I percorsi del cuore arrivano a Pra’, con la nuova sede della Comunità di Sant Egidio

Elis@Provinciali –

Se amare è bello, aiutare è bellissimo: si può sintetizzare in queste poche parole lo spirito che guida i volontari di Sant’Egidio, comunità cristiana nata nel 1968, per iniziativa di Andrea Riccardi, in un liceo del centro di Roma. Con gli anni è cresciuta, diventando una rete, che, in più di 70 paesi del mondo, raccoglie uomini e donne di ogni età e condizione, uniti da un legame di fraternità nell’ascolto del Vangelo e nell’impegno volontario e gratuito per i poveri e per la pace.
Preghiera, poveri e pace sono i suoi riferimenti fondamentali : dove la domanda cresce, con particolare attenzione alle aree periferiche, agli ultimi, ai dimenticati, loro ci sono. Danno e ricevono amore, sono un punto di riferimento stabile , nel disagio e nella solitudine.
Abbiamo intervistato Simona Garofano, giovane coordinatrice della nuova sede, aperta da ottobre, in via Prà 38/r, che con entusiasmo contagioso ci racconta: <<I poveri sono i fratelli e gli amici della comunità. Chiunque si trovi nel bisogno – anziani, senza dimora, migranti, disabili, detenuti, bambini di strada e delle periferie, può trovare ascolto ed accoglienza tra di noi. E dalla loro vicinanza, abbiamo un ritorno di amore, diventiamo una famiglia unica>>.
Immagino che la domanda di aiuto, in questo periodo di pandemia ed incertezza economica, sia cresciuta… <<Assolutamente si, con i lockdown i problemi di disoccupazione, di cassintegrati che faticano a far fronte, si sono moltiplicati ed acuiti, unendosi ai disagi costanti di tanti anziani soli, famiglie di immigrati, persone senza tetto, con disabilità…Già da tempo, Sant’Egidio è presente nel quartiere Ca’Nova, con progetti di ascolto ed aiuto scolastico ai bambini ed adolescenti , sostenuti da giovani universitari che seguono la loro formazione,per dare pari opportunità anche culturali a tutti>>.
E quindi, avete inteso aprire un nuovo punto di solidarietà a Pra’? <<Si, perchè come ho detto, la domanda cresce esponenzialmente, cerchiamo di essere una presenza capillare e costante nel territorio…siamo una cinquantina di volontari, ma certo il lavoro è tanto e chi vuol dare una mano è il benvenuto!>>
Come si svolge, in concreto, la vostra azione?
<<In primis, facciamo due volte al mese la distribuzione dei pacchi alimentari a circa 150 persone/famiglie, gli alimenti in parte vengono donati dai supermercati, in parte li acquistiamo. Abbiamo poi attivato in sede una scuola di lingua e letteratura italiana per gli stranieri in difficoltà, in questo modo cerchiamo di aiutare la loro integrazione, migliorando le capacità di comunicare e comprendere la nostra lingua. Per quanto riguarda la scuola primaria, funziona qui un servizio di “doposcuola”, aiuto compiti e lezioni, anche questo è un servizio importante perchè nessuno deve rimanere indietro!>>
Concordo…Sant’ Egidio è molto apprezzato anche per i pranzi di Natale, che fanno sentire il calore famigliare a tantissime persone, certo che con il covid immagino vi siano state difficolta? << Beh abbiamo la fortuna di disporre della  chiesa della Nunziata in centro, una tradizione consolidata nel tempo e quindi, in varie fasi,per il distanziamento, abbiamo servito il pasto caldo della Festa a circa 8 milapersone, ed in tantissimi ci hanno aiutato sempre. La chiesa, non solo per gli spazi, ovviamente, ma come luogo di preghiera,e mensa condivisa, come Gesu’.>>
Ed a Pra’? <<Siamo riusciti a fare tre pasti, due il 23 ed uno il 25, ospiti dei frati in parrocchia degli Angeli , con un servizio di catering, è stato emozionante vedere la gioia, il calore, l’allegria sui visi dei nostri commensali che non mi stancherò di dire, ci danno tanto,un ‘esperienza di fraternità e di unione che arricchisce chiunque si trovi ad affrontare le varie complessità di molte situazioni>>!
Coloro che volessero partecipare, possono contattare Simona Garofano 347 2499 359
ed Alessandra Lumachelli 348 2395 009
Come un da un ciottolo gettato acqua ferma, si dipartono cerchi concentrico, sempre più grandi , all’infinito…

3 Comments

  1. Grazie per aver dato visibilità a questa importante novità. È bello avere un punto di riferimento per aiutare le persone che si trovano in difficoltà e anche perché chi volesse dare una mano ha un punto di riferimento qui vicino.

  2. Io mi sono avvicinata a Sant’Egidio da quando è scoppiata la pandemia!
    Ovviamente avevo già sentito parlare della Comunità in varie occasioni ma entrare di fatto a farne parte ….È tutta un’altra cosa.
    È molto importante ciò che si fa per gli amici più sfortunati ma per me è stato altrettanto importante conoscere tante persone che con semplicità ed entusiasmo donano un po’ del loro tempo e delle loro energie al servizio del prossimo creando nel contempo una rete di amicizia e sintonia che fa star bene anche noi!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*