Un piacevole incontro con Andrea Bruzzone, artista, studioso e memoria storica di Pra’

Elis@Provinciali

Desideravo davvero da tempo una conversazione vis à vis con questa persona straordinaria, che tanto ha fatto ed ancora fa per Prà, poichè rappresenta ed è la testimonianza vivente di quasi un secolo di cambiamenti epocali nel nostro territorio. Ci incontriamo a casa sua, con la gentile consorte Maria, sono accompagnata da Michele Stagno come fotografo e tecnico, e da Fulvio Sorbara, Presidente della Banda Colombi, ma è tra noi due, Andrea ed Elisa, che si instaura subito un dialogo cordiale, “con salti di tempo e di spazio”, mentre mi vengono mostrate le opere figurative che occupano due pareti del suo studio. Ho 40 minuti di registrato, perchè i contenuti sono stato tanti, ma andrò con ordine: Andrea Bruzzone nasce a Genova Prà, il 10 Ottobre 1929, e già da giovanissimo adolescente, realizza la prima opera…prosegue e perfeziona ulteriormente la tecnica, che si esplicita nei trent’anni di carriera all’Ansaldo, come disegnatore tecnico e progettista…ha ancora, nel suo studio il cavalletto professionale e dimostra un ricordo affettuoso verso l’Azienda. << Sa, abbiamo riempito ogni dove di centrali termoelettriche, Brasile, Russia, America…più vicino a noi, a Larderello, Ansaldo sfruttò l’energia geotermica, dal 1848 sono un’ infinità le realizzazioni, non solo in questo settore, ma anche automobilistico, aeronautico>>. Avverto l’orgoglio di chi ama il proprio lavoro, e ciò me lo rende ancora più simpatico. Negli anni a venire, Andrea manifesta un grande eclettismo nell’espressione artistica: chiaramente, il disegno tecnico lo ispira, ma nei quadri che vediamo, si dedica ad illustrare ambienti, personaggi ed attività del nostro territorio, con un tratto finissimo, quasi fotografico. Gli chiedo dettagli e mi spiega che: <<Sono partito dall’utilizzo di uno strumento con pennino di vari calibri, ma ho inventato questa tonalità seppia, miscelando inchiostro di china con pigmenti rossi e gialli>>. Esercita ogni forma figurativa, olio, acquerello, matita, fotografia e miniatura calligrafica. Ad esempio, sono sua opera le famose “pergamene” che FondAzione PRimA’vera dona da anni agli studenti vincitori delle Borse di Studio…accuratissime, nel tratto e nei colori, le esegue con passione, mi racconta che già negli anni del lavoro, ne realizzò tantissime per le più varie ricorrenze: matrimoni, pensioni dei colleghi, e dedicate a personalità del mondo politico e culturale che ogni anno, il 23 aprile, venivano a visitare lo stabilimento, in occasione dell’anniversario della Resistenza, di cui Ansaldo è medaglia d’oro. Il Maestro mi mostra anche una ricca raccolta di foto e cartoline d’epoca, che illustrano quanto era incantevole Prà prima del Porto. Ville storiche, litorali, spiagge, particolari del lavoro dei pescatori e molto altro ancora,un centinaio di immagini, accuratamente catalogate. << Io amo moltissimo il mio paese, ma i miei concittadini non sono tanto capaci a farsi rispettare, comunque faccio il possibile per valorizzare passato e presente, e mi sento parte attiva della Fondazione Primavera>>.
Insieme a Guido Barbazza, Fulvio Sorbara ed altri appassionati di storia e cultura locale nel Comitato Culturale Praese, ha contribuito all’edizione dell’ “Antologia Praese”, curandone la parte illustrativa, ha realizzato i bozzetti dei gonfaloni storici, dello stemma di Prà, della Banda Colombi, ed è sempre disponibile a presenziare agli eventi che ne rievocano il passato storico, facendo anche conferenze nelle scuole primarie e secondarie. Sue opere figurano a Palazzo San Giorgio, nel museo navale dell’Elba, nel nostro territorio municipale, nell’entroterra, ed ha sempre ricevuto affettuosi e meritati riconoscimenti alla sua arte. Andrea Bruzzone è davvero una persona straordinaria , nella sua umiltà e cortesia, e dà vita ad opere in cui si riesce a cogliere tanta passione, amore, impegno. Ci vedremo sicuramente presto alla cerimonia di assegnazione delle Borse, sarà una gioia grande per tutti coloro che gli vogliono bene. 

4 Comments

  1. Carissimo Andrea Bruzzone, maestro a pieno titolo, come praina sono orgogliosa di avere come conterraneo un artista di tale valore. È vero, noi Praesi non siamo capaci di farci rispettare, siamo sempre stati troppo rispettosi dell’autorità o forse abbiamo sempre dubitato di riuscire ad ottenere il giusto rispetto. Adesso, grazie alla FondAzione PRimA’vera, di cui fa parte anche Andrea Bruzzone, è cambiato il clima e abbiamo trovato il coraggio di intraprendere giuste battaglie mentre riscopriamo sempre più l’orgoglio di essere Praesi. Grazie ancora per tutto il lavoro e l’impegno e arrivederci alla cerimonia di consegna delle Borse di Studio.

  2. Caro Sig. Bruzzone, mi associo con piacere e totale condivisione agli apprezzamenti espressi da Elisa e Maria Luisa, che assai bene hanno interpretato i sentimenti della nostra Comunità Praese: di ammirazione e gratitudine doverosa e spontanea alla Sua meritoria attività di ricostruzione della nostra memoria storica, di valorizzazione delle radici culturali che danno forma e sostanza alla nostra identità.
    Quel sommo valore non negoziabile e impagabile che si chiama “genius loci”: lo spirito e la genialità del luogo di vita, dove si sono succedute generazioni e generazioni fino a sedimentare sentimenti e stili di vita condivisi e unici.
    L’anima di un contesto ambientale e relazionale, i suoi umori, le sue vicende, le usanze e le tradizioni che vanno salvate perchè costituiscono un patrimonio culturale di valore inestimabile: ciò che Lei, ad ogni racconto ad ogni narrazione sa evocare con impareggiabile Maestria.
    Mi lasci dire: Lei è l’Andrea Camilleri di Genova Prà.
    Le giunga il mio commosso, sincero grazie, di cuore.

  3. Ogni persona che contribuisce ad arricchire il patrimonio culturale, va elogiata e valorizzata! Quando poi è nativa della nostra regione e addirittura dei nostri “paraggi ” va riconosciuta a maggior ragione!
    Complimenti al Sig. Bruzzone, nostro illustre concittadino e brava Elisa che non perde occasione per mettere in luce le eccellenze della nostra “piccola fetta” di Liguria!

  4. Andrea è un “rivoluzionario”, il vero esempio di “contro corrente” perchè è una persona gentile, generosa, disponibile, colta, mite, accogliente, sa parlare a tutti, sa ascoltare tutti,
    è paziente, modesto, geniale, creativo, insomma .. un rivoluzionario. Un’icona Praina.

Rispondi a francesco Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*