Un film in visione al Nuovo Cinema Palmaro:”Quo vado?” con Checco Zalone – prorogato sino a mercoledì 3 febbraio

Elisa Provinciali-

Preceduto da un grande battage mediatico, dovuto principalmente agli incassi straordinari realizzati in tutta Italia, sbarca al nostro cinema questo film, il quarto del comico emergente (ormai affermatissimo) Checco Zalone, e del suo regista “alter ego”Gennaro Nunziante.

selfie col leoneMolto facile sparare ad alzo zero sulla leggerezza della pellicola, come hanno fatto i molti critici: non siamo certo in presenza di un film da “David di Donatello”, ne’ ciò era nelle intenzioni dell’autore, ma effettivamente, si ride, si sorride e ci si diverte dall’inizio alla fine! Non si era mai vista la coda fuori dal cinema Palmaro, a mia memoria, eppure moltissimi cittadini, a più proiezioni, sono dovuti tornare indietro, ed a furor di popolo, l’amministrazione ha deciso di prolungare le proiezioni di una settimana.

Ebbene, questo personaggio, cresciuto col mito del posto fisso, un comodo ufficioperaltro assegnatogli dal padrino politico Lino Banfi, rappresenta tutti i peggiori vizi dell’italiano medio: mammone, approfittatore, eterno fidanzato, maschilista ed abbastanza presuntuoso, oltre che politicamente scorretto. Ma è cosi’ convincente che lo spettatore ride di sé stesso, e si identifica nelle originali vicende che lo vedono sballottato, in “mobilità”, per l’abolizione delle Provincie, nelle sedi più improbabili e scomode d’Italia, resistendo strenuamente alla dirigente Sironi, un’ottima Sonia Bergamasco, che lo lusinga con crescenti buonuscite, affinchè firmi le dimissioni volontarie.

sonia_bergamascoTuttavia, Checco non demorde, ed, altra caratteristica prettamente italica, applica l’arte di arrangiarsi, dovunque venga spedito…finchè, esasperata,e sull’orlo di una crisi di nervi, la Dott.ssa Sironi non lo destina, sperando nella sua resa, ad una base italiana al Polo Nord.

Anche in questo gelido ed inospitale contesto, il nostro troverò il suo “modus vivendi”, ed anzi, si integrerà

perfettamente, tanto da trovare l’amore in una bio-zoologa , la fresca Valeria, interpretata da un’inedita Eleonora Giovanardi, perfettamente nel ruolo di donna impegnata nella natura, nell’impegno sociale e dal passato sentimentale alquanto turbolento. Lentamente, Checco assumerà valori positivi e nuovi, responsabilizzandosi, addirittura, si trasformerà in una spassosa versione norvegese,”Grande, paese, CIVILE!”.un momento del film

Questa è solo una prima parte della vicenda, originale, con battute a raffica e continue sorprese. Suggestiva la fotografia dei vari scenari ambientali , che però, ben presto, cambieranno ancora, e la narrazione si sposterà in altri luoghi, a nuove situazioni, ad un finale accattivante: non anticipo al lettore questa conclusione, collegata peraltro all’esordio della storia, pure esso ambientato in un ulteriore contesto originale a se’ stante, che racchiude la vicenda principale.

valeria, la ricercatriceI personaggi secondari, come i colleghi, i superiori, la fidanzata e la futura suocera , i genitori, gli altri comprimari, sono convincenti ed inseriti ad hoc nella storia.

Insomma, nonostante i detrattori, “Quo vado?” funziona e diverte, segno che lo spettatore gradisce l’evasione, senza il continuo ricorso a battute volgari e doppi sensi pesanti, (stile cine-panettone), ma con un certo messaggio satirico non allineato: in questo senso, il successo di Zalone, al secolo Luca Medici, si può leggere come il riconoscimento a stilemi comici e recitativi nuovi. Anche l’inserimento delle due canzoni di cui è autore ( Zalone nasce, infatti, anche come musicista), costituiscono un elemento del tutto peculiare dei suoi films. Probabilmente, la forza graffiante ed un po’ eversiva dei film d’esordio é qui abbastanza ridimensionata, per incontrare il gradimento di un più vasto pubblico, ma l’aspetto innovativo è ben presente, se pur edulcorato.

Poi…de gustibus : Checco sta al cinema come l’aglio alla cucina, o lo ami o lo detesti, non vi sono mezze misure!

Comunque, a parer mio,se desiderate due ore di spettacolo spensierato, cui far assistere tutta la famiglia senza incappare in sequenze scollacciate, o battute stupide/scontate, e senza annoiarvi, anzi, col sorriso sulle labbra, con “Quo vado?” ne avete la possibilità , al Nuovo Cinema Palmaro, ancora per alcuni giorni.

26 Comments

  1. Ciao. Ho visto il film e mi sono divertita…non solo i difetti del maschio italico bamboccione ci sono, anche le pecche della Prima Repubblica! Soprattutto in campo Welfare: la canzone è spassosa quando dice:”quelli in carozzella saltavano, ed i sordomuti, cantavano…” Quanti ne conosciamo, di collocati in assunzioni speciali per un’ unghia incarnita! Speriamo che questo malcostume, prima o poi, si estingua, perchè danneggia chi ha davvero bisogno di assistenza.

  2. Non ho visto il film ma ho seguito la critica. Agli italiani piace guardarsi allo specchio, seguire una trama che racconta dei propri difetti e dei propri stili di vita prevalenti. Soprattutto la gente vuole tornare a sorridere e divertirsi, anche ironizzando su se stessi. D’altra parte ne’ la politica, ne’la vita sociale ci offrono occasioni per farlo: è tutta una sequela di brutte notizie, insicurezze, timori, apprensioni, paure, angosce.
    Ben venga dunque un film che ci consente di ritrovarci proiettati sullo schermo: i veri personaggi siamo noi, gli attori ci prestano la maschera.
    L’ironia come fonte di conoscenza della realtà è una pratica che si sta perdendo e di cui abbiamo ogni tanto bisogno per smontare i luoghi comuni delle informazioni preconfezionate. Ricordo che il mitico direttore della Gazzetta dello Sport, Candido Cannavò, mi disse che il suo sogno irrealizzato di giornalista era quello di scrivere – almeno per un giorno – un quotidiano fatto tutto di “belle notizie”. Ne parlai qualche tempo dopo con Maurizio Belpietro che commentò così, riportandomi alla cruda realtà: “Le belle notizie non si trovano neanche nei mercatini dell’usato”. Aveva ed ha ragione. Per questo credo che la gente si mette in fila per cercare un paio di ore di evasione, anche se il film descrive gli italici difetti. Abbiamo bisogno, fisiologicamente, di staccare la spina. Diceva Troisi “Non ci resta che piangere”. Sarebbe bello ogni tanto poter dire: “Non ci resta che ridere”.

  3. Ciao, come tanti ero in coda domenica scorsa per vedere il film, ma data la coda non sono riuscita ad entrare. Ero curiosa, non ho mai visto un film di Zalone ed avevo deciso di vedere questo commentato in tante trasmissioni televisive. Sei stata brava nella descrizione del film e vedrò se ritentare la sorte domenica , o se aspettare che arrivi sul piccolo schermo. ciao ciao

  4. Anche io sono stata rimbalzata all’ingresso del cinema, eppure non sto a Genova! Ci riprovo, questa recensione mette davvero voglia di vederlo..

  5. nn l ho ancora visto magli altri di Checco mi sono piaciuti.Brava Elisa mi hai incuriosito ….correrò appena lo danno da me al San Pietro

  6. Non ho visto il film quindi non posso muovere critiche di alcun genere, ma l’articolo rende bene la scena…..qualcuno ha sentenziato ” a che livello sono gli Italiani se fanno la fila per vedere questo tipo di pellicole…”
    Bene …la mia risposta è che la gente è STUFA di pesantezze, di preoccupazioni, di problemi che ci attanagliano tutti i giorni ..siamo consapevoli di quello che ci circonda ..dalla politica ad altre forme di dominio psicologico..e in questi spettacoli “leggeri” ci si ritrova ad essere un po’ più spensierati ..
    Tra l’altro la problematica degli esodati colpisce molta gente ed è quindi un argomento reale ed attuale che noi Italiani cerchiamo di affrontare a nostro modo..arrangiandoci…
    Brava Elisa , un articolo ad hoc che ci fa vivere il film anche non avendolo visto…
    e comunque Checco Zalone è un fine umorista a livello UMANO..

  7. Son sincera… Questo film non mi ha mai interessato più di tanto perché non rientra nel mio genere… Ma leggendo questa recensione mi sale la curiosità di andare! La sua leggerezza e ironia probabilmente mi faranno passare una piacevole serata allontanandomi dai problemi e dalle preoccupazioni quotidiane… Mi sono convinta!

  8. Brava Elisa, non conosco Checo Zalone, ma con la tua recensione mi hai tanto incuriosito che devo vedere uesto film. Almeno ci spero. Ciao

  9. Non ho visto il film, devo dire che non ho mai apprezzato particolarmente le performance televisive di Zalone, tuttavia le critiche positive che ho letto su questa pellicola mi hanno fatto un po’ vacillare nel mio pregiudizio. Ancor più questa recensione così dettagliata e onesta che, devo ammettere, quasi mi ha convinto ad andare a guardare il film! Grazie per questo resoconto che sembra essere davvero un consiglio spassionato per trascorrere una serata in leggerezza!

  10. Grazie a tutti…commenti come se piovesse, che bello!
    Questo mio tentativo di recensire i film in visione al Cinema Palmaro vuole essere appunto un promo a questo nostro “storico”locale per proiezioni: una volta era grandissimo, classico, con la galleria,le sedie ribaltabili di legno ed il palco era anche teatro: quanti film ci abbiamo visto da bambini! Era”il cinema parrocchiale”, pertanto la programmazione era tipo Ben hur, Mose’,Mary Poppins e tutti gli western per famiglie; inoltre, il teatro veniva utilizzato per feste, recite, cori.Il mitico Ventura sorvegliava che non facessimo troppo caos, sopratutto i maschietti. Ancora adesso, nell’atrio, campeggia un proiettore dell’epoca. Macchinista FIRPO…
    Attualmente,il Nuovo Cinema Palmaro e’ completamente ricostruito, un gioiellino, ha rivisto la programmazione e direi che, chiuso l’Eden a Pegli e l’Ambrosiano a Voltri, attira molti spettatori in tutta la Delegazione e oltre.Prezzi modici e tessere speciali.
    E’ molto importante questa attività nel sestiere di Palmaro, perchè rivitalizza tutta Pra’, e consente a tanti di uscire la sera e divertirsi.
    Visto il gradimento, continuerò a parlarvi delle pellicole che vedo io con le mie amiche, grazie, voi seguitemi ancora! E.

  11. Per dirla con Woody Allen “basta che funzioni”….funzioni a stare bene e magari anche a pensare, forse più di tanti altri film. Questo dipende solo da noi!

  12. Leggendo la suddetta recensione,si capisce esattamente che Elisa ha raggiunto il suo obiettivo, offrire al pubblico gli strumenti per avvicinarsi al film in modo consapevole e contemporaneamente allettante.Chiarissimo il tema di vita contemporanea che viene affrontato ed evidente il messaggio trasmesso: gli italiani capaci di adattarsi a qualsiasi situazione pur di raggiungere il sempre sperato e mai passato di moda ”posto fisso”.Credo che Elisa, come fa un buon critico, nella sua recensione, abbia seguito ogni passaggio: trama del film, attenzione sui vari personaggi,in particolare il protagonista, evitando i colpi di scena e la conclusione del film stesso,messa in evidenza della bravura degli attori nell ‘intepretare i vari soggetti,trasmissione del messaggio , focalizzazione degli ambienti in cui si svolge la vicenda,opinione e giudizio personali.Brava Elisa hai un futuro da critico cinematografico e……..sicuramente andro’ al cinema per gustarmi ”Quo Vado”.

  13. Bellissima recensione che avvicina lo spettatore allo schermo. incuriosisce chi ancora non ha visto il film .
    bravissima nel descrivere il personaggio che incarna l’italiana medio che pur di raggiungere il proprio obiettivo non mollami anche a costo di un enorme sacrificio.
    auto-ironico e veritiero.
    hai perfettamente descritto quello che e’. A chi non l’ha visto e vuole rilassarsi facendosi due risate lo consiglio cosi come hai fatto tu .
    brava

  14. correggo alcune parole che durante la battitura ho scritto male:
    incarna l’italiano medio (e non italiana)
    non molla mai (non mollami)

  15. Abbiamo visto il film insieme e riso delle battute. Come al solito sei riuscita a commentare bene la trama e ad invogliare le poche persone che non l’hanno visto ad andarci. Appuntamento al prossimo film!

Rispondi a francesco Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*