Reminder: mai più così!

Elis@Provinciali

Impressionante, vero? E’ così che abbiamo vissuto gli ultimi sette anni circa, con l’incombente e massiva presenza del deposito containers di Nuovo Borgo Terminal, precisamente a ridosso della pista ciclopedonale, dove le mamme portano i bimbi a giocare,gli atleti corrono, i ciclisti pedalano, le famiglie fanno salutari (?) passeggiate domenicali, mantenendo un pochino il perduto rapporto con l’acqua, il nostro mare inghiottito dal Porto.

Nonostante tutto, il luogo ha una sua bellezza originale, perchè la collocazione lo rende un fulcro panoramico, arrivando da Pra’ sin quasi a Pegli, offre la visione del litorale con le imbarcazioni da diporto ormeggiate, le varie società che sono riuscite a ritagliarsi uno spazio esiguo di sopravvivenza, lungo il Canale di Calma. Piace molto al nostro sindaco, Marco Bucci, il quale all’ultima assemblea presso il centro remiero, dopo la “Giunta itinerante”, lo scorso marzo, lo ha definito “un punto attrattivo da curare e potenziare”, dando vita ad una zona fruibile per i cittadini, un parco tra verde ed azzurro, con zona barbecue, servizi , abbellimenti, come dune alberate per mitigare l’impatto dell’attività retrostante, e quant’altro possa essere allestito per rendere la pista, della lunghezza di un chilometro e mezzo circa, sempre piu’ attrattiva e gradevole da vivere

Ne abbiamo avuto una dimostrazione, recentemente, alla regata Antiche Repubbliche Marinare, il sito era gremito, ospitando anche da sempre, il punto d’arrivo per le gare di voga e l’osservatorio-giuria, oltre che gli spalti per il pubblico.

Ma la concessione, assegnata in via “provvisoria “ a N.B.T. sta per scadere e l’operatore ne ha richiesto la proroga, gettando nello sconcerto la popolazione di Pra’, a cui non piacciono molto questi ibridi tra zone ludiche ed industriali, con quel che ne consegue: in passato si sono verificati incidenti per il forte vento, containers sono letteralmente volati sulla pista, alberi abbattuti e solo per un miracolo, nessuno si è fatto male…SuPra’tutto ha interpretato e portato alla luce questo disagio, predisponendo un appello via mail, semplificato, cui accedere direttamente dal sito; cliccando sul banner in alto, in questa home- page , ci si trova nel form predisposto con testo e destinatari, Porto, Comune e Municipio, per NEGARE il rinnovo della concessione, proponendo che venga recepito altro sito più idoneo e lontano dalle case per il deposito containers. Rispettiamo il lavoro e l’occupazione, ma chiediamo altrettanto rispetto per la nostra salute e vivibilità.

Questa possibilità, far conoscere il nostro pensiero, è prevista dalla normativa, che assegna tempo sino al 20 luglio per fare osservazioni in merito, e pertanto, ricordo a chi non lo avesse ancora fatto, di partecipare in massa all’appello “Giù le mani dalla pista ciclopedonale”.

Il tempo non è molto, sinora in tantissimi hanno sottoscritto, alcune centinaia in pochi giorni, ma ovviamente, una massiccia adesione aumenta le possibilità di una soluzione favorevole ai nostri desideri.

Deposito containers dietro alla pista ciclopedonale? Anche no, grazie!

Già ne parlammo:

La Fondazione PRimA’Vera prende posizione sui container vicino alla Fascia

6 Comments

  1. Speriamo che molti ci seguano in questa iniziativa che ha una enorme importanza per il bene di tutta Pra’. Qualcuno dei Palmaresi avrà notato durante tutta la giornata lavorativa il via vai di camion lungo l’unica strada che corre accanto ai binari della stazione treni “Pra’ mare” e lungo i lato mare della passeggiata sud sollevando polvere, scarico motori e rumore. Se tutto questo fosse traslocato lontano dalle abitazioni come precedentemente fatto per parte di questo sfacelo sarebbe una bella spallata alla scarsa vivibilità di tutta la zona. Scrivete gente.

  2. Provvisorio significa “solo per un po’… non per sempre…”…
    Quindi i container di NBTC hanno già occupato questo spazio per parecchi anni e gli abitanti hanno avuto la possibilità di testare questa vicinanza e infatti ora dicono ” Basta!!!”
    Basta al continuo vai e vieni dei camion che li trasportano lì, proprio mentre noi andiamo a correre, a passeggiare o portiamo i bambini…
    Basta a quel muro di metallo che in estate si arroventa e restituisce calore e in inverno impedisce ai raggi del sole di raggiungere la passeggiata…
    Basta!!! Perché quello spazio tutto sommato piuttosto angusto- una larga strada – che corre tra il muro di confine del porto e la nostra passeggiata è lo spazio che occorre a noi cittadini per poter avere una vera separazione “verde” tra noi e il porto, un polmone che ossigeni l’aria è che fltri un po’ di fumi, di polveri e di rumore…solo un po’… ma per noi è tutto spazio vitale!
    Penso che abbiamo già sacrificato abbastanza del nostro territorio per consentire lo sviluppo Portuale, penso che stiamo continuando a pagare un tributo altissimo, giorno e notte!
    Ma per la voracità del porto, con annessi e connessi, non è mai abbastanza… Sempre di più… Sempre di più…
    Container dovunque… Ogni piccolo spazio deve essere rempito… è pazienza se questo avviene in totale spregio della vita dei cittadini!
    Basta!
    Fortunatamente abbiamo qualche strumento per cercare di difenderci e lo dobbiamo usare…
    Firmiamo tutti la petizione e facciamo firmare i nostri amici: sono tante le persone che amano Pra’ e la sua Fascia:chiamiamoli a raccolta!

  3. Grande Luisa e Fabio,
    effettivamente è così, pare che ogni metro cubo sfruttabile sia un potenziale deposito di containers, e pazienza se ciò crea danno, dolore ed invivibilità ai cittadini…ma noi dobbiamo dire un bel NO sonoro, ne abbiamo tutto il diritto, la nostra genova e la Liguria tutta è una terra bella e fragile, dove lo spazio è preziosissimo, adesso basta percorrere le nostre strade, da levante, ponente ed entroterra, e dovunque troneggiamo questi squallidi feticci della società dei consumi, muri di metallo che ingombrano ogni orizzonte possibile, a Sestri, a Sampierdarena, agli svincoli autostradali, non se ne può veramente più.
    Non demonizzo i traffici, gli scambi commerciali, i trasporti, ci mancherebbe, saranno anche necessari, ma mi chiedo se non sia possibile un ripensamento, se davvero non esista una via alternativa.Tutto ciò in generale… in particolare per questo caso, utilizziamo il civile strumento del dissenso e facciamoci sentire!

  4. Ogni giorno mi chiedo il perché…perché non ci ascoltano. Ci hanno tolto tutto,tra poco anche i ricordi. Io continuo a sperare , sperare che qualcosa cambi, che ci ridiano almeno una piccola parte di quello che abbiamo avuto , è un nostro diritto….io amo il mio quartiere e continuerò a cercare di migliorare la nostra vivibilità con tutti voi!

  5. Grazie Vivi abbiamo bisogno dell impegno di tutti e sopratutto le persone sensibili e creative come sei tu da sempre possono fare tanto…
    Scrivi qualcosa per il magazine!!!

  6. La questione deve essere risolta a vantaggio della richiesta dei praini, dobbiamo avere una risposta chiara a dimostrazione che i nostri gravi problemi vengano accettati e risolti. Porto, Regione, Comune e Municipio sono chiamati a risposte esaurienti. Altrimenti non ci rimane che organizzarci per secessione dal comune di Genova!

Rispondi a Fabio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*