Pra’ perde il suo Generale

Guido Barbazza –

Pra’ perde il suo Generale. Si è spento ieri, all’età di 83 anni, il Generale di Divisione dei Carabinieri Nicolò Bozzo, “Niclo”, per noi Praesi. Sicuramente non “un generale qualunque”, ma uno che ha lasciato il segno, “una tacca”, nella storia d’Italia ed in quella della stessa Arma dei Carabinieri: ufficiale dal 5 Gennaio 1957, laureato in Scienze Politiche e Giurisprudenza, dopo aver ricoperto vari incarichi a Cagliari, a Moncalieri, a Torino e a Milano, viene chiamato, dal 1977 al 1982, alle dipendenze dirette del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, dirigendo l’ufficio criminalità della Divisione “Pastrengo”, operante in tutto il Nord Italia “negli anni di piombo”, contro il terrorismo delle “Brigate Rosse” e la criminalità organizzata, riscuotendo ampi successi e ricevendo vari encomi da autorità civili e militari. E poi ancora in un turbine di incarichi sempre più prestigiosi, a Savona, a Messina, poi a capo delle Regioni CC “Calabria” e “Lombardia”, per poi assumere il comando della Divisione “Pastrengo”. Il Generale Bozzo è stato insignito dell’Onorificenza di “Grande Ufficiale” al Merito della Repubblica e decorato di Medaglia D’Oro per lungo comando e anzianità di servizio, e per operazioni di polizia brillantemente concluse gli sono stati concessi 5 encomi solenni. Premio “Sacco”, della Circoscrizione di Pra’ nel 1996 come Praese insigne e “Premio Città di Genova” per il 1997 per aver svolto attività di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica dei genovesi, Nicolò Bozzo è l’unico Generale di Divisione nativo di Genova nella storia dell’Arma dei Carabinieri. Il 1° Gennaio del 1997 lasciò il servizio attivo, ma poi dal 1998 al 2002 ricoprì l’incarico di Comandante della Polizia Municipale di Genova. I suoi ricordi di 42 anni di servizio nei Carabinieri sono condensati nel libro “Nei secoli fedele allo Stato”, del giornalista Michele Ruggiero, edito da Frilli nel 2006. Ma i Praesi che si stringono attorno a lui ed alla sua famiglia per un ultimo affettuoso saluto lo ricordano sicuramente in un modo diverso, più intimo, più “paesano”, come “uno di loro”. Nicolò infatti, pur essendo stato costretto per lungo tempo a vivere in altre città per motivi di lavoro, non ha mai reciso il cordone ombelicale che lo legava alla sua cara Pra’, dove ha sempre mantenuto casa e dove è sempre voluto ritornare, alle sue radici, “per fare quattro passi in via Fusinato”, ad incontrare parenti e amici. «Quando tornava a Pra’ rilasciava la scorta e si immergeva nel suo “buen retiro”, nel suo “puerto escondido”, dove si sentiva a suo agio ed al sicuro», ricorda Niclo Calloni. Negli ultimi tempi si vedeva spesso a chiacchierare con gli amici seduto sulla panchina davanti “al partito”. Nicolò nacque a Genova – Pra’ il 10 Giugno del 1934, da Nando (calafato del Cantiere Navale Ferrari) e Teresa Molinari “a figgia do Cappetta”. Appassionato di calcio, militò nelle squadre giovanili dell’Edera Pra’ con il ruolo di portiere. Si diplomò geometra nel 1954 ed iniziò a lavorare nel cantiere edile del nonno materno, Nicolò Molinari, poi si impiegò presso la società dei telefoni dell’epoca, la “Telefonica Tirrena”. Prestò servizio militare di leva come Sottotenente di Complemento di artiglieria e poi, per la sua grande passione ed ammirazione per “l’Arma” passò nei Carabinieri. Curiosità: Nicolò sposò una graziosa ragazza nativa di Torino, conosciuta a Pra’, che si chiama, pensate, Franca Aprà ! Nicolò è sempre stato molto attaccato alle sue radici, e non a caso figura tra i membri del “Comitato Culturale Praese”, contribuendo, nel 1997 a scrivere il “tomo” di riferimento sulla Delegazione, l’ “Antologia Praese”. Dopo l’esperienza del Comitato Culturale Praese si distingue tra i simpatizzanti prima del Comitato per Pra’ e poi della FondAzione PrimA’vera, sempre presente in ogni iniziativa a favore della Delegazione, petizioni ed esposti inclusi. Lo ricordiamo anche quando, come Comandante dei Vigili, ogni tanto faceva riempire le pagine del Secolo XIX con le sue affermazioni a favore di Pra’ e delle sua identità. “Il Generale che si fece Cantunè”, (a 64 anni, pare per «un sogno che coltivava da bambino, da quel 10 Giugno del 1944, sotto i bombardamenti») nel 2000 finì sul giornale anche per aver multato un pirata della strada, passato con il rosso, proprio in quel di Pra’, che “beccò” in borghese mentre si recava alla stazione per prendere il treno che lo avrebbe portato al Comando dei Vigili a Pammatone, suscitando così l’attenzione del giornalista Dino Frambati, che riportò il buon esempio dato dal «numero uno dei cantunè». D’altra parte lui, sul lavoro, come si dice, “ha sempre tirato diritto”, se è vero che nel 1981 ebbe il coraggio di denunciare ben 51 ufficiali dei Carabinieri, accusandoli di essere affiliati alla massoneria deviata della Loggia P.2. Tornando a Pra’, Nicolò, con visione profetica, era stato molto critico sulla cancellazione delle Circoscrizioni per istituire gli attuali “Municipi”, avvenuta nel 1999, ipotizzando il ritorno agli antichi comuni. Intervistato nel 2012 da “Il Praino”, di cui era affezionato lettore, alla domanda: «Nicolò, come auspichi avvenga la collocazione di Pra’ nella nuova Città Metropolitana ?» rispose: «Come comune autonomo continuatore di quello soppresso dal fascismo nel 1926, purtroppo mai re-istituito da tutte le amministrazioni democratiche che si sono succedute fino ad oggi. Dico comune in quanto i municipi hanno platealmente fallito per mancanza di risorse economiche adeguate e potere decisionale. I costi totali sarebbero gli stessi in quanto notoriamente il comune di Genova riceve contributi anche per la realtà praese che però utilizza maggiormente per il centro / centro-est, lasciando a Pra’ solo le briciole. Certo, anche Pra’ Municipio autonomo sarebbe sempre meglio dello stato attuale, quantomeno per riavere identità e rappresentatività». Sante parole, caro Nicolò, peccato siano rimaste inascoltate, come molti dei tuoi appelli in favore di Pra’. Ma non si può mai dire, forse qualcuno prima o poi raccoglierà il testimone “del Generale” e Pra’ ritornerà comune sul serio. Ci mancherai, caro Niclo, ci mancherà la tua schietta “praesità”, il tuo senso dell’umorismo, il tuo attaccamento alla giustizia, all’onor del vero, il tuo lasciare divise, gradi e medaglie per ritornare semplice praino tra i praini, il tuo passeggiare diritto e a testa alta per le vie di Pra’, conscio di aver prestato un onorato servizio alla tua Patria e al tuo Paese.

4 Comments

  1. Sono impressionata dalla biografia del Generale Niclo Bozzo, cosi’ ben tratteggiata da Guido, un palmares carico di onorificenze acquisite nel corso di un servizio fedele e totale allo Stato ed alla Giustizia. Ne esce il ritratto di un vero “civil servant”, un uomo dedito alla ferma opposizione al crimine, una persona splendida nei suoi ideali, ma semplice ed affabile con i compaesani. Ho avuto l’onore di conoscerlo, il Generale, ai tempi del Praino, e sovente partecipava alle nostre riunioni…un pochino ero soggiogata, intimidita da lui, avendo sentito parlare della sua fulgida carriera, e poi, il rispetto per l’autorevolezza che emanava mi tratteneva, ma dopo poco, ho scoperto anche io la sua profonda umanita’.Lascia una traccia indelebile, ed un esempio di rettitudine per tutti…restera’ nei nostri cuori.

  2. I giornali nazionali e di Genova hanno scritto tutti le solite cose trite e ritrite sul Generale Bozzo, che sembrano fotocopiate, solo Supratutto di Prà ha saputo parlare della persona Nicolò e non solo del generale. Grazie.

  3. Gent. mo Ing. Guido Barbazza,
    mi chiamo Franca Zummo sono la cognata del Gen. Bozzo,
    a nome della famiglia Bozzo Apra’, volevamo ringraziarLa per l’articolo da Lei dedicato al
    nostro caro “Niclo”, ne ha descritto perfettamente l’essenza e l’anima, cosa che nessuno
    ha mai fatto nei tanti numerosi articoli.
    Grazie ancora , un caro saluto con stima
    Franca Zummo Apra’.

Rispondi a Pietro Ferrari Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*