Pra’ nel 1899

Varni Antonio - Marina

Giuseppe Bruzzone –

Scartabellando” in Internet ho trovato un documento molto interessante: “L’ Annuario d’ Italia 1899”. Una pubblicazione annuale, che contiene notizie e dati che si riferiscono ad attività produttive e di servizio di ogni regione allora del Regno d’ Italia, fondato nel 1861.Sfogliando tra le oltre 770 pagine ho trovato anche il nostro Comune di Pra’. Ho copiato come un amanuense fedelmente le quattro pagine dell’annuario, trovando attività scomparse o nominate diversamente relative al nostro comune di allora, non ancora incorporato nella grande Genova, cosa che avverrà nel 1926. I miei nonni e nonne erano nati pochi anni prima, nascevano i ragazzi/e del 99, e anche il pittore Evasio Montanella. Pra’ si affacciava al XX secolo con più di 5100 abitanti, servita da ferrovia, tramway a cavallo, linea telefonica, con l’arenile marino sede di rinomati cantieri navali e diversi impianti siderurgici e tessili. Un ristorante in zona stazione ferroviaria e due trattorie. Una farmacia, tre medici e l’ospedale Martinez in funzione dal 1888. Il tessuto sociale ed economico principalmente era costituito da famiglie contadine e di pescatori, l’attività primaria nell’Annuario non era censita forse era troppo complicato censire le numerose famiglie proletarie perlopiù analfabete, sono elencate solo le attività secondarie e terziarie ossia: industriali, commerciali, e di servizio. Qualche praino in questo censimento (non esisteva ancora l’Istat, l’Istituto nazionale di statistica) troverà il suo antenato descritto con la sua professione o attività. Io sono uno di questi, e con sorpresa ho scoperto il mio trisnonno paterno nel gruppo dei “Commissionari in frutta e verdura “. Inoltre in Prà ha avuto uno studio artistico un pittore genovese che si può annoverare nei pittori praesi: Antonio Varni (Genova 1888 – San Pier d’ Arena 1911)Cresciuto all’accademia Ligustica si perfezionò a Firenze dove subì l’influsso dei Macchiaioli corrente pittorica impressionista.Tornato a Genova si unì al gruppo dei “grigi”, corrente pittorica impressionista genovese. Fu un pittore storico e paesaggista dove in diversi quadri sono raffigurate scene di Pra’ con marine e persone al lavoro nei campi e sulla spiaggia.

Qui di seguito una sintesi delle informazioni su Pra’ contenute nell’Annuario:

– Abitanti 5136

– Ampia e magnifica spiaggia marittima. Negli anni addietro era un centro dei più rinomati per la costruzione di navi a vela.

– Attorno alla pesca vivono ben circa 120 famiglie

– Attualmente è la più preferibile stazione balneare per le sue acque limpidissime

– Acque minerali: vi sono sorgenti di acque sulfuree utilizzabili

– Prodotti: Olio – vino – frutta di ogni genere – fragole – abbondantissime ortaglie e simili

– Industrie: Vi sono ferriere per il rimpasto del ferro vecchio e fonderie

– Fabbriche da paste, corda, biacca, tessoire

– Ufficio postale – ufficio telegrafico e stazione ferroviaria – locali sulla linea Genova – Ventimiglia, e Genova – Ovada – Asti

– Servizio telefonico con Genova e le due riviere

– Tramway a cavalli ogni 10 minuti

– Sindaco: Laura Cavaliere Costanzo – Segretario: Rossi Cavaliere G.B. Achille – Ardesie (Fabbr.) – Ferro Francesco – Armatori – De Andreis Franco – Biacca (Fabbr.) – Tixi Michele – Candele (Fabbr.) – Ferrari G.B. – Carta a macchina (Fabbr.) – Bruzzone Giuseppe – Magnano Federico – Cave di Pietra serpentina (Eserc.) – Agusti Marcenaro e C. – Chincaglierie e Ferramenta (Negoz.) – Parodi Adolfo e C.- Commissionari in frutta e verdura – Bruzzone Antonio fu Benedetto – Bruzzone Domenico – Bruzzone Lorenzo – Bignone Giuseppe – Casalino Pietro – Parodi Pietro – Profumo Sebastiano – Cordami (Fabbr.) – Bolcano Gio. Batt. (a Macch.) – Custo Agostino – Tixi Giov. Battista – Costruttori navali – Celesia Matteo – Collareta Giuseppe – Durante Luigi Bartolomeo – Tixi Luigi – Distillerie (Eserc.) – Gobert Pietro – Droghieri – Bellotti Giacomo – Castagnola Pietro – Elettricità (Fabbr. Apparecchi per fili) – Murialdo Cav. Luigi – Ferriere (Eserc.) – Ratto Cav. Gerolamo – Ferro (Negoz.) – Ratto Cav. Gerolamo – Castello Carlo – Fonderie in ghisa – Ratto Cav. Gerolamo – Castello Carlo – Verrina G.B. e figli – Legna (Negoz.) – Carbone G.B.- Mantero G.B.- Valle Angelo – Liquori (Fabbr.) – Gobert Pietro (specialità Torrazza) – Maglierie (Fabbr. a mano) – Dapelo Antonio – Metallurgia (Stab. di) – Ratto Cav. Gerolamo – Micce (Fabbr.) – Murialdo Cav. Luigi – Molini (Eserc.) – Boccone Giacomo – Bevilacqua – Lanata Luigi – Panettieri – Bevilacqua Nicolò – Boccone Teresa di Luigi – Bonora Teresa vedova Custo – Bozzo Giuseppe – Braschi Annunziata – Bignone Rosa in Sacco – Casarino Rosa – De Andreis Gio. Andrea – Ferrari Rosa Ved. Bozzano – Franzone Giacomo – Mantero Andrea – Rossi Giacomo – Sacco Domenico – Paste alimentari (Fabbr.) – Rossi Enrico – Rossi Giorgio – Rossi Serafino – Paste alimentari (Negoz.) – Bignone Rosa – Braschi Annunziata – Mantero – Pizzi e merletti (Fabbr.) – Leumann Giacomo Tende Guipure e mussola ricamata (a vapore) – Pizzicagnoli – Bellotti Giacomo – Braschi Annunziata – Risso Antonio – Sacco Antonio- Privative – ( Rivend.) – Bellotti Giacomo – Profumo Antonio – Serra Fedina – Sapone (Fabbr.) – Galleano Giacomo – Spedizionieri – Laura Fratelli – Stoppa (Fabbr.) – Durante Giovanni – Stracci (Negoz.) – Bignone Giovanni – Mantero Giov. Battista – Parodi Angelo – Piccardo Angelo – Podestà Maddalena – Serrando Paola ved. Sacco- Tessorie lana a vapore (Eserc.) – Orsolino Santo – Tessorie cotone a vapore (Eserc.) – Dapelo Antonio (cinte e tessuti jacquard esport.) – Tessorie lino a mano (Eserc.) – Bozzo Giuseppe – Trattorie (Eserc.) – Bozzo Fiorina – Discalzi Luigi (ristorante della stazione) – Puppo Teresa in Bellando – Vino ( Produtt.) – Cambiaso marchese Michelangelo – Laura Fratelli – Negrone march. Giulio- Avvocati – Laura Giuseppe – Farmacisti – Paoli Angelo – Medici Chirurghi – Castello Achille – Garassino Nicolò – Tiscornia Eugenio – Pittori – Varni Antonio (artistico) – Veterinari – Meardi Leopoldo. Si può notare che c’erano quattro grandi industriali: Gerolamo Ratto e Gian Battista Verrina in ambito siderurgico, Rossi nei pastifici, e Giacomo Leumann nel tessile. I cognomi più comuni: Bignone, Bruzzone, Bozzo, Durante, Franzone, Mantero, Parodi, Puppo, Sacco, Tixi. A tre cittadini praesi furono poi dedicate una piazza e due vie : Piazza Costanzo Laura (sindaco),via Gerolamo Ratto (imprenditore siderurgico), via Bartolomeo Durante (costruttore navale)

Pra’, Varni Antonio – Sapello
Praì, Varni Antonio – Contadine

3 Comments

  1. Il nostro segugio praese ha scovato un’altra chicca!!!!
    Grande lavoro da certosino “emanuense ” per far conoscere anche a noi posteri gli antenati che hanno reso importante Prà.
    Bravo Giuseppe. ..Come sempre del resto.

  2. Doveva essere un posto davvero bello,Giuseppe sai cosa mi piacerebbe sapere? Le scuole, l’asilo,le scuole medie vicino al comune.Non erano ville? Mi piacerebbe saperne qualcosa di più. Io sono cresciuto a Prà, ora vivo in Sardegna, ne ho un bel ricordo.

Rispondi a Gigi da Portoscuso Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*