Un ricordo di Mr. Firpo

Giuseppe Bruzzone

Giacomo Firpo il proiezionista cinematografico ufficiale di Pra’ da poco ci ha lasciati.
Recentemente ho incontrato il mio amico Luigi D. A metà anni “80” eravamo nella squadra del cineclub Marylin Monroe con sede nel cimema Palmaro, e Mr .Firpo così lo chiamavamo era il nostro il proiezionista. Luigi rattristato di questo, mi ha ricordato alcuni momenti passati con lui, seduti nei “giardinetti” .
Grazie ai buoni uffici di Mr. Firpo il proprietario del cinema Carillon di Pegli ci regalò una vecchia macchina, prontamente rimessa a nuovo proprio dal grande Firpo.
Dice Luigi << Mi piace ricordare quest’uomo per la sua competenza, umanità e immensa simpatia. Mi piace anche ricordare che nel corso della nostra storia chiese al più giovane di noi Antonello Z. di affiancarlo per trasferirgli la sua arte, tipo, taglio e ricucitura di pellicola e quant’altro. I due stabilirono un’intesa perfetta e mi ricorda qualcosa già affrontato dal “Grande Cinema”. (Lascio a voi le deduzioni.) Quanto al resto partecipammo tutti e senza far ricorso a manuali di Eisenstein o Rossellini ma a scope, martelli, cacciaviti e tutto il resto. Nel frattempo Mr. Firpo metteva a punto proiettore e tutto ciò che abbisognava. E iniziò una cavalcata per cinque anni di filmati del cineclub sempre con lui in sala di proiezione. Ma cinema e fotografia non ci bastavano più ed era in arrivo l’estate, stagione da sempre consacrata alla musica e al cinema all’aperto. Per tradizione statutaria partimmo con il cinema, sempre per via di quella storia di rendere lo spettatore protagonista. Vabbè…
Individuammo il sito in Villa Fiammetta. Mr. Firpo il Grande smontò il proiettore dal Cinema Palmaro. Finito lo smontaggio, di lato rimase una cassetta piena di pezzi, a suo dire, superflui, poi trasportammo il tutto a Villa Fiammetta su un carretto (tipo quelli dei pescivendoli) e lì il mitico Firpo la rimontò… Quando, alla prima proiezione, tutto funzionò a dovere non potevamo credere ai nostri occhi. Fu l’ inizio del cinema all’aperto. Proiettammo per due mesi da metà giugno a metà agosto e per tre anni tra l’ostilità dei condomini adiacenti…
Nel buio di Villa Fiammetta dietro la macchina una flebile luce bucava la notte; era la sigaretta di Mr.Firpo che vigilava pronto a intervenire in caso di strappo della pellicola.
Ora è su una nuvola che sicuramente discute con John Ford, Monicelli, Kubric e Germi sulle più belle inquadrature della storia del cinema. >>

3 Comments

  1. Belllissimo e vivace ricordo, narrato da Giuseppe con la consueta sensibilità…in tanti abbiamo episodi della vita di Giacomo da ricordare,si sente la sua mancanza.

  2. Grazie “ragazzi” per questa bellissima testimonianza. Mr.Firpo, come lo chiamavate voi, era veramente molto molto capace e metteva volentieri la sua capacità o meglio la sua arte a disposizione di tutti. Ricordo con piacere e ammirazione l’esperienza del Cinema club Marilyn Monroe..
    E che dire di tutti questi anni di rinascita e di successi del Nuovo Cinema Palmaro? Per non parlare della bellissima idea del cinema all’aperto nella difficile estate del Covid…grazie all’impegno dei volontari noi cittadini praesi abbiamo potuto trascorrere delle serate incantevoli…
    Rita dice che già manca tantissimo il caro Giacomo Firpo… Credo che mancherà sempre di più a tutti noi…

  3. Giuseppe sei incredibile!
    Grazie per questo ritratto del nostro amico Giacomo! Davvero tanta gente potrebbe raccontare aneddoti che lo riguardano. Ha fatto tante cose utili e interessanti e sempre con professionalità e passione!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*