Zolfanello – Lo scandalo dell’obbrobriosa gabbia di via Ausiliatrice ennesima triste puntata della scandalosa vicenda

L'orrenda gabbia-vista-da-via-Ausiliatrice

Velocifero –

L’elefante burosaurico, proprio, non ce la fa. Non ci arriva. Neanche dove basterebbe solo un po’ di buona volontà, di voglia di fare, magari anche di apertura nell’ascoltare i cittadini, che le soluzioni le hanno già trovate e suggerite. Infatti, dopo anni e anni di chiacchiere, discorsi, riunioni, comunicazioni, distinguo, rimpalli, cerimoniali di fantozziano sapore U.C.A.S. (Ufficio Complicazione Affari Semplici), in occasione della diciannovesima riunione del Comitato di Monitoraggio sul P.O.R. Pra’ Marina tenutasi martedi 22 settembre u.s., dalle ore 14,40, nella sala consiliare dell’ex Palazzo Comunale di Pra’, in Piazza Bignami, i tecnici del Comune se ne sono usciti fuori con un progetto sconcertante che, per cancellare l’obbrobrio detestato dai cittadini ne prevede un’altro pressochè identico. In tale sede Alessandra Piro, della Direzione Progettazione Opere Pubbliche del Comune di Genova, ha infatti illustrato il “progetto” «che prevede sia l’allungamento che l’allargamento della scaletta pur non arrivando a coprire tutta la larghezza del vicolo (è una via N.d.R.); questo perchè è presente un doppio vincolo. Il primo è legato alla presenza di un rio tombinato 

L’orrenda gabbia l’unica valvola presente

 sottostante (adiacente semmai N.d.R.) e alla collocazione della scaletta in area allagabile e da esso derivano precise norme da rispettare. In situazione di emergenza la chiusura totale dello spazio in fondo alla discesa del vicolo nel caso di una scaletta a tutta larghezza creerebbe un effetto diga pericoloso. Il secondo vincolo, meno stringente, è dovuto alla necessità di poter accedere a tubature sottostanti per esigenze di ispezionabilità delle reti. Per questo motivo anche se la scaletta nuova, realizzata in pietra, è più larga di circa 40 centimetri (dal metro attuale al metro e 40 centimetri), tra il muretto di levante e la scaletta rimarrebbe uno spazio aperto chiuso da una griglia presente sia in basso che in alto al livello di pavimentazione di via Pra’». Al che il Presidente del Municipio, Claudio Chiarotti, interpretando così le richieste e segnalazioni dei cittadini convogliate attraverso SuPra’tutto, ha sottolineato che oggi quell’angolo è decisamente brutto e la presenza di quella sorta di anfratto con griglia metallica in particolare genera una serie di disguidi; con la nuova scaletta tale situazione di potenziale degrado e sporcizia sostanzialmente rimane senza contare che i disabili non ci possono passare. Fa poi notare che la Giunta municipale in risposta al parere richiesto su questo micro-progetto in base all’articolo 61 ha fatto una chiara proposta che è quella di agire parzialmente in deroga al piano di bacino allargando la scaletta per tutta la larghezza del vicolo e consentendo l’accesso alle tubature per il 

L’orrenda gabbia vista interna

 monitoraggio delle stesse attraverso una botola posta in alto in cima alla scaletta, così come fatto in un altro punto del territorio del Municipio; gradirebbe quindi che gli Uffici tecnici fornissero una risposta ufficiale a questa proposta. Osvaldo Merullo, rappresentante dell’Associazione Pra’ Viva e Renato Polidoro, rappresentante del Comitato Culturale Praese rinnovano la richiesta già avanzata molteplici volte di realizzare la scalinata a piena larghezza «prevedendo una semplice botola in alto», sul marciapiede di via Pra’, per l’accesso al breve tratto di insignificanti tubazioni presenti subito sotto il livello del marciapiede. Il consigliere Roberto Ferrando, Delegato del Presidente del Municipio per il P.O.R., ha quindi chiesto di estrapolare per il momento il progetto della nuova scaletta dall’insieme dei 5 micro-progetti collaterali al POR – Pra’ Marina «in attesa che gli Uffici Tecnici verifichino la fattibilità di quanto proposto dalla Giunta Municipale e dal Comitato di Monitoraggio al fine di poter avere una scala a tutta larghezza che consenta comunque il passaggio dell’acqua piovana e di eliminare la gabbia in grigliato prevista tra la scaletta ed il muro di levante. Si chiederanno inoltre chiarimenti al precedente RUP (responsabile unico dei lavori) sul perchè si sia prevista la soluzione della griglia per l’accesso per ispezione alle tubature e non si sia pensato ad altre soluzioni, quali ad esempio una botola». Come noto i cittadini praesi da anni continuano a denunciare la situazione di inaccettabile degrado costituita dalla “gabbia” e a suggerire soluzioni pratiche, semplici ed economiche. In tutto questo tempo gli uffici tecnici comunali sono riusciti a produrre, SE&O, a giugno del 2020, il solo bozzetto di “fattibilità architettonico T02 F Ar” firmato da ben cinque architetti, due ingegneri e cinque geometri, per sostituire l’obbrobrio con un altro obbrobrio. La posizione dei cittadini, sostenuta da questo giornale, è semplice ed arci-nota: 1) La gabbia raccogli-spazzatura è idecente e va sostituita con una scalinata in pietra a tutta larghezza; 2) Le tubazioni che passano all’interno della gabbia sono interrate tutto attorno, quindi non si capisce per quale motivo non possano essere interrate anche li, lasciando eventualmente un semplice tombino sul marciapiede per la eventuale manovra di una valvola; 3) In ogni caso le tubazioni corrono a pochi decimetri di profondità e per la loro ispezione, (ammesso che sia necessaria, ed i tecnici comunali dovranno spiegare il perchè, e perchè proprio lì e non altrove) non serve alcuna scala, nè tantomeno di conseguenza il rispetto di nessuna norma per l’accesso in spazi confinati in quanto inutile. Questo giornale continuerà a sostenere le legittime richieste dei cittadini finchè la gabbia non sarà rimossa e sostituita con la fatidica scala in pietra a tutta larghezza e si scriverà la parola “fine” a questo spettacolo indecoroso di lungaggini, inefficienza ed inefficacia, alla faccia dei cittadini contribuenti che devono continuare a sorbirsi spazzatura, puzza e schifezze ogni qualvolta transitano, e lo fanno molto spesso, da via Ausiliatrice.

Per ingrandire clic DX e apri nuova pagina

 

4 Comments

  1. La proposta del Comune è inaccettabile… E benissimo ha fatto il Municipio a respingela. Molto più adeguata è sicuramente la controproposta che mi sembra trovi d’accordo il Municipio e i rappresentanti delle Associazioni presenti nella Commissione di Monitoraggio del POR. Con SUPRA’TUTTO al nostro fianco continuiamo a chiedere un vero e reale miglioramento e non ci fermeremo finché non lo avremo ottenuto. Avanti così.

  2. BUONGIORNO OVVIAMENTE CONCORDO PIENAMENTE CON LA DEFINIZIONE PACHIDERMICA DELLA BRADIPOBURACRAZIA.VOLEVO PERO SOFFERMARMI AD UN PROBLEMA FORSE ANCOR PIU RILEVANTE, E MI RIFERISCO ALLE ERBACCE GIUNGLESCHE ORAMAI DIVENUTE AD ALTEZZA UOMO IN AREA CAMPO DI CALCIO E ZONE LIMITROFE PISCINA.(PER NON PARLARE DELL’AIUOLA CON PALME DI BASSO FUSTA ZONA PANIFICIO ROCCO)REGNA UN DEGRADO COSMICO. SOLO DOMENICA , E SCORSA GRAZIE ALLA GIORNATA DEDICATA ALLA PULIZIA E GRAZIE AD UN GRUPPO DI SPLENDIDI RAGAZZI, ALMENO I RIFIUTI E PARLO DI BOTTIGLIE LATTINE CARTACCE E OGNI TIPO DI COSE SONO STATE RIMOSSE. PERMANE PERO’ UN GRAVE DISAGIO DI CRESCITA DI OGNI TIPO DI ERBA INFESTANTE ORAMAI DIVENTATA DI ALTO FUSTO. MA MI CHIEDO DOVE E ‘ IL RISPETTO PER QUESTA COSI’ CHIAMATA FASCIA..ATTRAVERSO LE ISTITUZIONI DI QUARTIERE PERALTRO A MIO PARERE MOLTO PRESENTI E VICINE SI PUO ‘ OTTENERE IN TEMPI TECNICI UN INTERVENTO ATTO A UNA RISISTEMAZIONE E ACCURATO SFALCIO? PER DOVEROSA CONOSCENZA.

  3. Hanno fatto le opere e poi le lasciano allo sbando.
    Non capiscono che la manutenzione e’ importante quamto la realizzazione….
    Concordo con i commenti che mi precedono….continueremo a rompere le palle finchenon avremo il dovuto…

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*