+ Rispetto per lo Speranza

Evento Speranza sulla spiaggia di Pra' - Anni '80

Velocifero –

Continuano a susseguirsi notizie di avvenimenti preoccupanti sulle vicende del G.S. Speranza Pra’. Dopo la fredda comunicazione scritta del 27 settembre u.s. della Dottoressa Simona Lottici, Direttrice del Settore Demanio Marittimo del Comune di Genova, con la quale ha informato il G.S. Speranza «che è intendimento della Civica Amministrazione riservarsi una porzione del suddetto edificio (Centro Remiero di Pra’ N.d.R.) per attività istituzionali connesse alla gestione della Regata Storica delle Repubbliche Marinare e, in particolare, del rimessaggio del Galeone», seguita da un’altra lettera di spiegazioni il 21 ottobre, già il 22, alle 15,30, l’Amministrazione Comunale “faceva la faccia feroce” con i “poveri” canottieri praesi presentandosi in forze a Pra’ per farsi dare le chiavi dell’hangar centrale e, di fatto, sfrattare i nostri validi rematori dalla loro palestra. Per convincere il Presidente dello Speranza, Oscar Capocci, “a collaborare”, i funzionari comunali hanno addirittura reso noto allo stesso che «l’attuale occupazione dell’hangar centrale si configura come reato di occupazione abusiva». I praesi avrebbero voluto vedere pari decisione, velocità e solerzia nel Comune per sfrattare gli abusivi che ciclicamente hanno occupato la Fascia di Rispetto con i loro camper, per anni, quando non era ancora bella come è oggi, ma che sporadicamente si fanno ancora vedere, lasciando poi i loro bei mucchi di immondizia. Vorrebbero anche vedere pari decisione, velocità e solerzia nel Comune per sfrattare le imbarcazioni che si trovano da anni, ed ancora oggi, ormeggiate abusivamente lungo la sponda destra della foce del Rio San Pietro, proprio di fronte “all’hangar del galeone”: uno spettacolo indecente di abuso, degrado e sporcizia sotto gli occhi di tutti. Ma quello invece va bene, nella logica del “forte con i deboli e deboli con i forti”, del “due pesi e due misure”, bisogna proprio prendere a calci nel sedere lo storico gruppo sportivo praese, con i suoi pluricampioni regionali e nazionali, con la sua bacheca colma di trofei, con i suoi forti canottieri pescatori e operai che il galeone di Genova lo facevano vincere. Ecco, merito a parte, per cui si possono comprendere le motivazioni del Comune, che peraltro coincidono con la volontà di valorizzare Pra’ attraverso la regata delle Antiche Repubbliche Marinare, e quindi va anche bene, non è accettabile il metodo dell’uso dell’autorità, dell’assoluta mancanza di dialogo, di ricerca di una intesa, di rispetto. Ecco di cosa c’è bisogno per riportare la pace nel canottaggio a Pra’: metodo, dialogo, rispetto. E anche di trasparenza. Al Comune, e in particolare a chi ne tira le fila in questa triste vicenda, è raccomandabile dare un’occhiata ad una foto storica, che ritrae la spiaggia di Pra’, negli anni ’80, oramai interrata, infangata, che si affaccia sulla pozza morente del mare praese, accerchiato, ingoiato dalla diga e dalla discarica. In quegli anni il Comune era assente, lontano, insensibile, mentre l’allora “Consorzio Autonomo del Porto” compieva il misfatto della abominevole distruzione della spiaggia e del litorale di Pra’: sotto gli occhi di tutti, tra l’indifferenza di tutti. In particolare di quelli che, in Comune, avrebbero potuto fare qualcosa per contenere il degrado, per minimizzare l’impatto ambientale, per preservare dalla svalutazione i valori degli immobili dei cittadini praesi da loro istituzionalmente rappresentati, per erigersi a baluardo nei confronti del Consorzio del Porto, esigendo un progetto ed una realizzazione meno impattante e meno penalizzante, ma che non fecero nulla. Ebbene, come si può vedere dalla foto, allora, nonostante tutto e nonostante tutti, lo Speranza “tenne”, continuando a mantenere viva la spiaggia con il suo chalet, con i suoi atleti, con gli allenamenti, con le regate, persino con il Palio di San Pietro. Evitando il degrado totale e ponendo le basi per la realizzazione di quella che oggi è la Fascia di Rispetto di Pra’, con il suo bel Canale di Calma. Ci vuole più rispetto per lo Speranza.

2 Comments

  1. Ricostruzione fedele di avvenimenti che hanno segnato la sorte di quella che era una ridente delegazione…con le sue societa’ storiche cone lo ” Speranza”.Apprezzo che l autore voglia ricordarlo e renderlo noto ai lettori.

  2. Una bruttissima vicenda… e parecchio incomprensibile. Il Galeone ha già una sua collocazione nell’hangar lato mare e in quello centrale vogliono gli spazi per “attività istituzionali connesse alla Regata delle Repubbliche Marinare”….
    Quali attività possono mai necessitare di 170 mq? E gli atleti che lì hanno la palestra e si allenano, dove dovrebbero andare?
    Perché la nostra storica società di canottaggio deve essere penalizzata in questo modo?
    Nell’articolo è descritta molto bene la storia dello Speranza Pra’, come vecchia praina e mamma di un excanottiere voglio aggiungere che proprio negli anni terribili e desolanti in cui la nostra spiaggia era una discarica lo Speranza fu un presidio sul litorale, un luogo di aggregazione , un’occasione di “sport per tutti”.
    Ora che abbiamo un bel Canale e un litorale decoroso sembra che tutti si siano dimenticati di questo… invece di riconoscenza qui si prepara uno sfratto!

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*