Quattordici anni di Don Antonio a Pra’

Chiara Bozzo

Quattordici anni non sono pochi. Quattordici anni possono bastare per vedere, conoscere, fare tanto in una parrocchia, se non tutto. Forse proprio tutto no perché quando si ha a che fare con le persone, la materia è tanto fluida che non si sa mai cosa ne possa scaturire. Questo è stato il centro della pastorale di Don Antonio, la persona, tutte le persone, senza differenza, dal senza dimora che dorme vicino alla chiesa alla prima che entra alla Messa domenicale: “Perché in ciascuno c’è qualcosa di buono”. Così, con una semplicità disarmante, ha incrociato tante persone non lasciandole mai indifferenti.

L’incontro con Pra’ è di quelli da ricordare, prima cena con lo stoccafisso, per iniziare a immergersi nel gusto di una delegazione che sa di mare e pesto e che ha un po’ voglia di rivincita. Con il passare degli anni il legame con il territorio si intensifica e prende corpo in alcune collaborazioni con la Croce Verde, il CIV e tanti altri. Tante occasioni, religiose e non, in cui il legame, a volte più a volte meno si è dimostrato.

Per chi frequenta la parrocchia, ma anche per tanti che magari lo hanno conosciuto solo per poco tempo, c’è stata la possibilità di capire come ogni suo gesto e ogni sua parola non fosse mai superficiali. Lo hanno potuto sperimentare i bambini perché “sono il nostro futuro e crescono in base a quello che noi offriamo”; lo hanno potuto vivere i giovani quando per una scelta, un cambiamento, un suo consiglio non era mai scontato “non abbiate paura di rischiare”; lo hanno apprezzato gli adulti e le famiglie quando l’insistenza a dire “Siate l’eterno secondo di chi avete di fronte” si dimostrava obiettivamente sempre corretta; lo hanno condiviso gli anziani.

In tanti quando vi era qualcosa da decidere o da progettare pensavamo subito “chiediamo al don, vediamo come lui farebbe”. Ora dopo quattordici anni è arrivato il momento di dirsi un arrivederci carico da un lato di tristezza, ma anche della consapevolezza che ora, a furia di sentircelo ripetere, lo sappiamo come farebbe Don Antonio.

Don Antonio apre il cuore e accoglie.

1 Comment

  1. Si comprende, nche tra le righe, un profondo affetto per questa figura di prete di frontiera, amico degli umili poveri e diseredati, come lo era sicuramente Gesu’ Cristo.

    A noi fedeli riesce difficile comprendere gli avvicendamenti decisi dalla Curia, ma ci sara’ sicuramente un piano ed una ratio dietro a cio’.

    Resta il rimpianto ed i ricordi…

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*