Signorinski a Superbovic Carmagnanski

La Pra’vda

Ivan Denisovic –

Colpo di scena: il presidente del politburo portuale di Gorski, Compagno Generale Signorinski, è stato arrestato dal CheGheBè e condotto nel Gulag di Superbovic Carmagnanski. Pochi minuti prima l’alto funzionario dei Soviet aveva accoltellato alla schiena la gentildonna Prainskikova, causandole gravi ferite, fortunatamente non mortali, gridando come un ossesso «petrolkeminski a Pranski !». Gli agenti del CheGheBè sono stati chiamati dai giornalisti della Pra’vda che hanno assistito increduli al fattaccio durante la conferenza stampa convocata dallo stesso Signorinski. Pare che il tutto sia stato innescato dall’idea del Signorinski di spostare i depositi di scorie e rifiuti chimici di Superbovic Carmagnanski sulla diga foranea del Porto di Pranski, creando un’isola di cemento, irritando così l’Ammiraglio Generale della flotta dei gloriosi sottomarini nucleari oceanici strategici che è notoriamente ormeggiata nel Porto di Pranski, Stanislao Bignonev, che ha dichiarato: «I miei prodi marinai lanciano gloriosamente i missili a testata chimica sulle teste dei nemici della Russia, sono eroi della Patria, non possono essere umiliati diventando un deposito di rumentowska». Il Ministro Toninellka ha subito aperto un’inchiesta per valutare i costi-benefici dell’idea lanciata dal Signorinski, dichiarando: «pensare di spendere miliardi di Rubli per costruire un’isola per spostare dei depositi che occupano pochi operai, danno guadagni ai padroni e inquinano la vita del popolo è un crimine». Il Sindaco di Pranski, Leonida Parodinski ha rincarato la dose, infuriato: «Basta spostare tutta la rumentowska a Pranski e nel Ponentowski dove vive il Popolo, ora la rumentowska di Superbovic Carmagnanski ve la mettete a Levantowski, dove vivono i riccoski, che mai hanno fatto sacrifici per la gloria di Gorski e che hanno sempre sfruttato come fossero colonie di schiavi i comuni annessi dittatorialmente da Rasputin Junior nel 1926. Ora basta ! Qui a Pranski siamo pronti alla secessionski». Nel frattempo, fino a nuove decisioni il Signorinski si trova rinchiuso nel Gulag di Superbovic Carmagnanski, protetto dalla furia della popolazione di Pranski che cinge d’assedio il Gulag Petrolkemiken e lo reclama per esporlo alla gogna in piazza Sciesavic.

6 Comments

  1. sottoscrivo ogni parola di questa pravda basta con i disagi e servitù a Prà e nel ponente il petrolchimico che se lo mettano a nervi o Albaro, tanto per non fare nomi, dove abitano lorsignori

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*