Tavolate sotto le stelle e tanto altro: la XXIV sagra dell’acciuga di Palmaro

 

Chiara Bozzo –

Una giornata di sole, duecentottanta chili di acciughe fritte e ottanta di frisceu. I numeri ci sono per la ventiquattresima sagra dell’acciuga perché le persone rispondono sempre, quest’anno, la forte collaborazione con le diverse realtà tra cui il CIV ha permesso di confermarli nonostante non vi sia molto ricambio di forze» commenta Dino Brigida, presidente dell’Associazione Borgo di Palmaro «i giovani fanno fatica a dedicarsi all’organizzazione, si tratta di un impegno che non dura solo una giornata; lo facciamo anche per Palmaro perché il quartiere si sta lentamente spegnendo, tante saracinesche chiudono». Per una giornata invece il sagrato della parrocchia dell’Assunta si è trasformato in un ristorante a cielo aperto, con tavolate di legno e panche. Tante le iniziative collaterali alla tradizionale acciugata con ben tre postazioni musicali, tra piano bar e l’esibizione dell’orchestra Alta Marea nel giardino di Villa De Mari; le stanze della villa invece hanno ospitato anche una mostra di pittura dell’Associazione “Palmaro Arte e Cultura Insieme”. Durante tutta la giornata poi alcune bancarelle, dai prodotti alimentari liguri e non, sino a arrivare all’abbigliamento e al piccolo artigiano hanno colorato via alla Chiesa di Pra’. « Quest’anno abbiamo ricevuto anche una preziosa mano dai ragazzi dell’Azione Cattolica dell’Assunta, li abbiamo fatti stancare soprattutto come facchini» scherza Dino Brigida «devo ringraziare tutti i volontari che si sono dati da fare per offrire a Palmaro la sua tradizionale festa estiva». Una tradizione da non perdere, anzi da continuare assolutamente, facendola crescere ogni estate, per la gioia degli abitanti e dei visitatori.

 

3 Comments

  1. Che pazienza per pulire tutte quelle acciughe ma ne è valsa la pena! Complimenti a tutti coloro che hanno collaborato per la riuscita della festa! Viva Palmaro!!!!

  2. Guai un luglio senza sagra!!! La tradizione è superconsolidata…e molto gradita.
    Brava Chiara che hai documentato la festa e grazie ai volontari del Borgo che affrontano ogni anno un grande impegno!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*