Parlano i fatti

 

Velocifero-

Nel dicembre del 2017 il Consiglio di Comunità Praese ha lanciato l’idea – progetto “Waterfront Praese”, per la valorizzazione del Canale di Calma e della Fascia di Rispetto di Pra’, in contemporanea con l’esternazione delle idee dell’allora nuovo Sindaco di Genova, Marco Bucci, per avere a Pra’ «colline alberate con aree per il picnic» e un «porto canale turistico come a Monte Carlo». Il dettagliato documento progettuale è stato presentato allo stesso Sindaco l’11 dicembre 2017, in occasione dell’incontro Comune – Consiglio di Comunità Praese e recepito entusiasticamente con la “messa in pista” dell’Assessore Comunale Francesco Maresca, che ha le deleghe per il porto e il mare. Tale progetto, condiviso e fatto proprio dal Comune, tra le varie cose contiene il banchinamento del lato di levante del terrapieno portuale di Pra’ lungo il suo attuale profilo, il prolungamento della pista ciclo-pedonale lungo tale lato e la realizzazione di un “campo di evoluzioni veliche” nello specchio d’acqua compreso tra il limitare di levante del terrapieno portuale e la diga lato Pegli. In occasione dell’incontro, il Sindaco ha affermato testualmente: «concordo con la visione di restituire alla fruizione dei cittadini questa zona tanto è vero che il Comune si accinge a chiedere la concessione della striscia a sud del canale di regata nella sua porzione orientale (a levante dei container) e di tutto il lato di levante del porto con l’obiettivo di realizzarvi un parco che la gente possa frequentare nel tempo libero per svago, sport, ristoro, barbecue etc.». A fronte di tale impegno e accordo, solo qualche settimana fa lo stesso Sindaco Bucci ha lanciato “l’idea” di delocalizzare Carmagnani e Superba con i loro depositi di prodotti chimici e petrolchimici classificati «a rischio di incidente rilevante» proprio sullo stesso sito, anzi, proponendo di estenderlo facendo sparire altro mare tramite discarica. Quindi, la domanda sorge spontanea: la visione del Sindaco per Pra’ è quella di Monte Carlo o di Chernobyl ? A chi devono credere, i cittadini, a Bucci Doctor Jekyll o alla sua versione Mister Hyde ?  Pensa seriamente di posizionare depositi petrolchimici a poche centinaia di metri dalle case di civile abitazion di Pra’ e di Pegli, ville storiche, accosti per la nautica e Cittadella dello Sport ? Non si accorge, con ciò, di contraddirsi pesantemente ? Il surreale contrasto tra le varie dichiarazioni pubbliche di un Sindaco su un identico tema e sito spinge così, per dovere di cronaca, a verificare cosa questa amministrazione abbia realizzato, nei fatti, di nuovo ed importante sul tema della valorizzazione e miglioramento della qualità dell’ambiente e della vita dei cittadini a Pra’, e ci si ritrova in un analogo imbarazzo, in quanto sia il POR Pra’ Marina, sia l’area in fase di completamento di “Pra’ To Sport”, sia la ristrutturazione della vecchia stazione ferroviaria di Pra’ sono opere iniziate, programmate e finanziate anni or sono dalla precedente amministrazione, e di tutto quanto è stato entusiasticamente promesso, come ad esempio il “Waterfront Praese”, non si vede ancora traccia. A questo punto, quanto affidabili possono ritenersi le recenti dichiarazioni pubbliche dello stesso Sindaco in merito al “salvataggio e rilancio” di Pra’ Viva ? Sono forse fondati i “rumors” che parlano tra le varie cose di mosse occulte per “espropriare” il Centro Remiero ed il Campo di Regata allo storico Gruppo Sportivo Speranza di Pra’, che ha contribuito in modo determinante negli anni scorsi alla loro realizzazione e mantenimento ? A Pra’ tutti sperano che la questione del “Petrolchimico a Pra’ “ sia uno sfortunato incidente di percorso del nostro rispettabile Sindaco e che lo stesso rettifichi quanto prima le sue dichiarazioni ritornando a comunicare e ad operare nel “mood” coerente, positivo e fattivo con cui abbiamo imparato a conoscerlo. Soprattutto a fare vedere ai praesi, che lo hanno votato in modo importante, le prime tangibili opere del “Waterfront” e dell’estensione del POR a Pra’ – Palmaro. Nella sua responsabilità di rappresentante istituzionale dei Cittadini di Pra’, ci si aspetta anche che faccia tanta, tanta, ma tanta pressione su Autorità Portuale affinchè, dopo anni di “parlare parole”, realizzi alla svelta le dune alberate di separazione Porto / Fascia di Rispetto di Pra’, l’elettrificazione delle banchine del Bacino Portuale di Pra’ e inizi celermente a banchinare il lato di levante del terrapieno portuale praese lungo il profilo attuale, trasferendolo al Comune per prolungare la pista ciclo-pedonale. Parlano i fatti.

 

Disegniamo insieme Pra’ Futura

7 Comments

  1. Grande Velocifero…
    Parlano i fatti ma anche i molti articoli che SuPratutto carica su questo argomento.
    La petizione online….
    Le buone proposte che arrivano Ed i commenti dei cittadini!!!
    Direi che non ci sono dubbi sul futuro prossimo venturo: nessun deposito costiero a Pra.’
    Anche Multedo va tutelata. Sono state suggerite soluzioni alternative ma in comune non mancheranno i tecnici.

  2. Il Sindaco sta purtroppo dimostrando di non essere diverso dagli altri che l’anno preceduto pensando al ponente e a prà come a colonie dove dirottare tutte le porcate ben venga come dice giustamente francesco provinciali una soluzione drastica con Prà indipendente e che possa decidere su quel che succede sul proprio territorio

  3. Comune e Autorità Portuale di Genova a Pra’ hanno fatto solo danni, e gravi, che non si permettano mai più di farsi venire strane idee sul nostro territorio, che lo mettano a Nervi o davanti alle loro di case il Petrolchimico se proprio deve avere “vista mare”, non certo a Pra’ o nel ponente

  4. Caro Velocifero, hai centrato in pieno la questione. Il Sindaco Bucci è con noi o è contro di noi? Vuole veramente aiutarci e collaborare con noi cittadini praesi nell’opera di riqualificazione del nostro territorio? Parlano i fatti. ..parole sante!
    Ma fino ad ora fatti non ne abbiamo visti, anzi….le parole dicono tutt’altro e ci spaventano moltissimo.
    Ci spaventa la prospettiva di Cernobil dietro l’angolo. ..e infatti ci siamo mossi subito manifestando il nostro totale rifiuto di una simile prospettiva.
    Ci spaventa anche il futuro della nostra Fascia di Rispetto, ci spaventa e ci preoccupa l’ipotesi di smantellamento di Pra’Viva.
    E allora una domanda sorge spontanea: “Sindaco, ci considera cittadini alla pari con quelli di Nervi o cittadini di serie zeta? ”
    Aspettiamo con interesse delle risposte/fatti concreti. ..

  5. Quando un luogo del territorio genovese viene “tipizzato” come pattumiera cittadina, area con vocazione nativa al degrado, polo di tutte le possibili cause e concause di malessere, ambiente malsano, violazione del suo habitat naturale, posto dove rifilare tutto ciò che altrove verrebbe rifiutato a furor di popolo, ebbene allora vuol dire che se ne è deciso il destino, che il futuro sarà una deriva di peggioramento, che è inutile chiedere sacrifici altrove, tanto ilo sfacelo è iniziato qui e qui deve proseguire.
    Tutte le ciance, le manfrine e le giustificazioni postume aggiungono quasi una sorta di derisione e di blandizie, come dire “facciamo quel che possiamo”.
    “Tanto il peggio è passato, indietro non si torna”.
    Velocifero argutamente mette il dito sulla piaga e ipotizza scenari a dir posto inquietanti.
    La politica tradisce per statuto, mai fidarsi delle pacche sulle spalle e delle promesse. Tutti, ma proprio tutti ci hanno voltato le spalle.
    O andiamo avanti così, verso la derelizione totale o prendiamo una strada diversa.
    Abbiamo i numeri, abbiamo i voti, abbiamo gente in gamba, abbiamo risorse e progettualità, idee chiare: è venuto il tempo in cui i compromessi aggiungono male al male.
    Io l’ho detto e l’ho scritto mille volte: organizziamoci per gestire una rappresentanza di Prà e del ponente cittadino in tutte le sedi dove si prendono decisioni politiche, da Pra’ a Strasburgo.
    Abbandoniamo le logiche di schieramento e appartenenza in nome di un interesse superiore, del bene comune, del futuro dei nostri figli.
    Le ideologie e gli steccati non hanno più ragione di esistere, dobbiamo dar prova di ragionare con la nostra testa, di avere una visione chiara e non edulcorabile della realtà.
    Basta deleghe in bianco!
    Altri ci sono riusciti, altrove, perchè non dovremmo farcela anche noi?

  6. Bravo Francesco, sottoscrivo tutto e sono personalmente pronta a seguire la via indicata da Velocifero.
    Quando e’ troppo e’ troppo, ora basta, l ‘hanno “fatta fuori dal vaso”, a tirar troppo la corda,questa si spezza ,inesorabilmente.
    Una volta persa la fiducia nelle istituzioni, solo un drastico cambiamento di rotta, nel senso di dare realizzazione alle opere promesse da decenni, potrebbe farci cambiare idea nei confronti di Genova, matrigna avara e pure menzognera.
    Pra’ Comune subito!

Rispondi a Renato Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*