Pra’ “riapre” con l’evento di FondAzione

Premiate le Attività Storiche Praesi; attestati di benemerenza a Eliana Miraglia e alla memoria di Katya Visora

Maria Luisa Decotto

Il 29 giugno per Pra’ ha significato per secoli la più bella e sentita ricorrenza: la festa di San Pietro, patrono di Pra’ e dei suoi pescatori. Quest’anno è stata la FondAzione PRimA’vera a dare un nuovo significato a questa data, infatti insieme al Consiglio di Comunità Praese ha dato vita ad un evento preparato ed atteso da tempo, dopo lo stop dell’anno scorso causa coronavirus: la consegna delle targhe alle Attività Storiche Praesi e degli attestati di Benemerenza. La cerimonia, ripresa e trasmessa in diretta su SuPra’tutto e Facebook, si è svolta a partire dalle ore 18.30 nel salone consiliare della Villa Grimaldi Doria D’Angri, il Palazzo Municipale sede dell’antico Comune di Pra’. Le restrizioni dovute al Covid hanno costretto gli organizzatori a riservare l’accesso a 30 invitati, tra cui i presidenti di alcune associazioni che compongono il Consiglio di Comunità Praese, alcuni consiglieri praesi di Municipio (Roberto Ferrando e Michela Corronca), il direttore dell’Istituto Comprensivo Scolastico di Pra’, Luca Goggi, rappresentanti di PSA Genova – Pra’ oltre, ovviamente, ai titolari delle attività premiate e ai loro famigliari. A consegnare i premi alle Attività Storiche l’assessore comunale alle Attività Economiche, Paola Bordilli e il presidente del municipio, Claudio Chiarotti; a consegnare gli attestati di Benemerenza l’amministratore delegato di PSA Genova – Pra’, Roberto Ferrari. Dopo i saluti di benvenuto del presidente della FondAzione PRimAvera, Niclo Calloni, si è proceduto alla premiazione. Le Attività Storiche Praesi premiate in questa edizione sono state sei, le prime sei che hanno aderito all’iniziativa della FondAzione: Merceria Bruzzone, Casa Viva, Oreficeria Ferrando, Macelleria Mauro, Farmacia Palmaro, Rossi Elettrodomestici. Le targhe preparate a cura della FondAzione sono molto belle, in metallo smaltato, di colore “verde basilico”, complete di borchie dorate e dell’eventuale assistenza per poterle fissare sui muri accanto alle

Merceria Bruzzone

 

Casa Viva
Oreficeria Ferrando
Macelleria Mauro
Farmacia Palmaro
Rossi Elettrodomestici

vetrine. L’assessore Bordilli ha ricordato l’importanza del commercio di prossimità perché dà vita al territorio e di questo siamo diventati ancora più consapevoli durante gli ultimi mesi. Ha assicurato il suo sostegno ai commercianti e «la possibilità di ottenere un analogo riconoscimento anche dal Comune di Genova». Guido Barbazza, presidente onorario della FondAzione, ha posto l’accento su quanto sia importante «fare comunità». Genova ha una caratteristica unica: è una città policentrica, infatti tutti gli ex-Comuni che la costituiscono, come Pra’, non sono periferie, ma città vere e proprie, con propri e particolari centri storici, che vanno curati e valorizzati. Infatti consolidare e arricchire questi luoghi rende più forti le comunità e di riflesso rende anche più forte e più bella anche Genova. Claudio Chiarotti si è detto lieto e orgoglioso di premiare le attività del suo territorio, perché sono attività che, «come ha giustamente detto Guido Barbazza “fanno comunità”. Il lockdown ci ha mostrato come sono importanti i nostri presidi. I municipi sono figli essi stessi della policentricità di Genova e sono importanti proprio perché prossimi ai cittadini e ai loro bisogni. Nei nostri piccoli centri creiamo comunità ed essere comunità è molto importante: lo è stato durante gli eventi drammatici dell’alluvione del ’93 e lo è stato anche adesso. Un ringraziamento vada alla FondAzione PRimAvera per gli eventi che ha avviato». L’Attestato di Benemerenza è stato consegnato alla dottoressa Eliana Miraglia, direttore editoriale di RAI3 Liguria, perché si è interessata molto alle nostre vicende praesi, che ha sostenuto e facilitato con servizi dedicati alla nostra realtà e ai nostri problemi. Proprio la dottoressa Miraglia ha posto l’accento sulla «necessità e l’importanza di “appartenere” ad una specifica realtà, ad un territorio dove sentirsi a casa, dove avere delle radici. Pra’ offre questo ai suoi abitanti». Il dottor Ferrari, ha «ringraziato per l’invito e per la possibilità di fare la conoscenza con la comunità che convive con l’attività da lui diretta. Si è detto ben consapevole dei disagi causati dal porto e ha assicurato che continuerà a dialogare con noi e che il loro obiettivo è raggiungere una buona convivenza con il territorio». A questo punto Guido Barbazza, conduttore dell’evento, ha ricordato che è in fase di ristampa l’Antologia Praese, vera e propria ”enciclopedia praese”, ed ha svelato un particolare inedito: l’immagine di copertina della prima versione, quella del 1997, era stata creata dall’artista praese Andrea Bruzzone (che prepara anche, decorandole a mano, le pergamene degli attestati ) che allora non volle inserire il porto nel dipinto, perchè portava ancora il nome sbagliato. Adesso invece ha deciso che nella nuova copertina ci sarà anche il porto, segno di una nuova stagione di rinascita, ripristino e rafforzamento identitario, dialogo e confronto. L’Attestato di Benemerenza alla Memoria, primo del suo genere, è stato assegnato ad una persona speciale operante a Pra’, che purtroppo non lo poteva ricevere personalmente: Katya Visora, prima sostenitrice proprio dell’iniziativa delle attività Storiche Praesi, instancabile motore di attività per Pra’. La pergamena è stata consegnata a Corrado Ferrando, marito di Katya, adesso rimasto solo a dirigere il negozio Casa Viva, ex Candejaee, che negli anni si è arricchito di sempre nuovi articoli tra cui la nautica, a supporto delle società di pesca sportiva ospitate sulla Fascia di Rispetto. Tutti i presenti si sono stretti intorno a Corrado e hanno applaudito, in piedi, al ricordo di Katya e del suo splendido sorriso, che donava a tutti. Un ultimo pensiero è stato rivolto da Niclo Calloni ai nostri giovani, «al futuro che preparano per Pra’ e per tutti», e l’ultimo video dei tre proiettati nell’evento, intitolato proprio “Pra’ Futura”, ha evidenziato quanto ancora si possa fare per rendere Pra’ piú bella e vivibile. La FondAzione PRimAvera si chiede e chiede a tutti: «Cosa possiamo fare ancora per Pra’? » Chi ha idee e voglia di tradurle in realtà sarà benvenuto nell’aderire e sostenere la FondAzione. Intanto, come illustrato da Guido Barbazza nel finale di evento, la FondAzione sta lavorando per installare 4 attrezzature da fitness all’aperto sulla Fascia di Rispetto ed un tabellone informativo multimediale, oltre a preparare i prossimi eventi, tra cui la consegna delle Borse di Studio, invitando i titolari di altre attività storiche praesi ad aderire all’iniziativa e a preparare la documentazione affinchè al prossimo evento possano essere consegnati ulteriori riconoscimenti.

 

1 Comment

  1. L ennesima iniziativa di valore per Pra’, che la Fondazione organizza, per premiare gli servizi storici, che hanno attraversato generazione e tempi diversi…essendo punti di riferimento ed aggregazione per i cittadini.Complkmenti a tutti, grazie alla redattrice di RAI 3 ed un pensiero affettuoso alla dolce Katia che ci ha lasciati.
    In questi momenti mi sento parte di una grande famiglia!!!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*