Tamponi rapidi con Drive-in a Pra’

Un servizio indispensabile a cura dei medici di famiglia

 

Elis@Provinciali

<A partire da lunedì 30 novembre, è attivo l’ambulatorio in modalità drive-through ( percorribile in auto), in collaborazione con il Municipio VII Ponente, il Comitato di Valorizzazione del Ponente, il G.S. Speranza, che assicurerà il sostegno logistico, i Bagni Marina e l’Associazione Nazionale Polizia di Stato, che garantirà il disciplinato afflusso. La gestione operativa è a cura dei Medici di medicina generale di Pegli, Prà, Voltri e Mele.Per effettuare i tamponi antigenici rapidi sarà necessario avere la prenotazione del Medico curante e recarsi all’appuntamento nella sede della Fascia di Rispetto, lato stazione ferroviaria c/o Centro Remiero, in piazza Brigata Partigiana 334 EST S.A.P., a Genova Prà.>. .Per informazioni sugli altri 17 punti diagnostici nel distretto: http://www.asl3.liguria.it/coronavirus/speciale-tamponi/sedi-asl3-per-i-tamponi.html  Questo il comunicato-stampa fornitoci dalla Asl 3, tramite il direttore del Distretto 8, dott Filippo Parodi, e la dott.ssa Simona Morelli, ufficio Comunicazione. C’era grande attesa e necessità del presidio, essenziale per garantire ad un territorio assai vasto e popolato, il controllo sanitario in ordine alla pandemia Covid19. Ci precede un periodo di carente informazione e dis-funzionalità nella gestione di tale problematica, quasi dappertutto sul territorio nazionale.. Avere un tampone a domicilio era un’attesa infinita, le persone restavano in quarantena volontaria, senza avere punti di riferimento precisi, oppure ci si rivolgeva ai laboratori privati, senza contare le code chilometriche . Situazioni “a macchia di leopardo”, in un overdose di “detto” e “smentito” che ha disorientato un po’ tutti noi. Ma adesso, grazie ad un efficace sinergia tra istituzioni e medici di base, possiamo tranquillizzarci, almeno per quanto riguarda la diagnostica, qui a Pra’. Nell’immagine, vediamo i primi quattro medici che hanno iniziato a lavorare da alcuni giorni,i dottori Silvia Ferrero, Elio Giuliani, Antonio Pastorino, Francesco Conte.

Essi, come ci spiega il dott.Giuliani,osserveranno il seguente orario < dal lunedi al venerdi dalle 8:30 alle 12:30 . I Medici di medicina generale (MMG) si alterneranno per eseguire i Tamponi Antigienici rapidi sui propri assistiti e sugli assistiti degli altri MMG nei seguenti casi stabiliti dalla Regione:

1. Contatti stretti di asintomatici con Covid positivi, allo scadere dei 10 gg di isolamento individuati dal MMG o dal Dipartimento Prevenzione in attesa di tampone rapido per cessare il periodo di isolamento

2. Caso sospetto definito Paucisintomatico che il MMg si trova a dover visitare e che decide di sottoporre a test rapido

Sarà possibile accedere solo su prenotazione, che potrà essere effettuata dal proprio medico di fiducia. Stiamo lavorando a turni di tre operatori alla volta, e debbo dire che l’afflusso in queste prime giornate si mantiene intenso. Per il momento, riusciamo a coprire le necessità.>

-In quanto tempo si ha il risultato? < In soli 15 minuti, se positivo ci si deve sottoporre a tampone molecolare, che a giorni faremo anche noi qui a Pra’ >

-Che differenza c’è tra i due tipi di tampone? < Esiste una sostanziale differenza tra tampone antigenico rapido e tampone molecolare: i test rapidi antigenici analogamente a quelli molecolari, valutano la presenza del virus nel campione clinico. Con la differenza che i test antigenici rilevano la presenza del virus tramite le sue proteine (antigeni), il tampone molecolare tramite il suo acido nucleico (Rna) .Il risultato dei test rapidi antigenici può essere direttamente visibile a occhio nudo o letto rapidamente mediante uno strumento analizzatore compatto e trasportabile. Proprio per tali caratteristiche il test può essere eseguito in uno studio medico o in aree dedicate senza la necessità di un laboratorio. I gazebo sono raggiungibili in auto passando per una corsia preferenziale e l’ accesso viene organizzato e custodito dai volontari della Polizia di Stato che ringrazio per la loro utile collaborazione, unitamente al presidente del Municipio , Claudio Chiarotti, al direttore del distretto8, dott Filippo Parodi, al presidente del Centro Remiero, al MMG , dott.Roberto Minetti.>   In relazione al presidente Chiarotti, si coglie la sua soddisfazione da quanto ha dichiarato a SuPra’Tutto  < Dopo il via libera nazionale ai medici di base per effettuare test rapidi al di fuori dei propri studi, il municipio si e’ attivato per fornire agli stessi tre spazi sul territorio dove effettuare questa importante prestazione sanitaria. Oggi prende l’avvio questa struttura realizzata nei pressi del Centro Remiero a Pra’, che si affianca ad analoghi centri a Voltri e Pegli, e dimostra quanto sia importante la sinergia tra istituzioni e realtà territoriali. Grazie ai Medici di base ed ai Pediatri, che hanno aderito e si renderanno disponibili per questa iniziativa, e più in generale tutti coloro che ci permettono di fronteggiare quotidianamente l’emergenza Covid 19, garantendo buoni servizi alla nostra comunità. Qui, sul territorio, vicino ai cittadini, è realmente possibile integrare l’azione amministrativa col tessuto sociale.>

Confidiamo che tutte queste realtà possano continuare a collaborare , sviluppando un’intensa azione di lotta all’emergenza sanitaria…Abbiamo davanti un grande impegno per la somministrazione vaccinale, e probabilmente, potremo ancora contare su analoghe realizzazioni. Esprimo la speranza che per l’anno prossimo non vi sia più bisogno di tutte queste prestazioni sanitarie, perchè  il “malo virus” avrà tolto il disturbo una volta per tutte…

4 Comments

  1. Molto bene per l’iniziativa attivata in tempi, mi sento di dire, piuttosto rapidi, una volta stabilita la linea nazionale in merito ai medici di famiglia! Ci auguriamo tutti molto sentitamente, che il prossimo anno di questi tempi e forse anche prima, tutto questo non sia piu necessario!
    Lo speriamo veramente!!!!

  2. I medici , l’ho già detto, sono i nostri Angeli / Eroi e sinceramente, siccome ne ho due in famiglia, più due paramedici, sono perfettamente consapevole dei sacrifici che fanno, e posso solo immaginare la fatica a lavorare così bardati, senza poter bere, mangiare, o andare al bagno per ore. La tv ci trasmette immagini choccanti dei reparti di terapia intensiva, e mi sento completamente solidale con queste donne ed uomini coraggiosi e tenaci, spesso sono l’unico punto di contatto con la realtà per i malati di Covid, chissà quante volte hanno represso le lacrime, seguendo gli ultimi istanti di vita di chi purtroppo se n è andato, ed ai quali sono stati i soli a dare l’estremo conforto.
    Ho detto ad un medico.”il governo dovrebbe raddoppiarvi lo stipendio!” e sarebbe il minimo…se poi consideriamo che quasi trecento dottori sono morti contagiati , mentre svolgevano il loro difficile lavoro, una missione, provo dolore ed anche indignazione, perchè forse, non sono stati messi, in qualche caso, nelle condizioni idonee a proteggersi.
    Comunque grazie a tutti, anche alle istituzioni ed ai volontari a qualsiasi titolo che ci aiutano nella nostra lotta contro questo virus infame.

Rispondi a Nadia G. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*