Salviamo Villa Fiammetta e il parco giochi!

Anita Ferrantin

Quanti pomeriggi passati a giocare con i miei amici al parco giochi di villa Fiammetta! Andavamo sugli scivoli, oppure giocavamo a nascondino e ad acchiapparella sull’erba e tra le persone; qualche volta, con mia sorella Adele e papà, portavamo la palla e facevamo a gara a chi segnava più canestri.
Con il tempo, però, i giochi hanno iniziato a mostrare i segni del tempo e dei ragazzacci che sono passati di lì hanno fatto il resto… Il risultato è un parco giochi malandato e pieno di graffiti, con scritte a pennarello sui muri. Per mettere la ciliegina sulla torta di recente hanno inoltre distrutto la casetta con lo scivolo, che era situata in cima ai gradoni e che è stata successivamente trascinata in cima alla salita di fianco all’area cani. Ormai la villa rischia di finire nello stato di degrado più totale. Sembra impossibile che non ci sia niente di meglio da fare che imbrattare i giochi dei bambini, che vogliono solo giocare! Gli atti di vandalismo sono un reato e rovinano lo spazio pubblico che è stato pagato con i soldi di tutti.
Ultimamente il parco giochi è rimasto con i cancelli chiusi, ma, nonostante tutto ciò che è successo, si vede ancora qualcuno che gironzola per il parco. Preservare gli spazi comuni è un dovere di ogni cittadino e va rispettato?!
Anche la villa Fiammetta, che rimane dietro al parco giochi, vista da fuori non è in grandi condizioni…Tutto intorno all’edificio ci sono sterpaglie e l’anno scorso un incendio stava per distruggere la cappelletta. Se passate da Via Pieve di Teco, vedete ancora le impalcature sistemate per fare manutenzione…
Salviamo Villa Fiammetta e il parco giochi!

1 Comment

  1. Giustissimo segnalare il degrado, soprattutto quando ci ringuarda da vicino. Se il nostro quartiere è in stato deplorevole la figura degli incivili la facciamo tutti anche quelli che cercano di mantenere pulito ed in ordine quanto ci circonda!
    Il problema è di vecchia data…bisognerebbe insegnare ai bambini ad avere cura dell’ambiente e di tutto quello che è “proprietà di tutti”.
    Se non si parte dalla base ci ritroveremo a parlare sempre di questa triste realtà!

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*