potrà ritenere desueto, ma che è ancora alla base della maggior parte degli atti delle persone degne di questo nome: l’amore. L’amore per la propria culla, per le proprie origini, per i luoghi che sono stati o sono cornice delle vicende umane dei nonni, dei genitori o dei propri figli.

Il cielo rappresenta l’insieme delle mutevoli condizioni al contorno. La contingenza difficilmente prevedibile che può condizionare il successo di ogni azione: il cambio di una giunta, l’avvicendamento di un interlocutore. Sono le situazioni in base alle quali bisogna adattare il comportamento. Il vento contrario costringe alla bolina, ma la meta rimane sempre la stessa, a prescindere da quanti bordi si dovranno fare.

La terra è il campo di battaglia. L’arena che si può studiare. Nel nostro caso rappresenta sia lo scenario che, in un certo senso il fine dell’azione: Pra’.

Il Generale è colui che guida e deve essere unico, riconosciuto, autorevole. La FondAzione è particolarmente fortunata perché ha la possibilità di contare su di un valido Generale supportato da un nutrito Stato Maggiore. Ma il punto su cui vorrei concentrare l’attenzione è l’ultimo della lista ma non per questo il meno importante: Il Metodo. La FondAzione, sin dai suoi esordi, ha adottato un metodo del tutto innovativo in campo sociale e politico, mutuato dall’esperienza che i suoi primi fondatori hanno maturato dall’ambito professionale. Il metodo prevede l’individuazione di un tema o di un problema; la sua analisi oggettiva alla ricerca di quella che in inglese viene chiamata Root Cause, la causa radice. Quindi si passa alla proposta dettagliata e documentata di una soluzione praticabile. Basta bla bla, ma indicazioni serie e proposte percorribili basate sull’analisi dei dati disponibili. Prendiamo per esempio il tema della riqualificazione dell’edificio della vecchia stazione. La FondAzione ha sempre sostenuto la necessità della sua riqualificazione e, nel lontano novembre 2014, ne aveva già proposto un possibile impiego quale sede del Centro Civico Culturale Praese (http://www.supratutto.it/centro-civico-culturale-praese/), che aveva immaginato, a disposizione della cittadinanza, quale luogo ideale per una biblioteca multimediale, sala di aggregazione e polo museale. Nell’articolo del 14 gennaio 2015, veniva fatta anche una proposta operativa di ristrutturazione.(http://www.supratutto.it/una-biblioteca-tra-gli-auspici-per-il-nuovo-anno/)

A distanza di cinque anni possiamo verificare quanti dei suggerimenti sono stati accolti e quanti invece disattesi. Ma, navigando di bolina, abbiamo ottenuto il risultato della sua bonifica. Adesso dobbiamo impegnarci perché sia garantita la partecipazione dei praesi al processo decisionale che porterà a definire il futuro utilizzo dell’edificio. Gli spazi comunitari sono preziosi ed è giusto che la cittadinanza abbia la possibilità di decidere come debbano essere impiegati. (http://www.supratutto.it/cosa-mettere-nella-ex-stazione-ferroviaria-lo-decidano-i-praesi/   Sun Tzu scrisse: “Combatti con metodi ortodossi, vinci con metodi straordinari.”, ci permettiamo di modificare un poco questo precetto in “Combatti con metodi ortodossi, vinci con praesi straordinari.”

ex Stazioni di Pra’

11 Comments

  1. Splendido articolo…complimenti Ernesto per l acume , la passione, l originalita!!!
    Quanto al contenuto…sfondi una porta aperta anzi spalancata…adoro laBiblioteca che verra’ nella ex stazione , anzi ho gia pronto del materiale di pregio che intendo donare a Pra’, e mi e’ e’molto caro perche’ mi viene dal mio papa’, un ” maestru” praino. Tema mare , Genova, la navigazione, il nostro splendido territorio.

  2. Mi associo ai complimenti di Elisa e condivido le aspettative dei praesi riguardo alla riqualificazione della ex-stazione di Pra’!!

  3. Trovo questo articolo ricco di contenuti positivi e incoraggianti… proprio in onore di voi Praesi doc spinti da ideali così nobili che avete trascinato anche chi come me, non è Praese, ma ha “sposato la causa “: avanti tutta!

  4. Ma la proposta di costituire un punto di ascolto e di informazione, a cura delle associazioni genovesi che si occupano di disturbi del comportamento alimentare è stata cassata o cosa?

    • Non è una proposta che nasce dal territorio praese e nemmeno dal Municipio ma sembra invece calata dall’alto dagli ambienti di Palazzo Tursi.
      Mettere un centro di ascolto per questo genere di problemi proprio in quella sede è uno dei motivi di confronto/scontro tra associazioni locali e Municipio da una parte e Comune dall’altro. La speranza è che si possa arrivare ad una soluzione condivisa anche perchè un punto di ascolto
      per chi soffre di problemi alimentari potrebbe trovare senza grossi problemi una diversa e più idonea sede.

  5. I Disturbi dell’Alimentazione ci sono anche nel ponente della città e rovinano la vita a tanti giovani e a tante famiglie. Quello che è stato proposto non è affatto un presidio sanitario, come è stato erroneamente descritto, ma un servizio offerto da Associazioni che hanno esperienza in merito, alle famiglie che hanno un componente affetto da Disturbi Alimentari, sono disperati e hanno bisogno di consiglio e supporto. Non è vero che questo servizio sottrarrebbe una parte significativa della stazione, come qualcuno ha affermato: venticinque metri quadrati per far sedere una dozzina di genitori una volta ogni due settimane, senza nessun requisito se non la disponibilità di qualche sedia, non è certamente una richiesta pesante. Il territorio dovrebbe agevolare le organizzazioni di volontariato che intendono aiutare cittadini dello stesso territorio che hanno gravi problemi, facilitando la comunicazione e la fruizione di servizi come questo, che trovano collocazione ideale in zone centrali e di facile accesso, come la vecchia stazione. E’ un comune errore pensare che i “diversi”, in questo caso i famigliari di chi soffre di disturbi alimentari, stiano meglio nascosti in siti ad hoc.

    • Io credo che la destinazione più utile sarebbe una Biblioteca. Gli studenti o i cittadini come me che hanno bisogno di andare in Biblioteca a studiare o a prendere in prestito libri per la lettura devono andare fino a Voltri.
      Non dico che un centro per i Disturbi Alimentari non è importante, ma se andiamo a vedere servirebbe anche un centro tipo Caffè Alzheimer per dare un po’ di respiro alle famiglie che hanno questo problema.
      Forse la sede più adatta per queste attività sono i palazzetti della salute sia di Pegli (ex Martinez) che di Voltri (è quasi ultimato).
      Cordiali saluti

      • Credo che la solidarietà sia il motore che sostiene quella parte di popolazione che è diversa perchè ha problemi diversi da quelli della maggior parte della gente. La Sua riflessione mi fa pensare che, visto che un progetto di auto-mutuo aiuto (universalmente riconosciuto uno strumento efficace in questi casi) come quello proposto da noi richiede un impegno di spazio, risorse e tempo molto ridotti (25 mq, qualche seggiola e due ore ogni due settimane), potrebbe essere esteso ad altre aree di disagio, senza che questo sottragga stabilmente o significativamente parti della Stazione ad altri usi ed utenti. Basterebbe dedicare uno spazietto a sala riunioni, senza destinarla a un uso esclusivo. Certamente, se nel destinare gli spazi della Stazione si considerano le esigenze dei più e si escludono quelle delle fasce disagiate che, fortunatamente, non rappresentano la maggioranza della popolazione e tendono a nascondersi piuttosto che a partecipare, non ci sarà posto per loro da nessuna parte. Il diffuso stigma sociale è una delle piaghe che affliggono chi è affetto da Disturbi Alimentari e i loro famigliari: non “qui, ora”, ma “altrove, quando non si sa” è una risposta frequente. L'”altrove” riferito a un contesto sanitario non è una buona risposta, visto che il servizio che si vuol prestare NON è di tipo sanitario. I Disturbi Alimentari e le altre patologie che rendono “diversi” da chi ha una malattia comune hanno conseguenze anche sulle famiglie e sono un problema “sociale” che il territorio ha e di cui dovrebbe farsi carico.

  6. Sono molto contento della reazione suscitata dall’articolo; che si discuta di come utilizzare il nuovo spazio, a beneficio della popolazione, è proprio ciò che si voleva stimolare. E’ chiaro che ci sono sensibilità diverse che però sono convinto si possano in qualche modo coinciliare. Personalmente concordo con la proposta di identificare anche uno spazio multifunzionale non dedicato in modo esclusivo ma utilizzabile per esigenze diverse.
    Personalmente vedo il Centro di Ascolto come una “funzione” che può trovare “sede” in un’area multifunzionale della CCCP (Centro Civico Culturale Praese) che in un altro momento può essere utilizzato in altro modo. Come amante dei libri sono convinto che un piccolo spazio possa e debba essere usato come biblioteca e anche come museo della storia e cultura Praese. Sono assolutamente convinto che si debbano cercare soluzioni WinWin che permettano di utilizzare gli esigui spazi a disposizione della comunità a beneficio di tutti. Disegnamo insieme la Pra’ del futuro.

    • Siamo disponibilissimi a proseguire il confronto su questo tema. Se servisse contattarci direttamente, la nostra pagina FB e il nostro indirizzo email sono facilmente reperibili cercando in rete Afcoda, il nominativo dell’Associazione.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*