Una Tesi su Pra’

Monica Canepa e il tema dell’elettrificazione delle banchine del Porto di Pra’

 – Velocifero –

In occasione della trasmissione andata in onda su PrimoCanale il 16 ottobre us, l’Amministraztore Delegato di Stazioni Marittime Genova, Edoardo Monzani, ha affermato che l’elettrificazione delle banchine non e’ soluzione conveniente per il problema dell’inquinamento delle navi in porto e che la vera soluzione sara’ l’alimentazione con l’ LNG. (gas naturale liquefatto). Tale affermazione ha provocato sconcerto e disappunto in quel di Pra’, che aspetta da anni proprio l’elettrificazione delle banchine del Bacino Portuale di Pra’. Bisogna quindi fare un po’ di chiarezza dal punto di vista tecnico. Il cosiddetto “cold ironing” o alimentazione elettrica delle navi in porto, e’ un ottima soluzione tecnica, (gia’ in utilizzo im molti porti degli USA e del Nord Europa) per fermare i motori delle navi durante la sosta in porto azzerando cosi tutte le emissioni di gas di scarico e di rumore. Vi e’ pero’ da fare una distinzione tra le navi passeggeri e quelle da carico: le navi passeggeri hanno un grande assorbimento di elettricita’ dell’ordine di svariate decine di migliaia di Kilowatt, equivalenti a quelle di piccole citta’ mentre le navi da carico come le portacontenitori che scalano a Pra’ hanno assorbimenti di molto minori, dell’ordine di qualche migliaio di Kilowatt cadauna. Bisogna anche notare che l’utilizzo dell’alimentazione a gas dei motori delle navi traghetto e da crociera, (dotate di motori a quattro tempi medio-veloci) sta gia’, seppur lentamente, prendendo campo, mentre per le grandi navi da carico (dotate di grandi motori principali a due tempi lenti e gruppi elettrogeni a quattro tempi medio-veloci o veloci) le soluzioni piu’ pratiche ed economiche che saranno adottate dagli armatori per uniformarsi alle leggi saranno principalmente gli “scrubbers” x “lavare i gas di scarico togliendo lo zolfo”, e l’alimentazione a gas interessera’ in modo apprezzabile tali navi tra molti anni a venire. Per quanto sopra sembra logico essere cauti per l’elettrificazione delle banchine delle navi passeggeri mentre e’ essenziale procedere rapidamente con quelle del porto container di Pra’ dove le problematiche di impatto ambientale non sono solo relative alle emissioni gassose ma anche e pesantemente a quelle sonore dei gruppi elettrogeni di bordo, per cui l’unica soluzione e’ l’arresto dei motori durante la sosta in porto e l’alimentazione elettrica da terra. Sembra che, finalmente, dopo un anno e mezzo di “black out” sul tema, l’Autorita’ Portuale abbia aperto la gara per l’elettrificazione delle banchine di Pra’. I cittadini restano in attesa di vedere finalmente realizzato il progetto e ridotto il pesante impatto ambientale del porto, proseguendo a consolidare la visione di “Porto di Pra’, Porto amico” avviata con successo con il precedente Presidente di Autorita’ Portuale Luigi Merlo. Per saperne di piu’ e documentarsi sulle “banchine elettriche” e’ utile leggere la tesi di dottorato della brillante Monica Canepa dell’Universita’ di Genova, del 2014, che tratta appunto il caso dell’elettrificazione delle banchine di Pra’, scaricabile da SuPra’Tutto.
Monica Canepa si sta trasferendo a Malmo, in Svezia, per operare cone Professoressa Associata di Ricerca presso l’importante e prestigiosa “World Maritime University” locale.  E’  Dottoressa in Economia Energetica, specialista nel campo della gestione dell’energia nei porti e negli ultimi anni è stata molto impegnata nelle attività di ricerca sulle politiche e le economie dei trasporti, accumulando una grande esperienza nello sviluppo e nella gestione di progetti di ricerca per l’Università di Genova. Monica ha anche pienamente riconosciuto e rispettato l’identita’ di Pra’ riportando in modo corretto il nome di Pra’ e del suo porto nel suo qualificato lavoro. Brava Monica, tanti auguri e tante grazie da Pra’.

Cold Ironing nel Porto di Genova

 

5 Comments

  1. Mi sono accinta alla lettura della tesi della Dott.ssa Canepa, e pur essendo ovviamente assai tecnica e ponderosa, ed io una comune lettrice profana della materia, l’ho trovata interessantissima, un contributo di spessore e valore al concetto di sostenibilita’ portuale per l’ambiente ed i suoi abitanti.
    Faccio i miei complimenti ed anche io i migliori auguri a Monica Canepa per un futuro professionale di successo e soprattutto, spero che di tali studi venga tenuto conto per il futuro di Pra’.

  2. Finalmente grazie alla tesi della dottoressa Canepa ho cominciato a capire qualcosa sull’elettrificazione delle banchine del porto di Prà. Brava dottoressa e tanti auguri per il suo nuovo prestigioso incarico.

  3. Informazioni preziose e utili grazie alla dottoressa Canepa sperando che finalmente l’Autorità Portuale si muova e faccia qualcosa.

  4. Grazie, dottoressa Canepa, una tesi molto interessante.
    Grazie anche per aver citato correttamente il nostro porto, il Bacino Portuale di Pra’.
    La sua tesi evidenzia, se ce ne fosse stato ancora bisogno, il grave impatto ambientale che grava sugli abitanti di Pra’ e di Pegli ovest e i grandi benefici che porterà il cold ironing.
    Che dire…spero con tutto il cuore che l’elettrificazione si faccia presto e soprattutto che le navi si colleghino alla nuova fonte energetica.
    Auguri, cara Monica, per il suo impegno presso l’Università di Malmo… La seguiremo a distanza con simpatia e riconoscenza.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*