SuPra’tutto intervista i candidati alle Regionali 2020

Velocifero –

In occasione delle Elezioni Regionali Liguri del 20 e 21 Settembre p.v. SuPra’tutto continuerà la sua missione di informazione chiara, dettagliata, neutra e indipendente a favore dei Cittadini di Pra’, chiedendo interviste ai candidati presidenti e garantendo analoghe interviste ai candidati nel collegio in cui è compresa Pra’ che ne faranno richiesta. Come da consolidata tradizione, SuPra’tutto porrà a tutti, al di là di altri argomenti facoltativi scelti dai candidati, le stesse 3 domande strategiche, riportando le interviste sia sul giornale digitale on-line, sia sul magazine cartaceo.

Per questo turno elettorale le domande selezionate sono: «In caso di sua elezione, cosa si impegna a fare per:

  1. Prolungamento P.O.R. Pra’ – Marina a Ponente, fino alle officine ex Verrina di Pra’.
  2. Prolungamento P.O.R. Pra’ – Marina a Levante, fino al Castelluccio di Pra’.
  3. Cura e manutenzione verde, strutture e impianti pubblici di Pra’ ai massimi standard qualitativi».

I tre argomenti selezionati sintetizzano i tre principali punti critici per l’ex-comune e delegazione di Pra’, in quanto:

  1. Il recupero e la valorizzazione del litorale di Pra’, devastato dalla realizzazione del Bacino Portuale di Pra’ tramite il P.O.R. – Pra’ Marina ha interessato solo la parte centrale di Pra’, lasciando la porzione di litorale di Ponente che fronteggia i sestieri praesi di Palmaro e Cà Nova esattamente com’era al momento dell’inizio della discarica portuale, e quindi con l’invasività paesaggistica ed ambientale di porto e ferrovia a pochi metri dalle abitazioni e dalle ville storiche di via Pra’.

  2. Idem e anche peggio, il recupero e la valorizzazione del litorale di Pra’, devastato dalla realizzazione del Bacino Portuale di Pra’ tramite il P.O.R. Pra’ Marina, che ha interessato solo la parte centrale di Pra’, ha lasciato la porzione di litorale di Levante, in prossimità del Sestiere Praese di Longarello, nel totale degrado, con la sede della vecchia ferrovia traslata a mare colma e circondata da ruderi, spazzatura, rottami e detriti, e parzialmente usata come indecoroso deposito di materiali da cantiere.

  3. Nonostante il recupero e la valorizzazione delle aree litoranee “cuscinetto” tra Pra’ e il suo porto, quali la Fascia di Rispetto, il Canale Navigabile, la pista ciclo-pedonale e le nuove aree di “Pra’ To Sport” le stesse aree sono mantenute dalla civica amministrazione in uno stato pietoso, con poca se non nulla cura delle aree verdi, con poca se non nulla manutenzione degli impianti pubblici, con la mancata attivazione dei nuovi lampioni dell’illuminazione pubblica della strada a mare di Pra’ To Sport. Erbacce e sporcizia ogni dove, dormitori ed accampamenti abusivi, aree poco o nulla illuminate, cestini dei rifiuti strabordanti, forniscono un iniquo, inaccettabile trattamento per i Praesi, che in nome del Porto, dell’occupazione e degli interessi economici di Genova hanno dovuto rinunciare alla loro bellissima spiaggia, con i sui 34 stabilimenti balneari, i cantieri navali, i pescatori.

Alcuni aspetti delle problematiche trattate non sono ovviamente di pura ed esclusiva competenza e responsabilità regionale, ma in considerazione del fatto che il Porto di Pra’ ha rilevanza ed importanza nazionale per quanto riguarda il settore logistico e dei trasporti, risultando il primo scalo container italiano, e che, evidentemente, l’aiuto finanziario ed strategico della Regione, anche attraverso l’attivazione di fondi europei, risulterebbe estremamente utile a Municipio e Comune per la risoluzione delle importanti problematiche, che si trascinano tal quali da decenni. SuPra’tutto amplifica la tua voce.

4 Comments

  1. Potete evitare di fare le interviste, pubblicate quelle della volta scorsa. Tanto qui a ponente tutto resta sempre uguale.
    Ci meriteremmo di meglio delle solite promesse mai mantenute.
    La politica regionale non ha fatto niente per il porto.

Rispondi a Mary Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*