PRA’vda: Chi (a Pra’) la fa, l’aspetti… La Maersk Tanjong, incubo delle notti praine, speronata nel canale di Suez

PRA'VDA

Ivan Denisovič #

Il momento del contatto fra le due navi
Il momento del contatto fra le due navi

Per curiosa coincidenza, la nave porta contenitori Maersk Tanjong, subito dopo aver turbato il sonno dei praesi la notte del 22 settembre, e per ciò essere stata inclusa nella “lista nera” delle navi rumorose e bombardata di e-mail dei cittadini tramite il nuovo servizio messo a punto da “SuPra’Tutto”, è stata speronata da un’altra nave porta contenitori. Il fattaccio è avvenuto il 29 settembre, mentre la nave, varata nel 2007, che batte la bandiera di Singapore, ha una portata di 8100 TEU ed è lunga 332 metri, navigava in convoglio nel canale di Suez, a circa 9 miglia da Port Said. Per cause non ancora accertate, la “Colombo Express”, battente bandiera tedesca, del 2005, armatore Hapag Lloyd, da 8750 TEU, lunga 334 metri, mentre navigava nella stessa direzione, affiancata alla “Tajong” ha improvvisamente accostato a sinistra, colpendo con la prora la fiancata destra della nave della Maersk. L’incidente, fortunatamente, non ha causato vittime, né danni gravi, a parte la caduta in acqua di alcuni container, ma ha portato il pandemonio nell’importante via di comunicazione, causando forti ritardi nel traffico marittimo. Pare che l’improvvisa accostata a sinistra della Colombo Express possa essere stata causata da un guasto tecnico. La circostanza ha fatto insospettire le autorità del Politburo Municipale, basato a Voltrigrad, visto che risulta che uno scrittore praese, nel suo romanzo “Rewind”, un paio di anni fa abbia ipotizzato proprio che, a causa della immensa forza delle menti coalizzate dei cittadini di Pra’, stufi del porto che tutto ha tolto e niente ha portato, le navi in arrivo al porto di Pra’ perdano il controllo e vengano a cozzare proprio contro il porto stesso, a poco a poco distruggendolo e ponendo le condizioni affinché a Pra’ ritorni la spiaggia. In questo caso, nella ricostruzione degli agenti del Politburo, la forza mentale praina ha dimostrato di essere perfettamente in grado di entrare in azione anche a grande distanza, “punendo” la Maersk Tanjong, rea di aver disturbato le notti praesi proprio mentre stava risalendo il canale di Suez per ritornare ad ormeggiare (e a disturbare) a Pra’. Pare che gli agenti del KGB abbiano prospettato che l’ira praese possa anche scatenarsi e colpire chi si ostina a mantenere in piedi la comica del nome sbagliato del casello, distruggendo i cartelli che riportano la surreale denominazione che attribuisce il casello di Pra’ ad un’altra delegazione, limitrofa, dove di casello non ce n’è neanche un centimetro. E’ opinione diffusa che, dopo il nome sbagliato del porto, anche quello, altrettanto sbagliato, del casello, sarà presso corretto, sotto la spinta impellente della volontà del popolo Praese, ormai dilagante ed inarrestabile. La famosa veggente russa Orba Bocciavetrova ha affermato di aver visto il cartello dell’autostrada con il nome sbagliato liquefarsi sotto la potenza dell’incandescente pensiero praese. Ha però anche tranquillizzato sul fatto che, comunque, i praesi sono sempre stati gente brava e pacifica, che non ama la violenza, quindi, la loro forza mentale si scatena in modo controllato e pacifico, senza arrecare danni fisici alle persone. Non ci sono però cose materiali che la possano arrestare. Quindi, attenzione, trattate sempre Pra’ con la massima attenzione e rispetto, ricordando che…chi a Pra’ la fa,…l’aspetti.

4 Comments

  1. Splendido…….e ora, care navi fracassone, attrezzatevi per non disturbare oltre i sonni “praesi”…..ormai è assodato……”chi a Pra’ la fa, …..l’aspetti”.

  2. Vi prego di essere cosi’ intelligenti da non dire idiozie,ricordatevi sempre che un sinistro marittimo non e’ un tamponamento tra due macchine al semaforo,sono ricordi e situazioni che rimangono nella memoria per sempre,un po’ di rispetto.Domenico Marvaso – Capitano di Lungo Corso

  3. Il Capitano Domenico ha ragione nell’affermare che un sinistro marittimo, anche minimale come quello citato, non è un tamponamento tra due macchine. A maggior ragione lo stesso ragionamento vale per la devastazione di un litorale e di un paese, Pra’, e per il continuo condizionamento della vita dei suoi abitanti, cosa che rimane nella memoria di una intera comunità, e che merita altrettanto, se non maggiore, rispetto di un sinistro. Suggerisco di essere così intelligenti da capire che trattasi di articolo satirico…

  4. …in ogni caso,…dopotutto,…è giusto il concetto di…”Chi a Pra’ la fa, l’aspetti…”, è ora di finirla di penaizzare sempre e solo Pra’…

Rispondi a maria luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*