PALMARO in prima fila per diffondere e sottoscrivere la Petizione online

Clicca per ingrandire

Elisa Provinciali – Il sestiere di Palmaro e’ in pieno fermento, per fare la sua parte riguardo alla Petizione Popolare, espressa attraverso le 4 mail per Pra’.

Questo è logico e naturale, poiche’ sappiamo tutti che su Pra’-vetrina mainoPalmaro si concentrano le criticita’ piu’ pesanti per la nostra Delegazione: in primis, il porto e l’incombente parete di containers, con il suo corollario di rumori, puzze, inquinamento; a seguire il casello, dal nome in via di definizione, ma tuttora ondivago; lo svincolo-cavalcavia che conduce al bacino portuale di Pra’ una fila ininterrotta di migliaia di grossi autoarticolati , ogni giorno….forse che avviandosi all’interno, si sta meglio? Non credo proprio, perche’ la copertura autostradale procede a passo di lumaca, e le abitazioni che si affacciano su di essa, non sono certo isole felici.

borgoIl torrente Branega, per taluni aspetti e’ un delizioso habitat per colonie di aironi ed anatre selvatiche, ma necessiterebbe di periodiche “ripuliture”.

Villa de’ Mari, da quello splendido gioiello al tempo delle Orsoline, presenta una cancellata dove Rino, barbioere maestro d'artee’ piu’ la ruggine che la pittura, per non parlare della decadenza del parco e degli edifici (pur se Il Consorzio omonimo ne ha estrema cura e vi promuove molte iniziative per gli abitanti, grandi e piccoli). Servirebbero molte e fresche risorse finanziarie! Il centro polispecialistico ASL, situato nel lato ovest del giardino, funziona a pieno ritmo, anzi, talvolta ha un notevole affollamento di pazienti…ma e’ sicuramente meglio di quando ci si doveva recare nella vetusta sede di via Ventimiglia, a Voltri.

calzolaio via alla chiesaLuci ed ombre, a Palmaro: la filiale della Carige, dopo pochi anni, e’ stata chiusa e teniamo le dita incrociate per l’Ufficio Postale: sarebbe pesante, per le persone anziane, dover ritirare la pensione recandosi nella sede di via Airaghi.

All’estremo ponente del territorio, le meravigliose e vaste serre di basilico sono ormai preistoria.

Abbiamo, questo e’ vero, la storica chiesa di N.S. Assunta, di grande valore artistico e religioso, un tempo Chiesa Matrix su un vastissimo enclave, e l’annesso Oratorio, con il prezioso corredo di antichi “Cristi” ed oggetti aurei.

Siamo rimasti gli ultimi, nel municipio 7, a poter fruire di un Cinema che programma sempre spettacoli recenti e di qualita’; chiusi uno dopo l’altro “Eden” ed “Ambrosiano” (altra preistoria: il mitico “Liola’!)

Anche per quanto riguarda gli amanti della lettura, Pivottisperiamo che la nuova Biblioteca aperta alla media Assarotti possa essere utilizzata anche nel quartiere, come si propone la Prof.ssa Isabella, sua creatrice. Chiusa la “Benzi” e la civica di Ca’Nova, piano piano il nostro Ponente viene deprivato, oltre che di servizi, pure di stimoli culturali.

In compenso, il sestiere piu’ antico di Pra’ puo’ cartolibreriaPiavantare un tessuto associativo di tutto rispetto,in piena coerenza con le antiche Confraternite, Casacce, San Vincenzo e Societa’ di mutuo soccorso.

A partire dal “Borgo di Palmaro”, anch’esso fertile di iniziative e centro di riferimento per quasi 200 soci, la “Palmarese”, “REL Liguria”, la “Giostra della fantasia”, l’”Olympic Calcio”, che ha dato impulso al rifacimento ex-novo del campetto di via Stassano, le tante societa’ sportive e di danza che operano nel centro polifunzionale della Parrocchia, una sezione della Croce Verde Praese, e molte altre che, per brevita’, ometto di elencare, scusandomi per coloro che non inserisco; gli abitanti di Pra’-Palmaro cercano di supplire alla desolazione del proprio territorio, attraverso realta’ consociative che facilitano l’aggregazione e la gestione del tempo libero.

fiori di jamalVi e’ una serie di esercizi commerciali i cui titolari non hanno esitato ad impegnarsi per portare avanti le Petizioni online, consapevoli dell’importanza che l’iniziativa riveste per il futuro di Pra’-Palmaro e di tutti i sestieri. In calce, una carrellata di loro immagini, semplici istantanee che visualizzano alcune realta’, in via di aggiornamento..

Soprattutto ora, che sono in via di conclusione le opere del POR ed appaiono scorci di inusitata bellezza, sul versante del parco Dapelo, il quale “irrompe” letteralmente sulle carreggiate; le rotonde, i marciapiedi ed i camminamenti edicolalastricati…ora piu’ che mai appare forte e stridente il contrasto con l’atroce degrado di Palmaro, perchè si va da soluzioni urbane di cura e decoro, verso un’incuria scandalosa, che offende lo sguardo ed ammorba l’animo.

Non per nulla, la Fondazione Primavera ha voluto elaborare un progetto peculiare per questo negletto sestiere di Pra’ (molto chiaramente espresso nella prima delle 4 mail della Petizione), e tutti i suoi interlocutori autorevoli, dagli il paradiso degli animaliAmministratori locali, agli Architetti, al mondo dell’Universita’, hanno convenuto sull’obbligo di uniformare TUTTO il nostro water-front, dai suoi confini naturali, ovvero dal rio San Michele al rio San Giuliano, in una continuita’ estetica e funzionale che, una volta per tutte, possa “sanare” la compromessa vivibilità dei cittadini.

algamarina2Pensare ad un’ininterrotta via pedonale, ciclabile, navigabile che colleghi gli estremi di Pra’, impreziosita da tanto verde, panchine, spazi ludici e ricreativi, dove finalmente potersi riappropriare dell’identita’ perduta non e’ un sogno, e’ una visione cui tendere, per trasformarla in realta’. Crediamoci!

Nell’ordine: “Maino” calzature-il “Borgo di Palmaro”-”Rino”, maestro barbiere-Il calzolaio di via alla Chiesa di Pra’- “Livoti” oreficeria- Cartolibreria “Pia”- “Fiori d’Italia” di Jamal- Edicola di via N.S. Assunta- “Il paradiso degli animali”- Erboristeria “Algamarina” di via Taggia

8 Comments

  1. Bell’articolo, Elisa.

    È proprio come dici. Nel momento in cui la riqualificazione corre lungo la Fascia di Rispetto, dalla foce del Branega al Castelluccio, il volto di Palmaro, che di Pra’ è il nucleo più antico, si mostra in tutta la sua desolante tristezza. Appare immenso il sacrificio di questo sestiere, martoriato per mare e per monti sino a defraudarlo del benché minimo concetto di “vivibilità sostenibile”. A Palmaro vanno dedicati attenzione, risorse e progetti. Al fine di un recupero che restituisca dignità paesaggistica a un gioiello naturale e storico del Ponente e il pregio urbanistico che migliora la qualità di vita dei residenti. Tante le cose da rifare, molteplici i luoghi cui dare una veste nuova. La copertura dell’autostrada arriverà e, quantomeno dal punto di vista acustico, apporterà una miglioria non da poco, ma, inutile dirlo, avrà l’aspetto di un lungo sarcofago che serpeggia fra i palazzi, grigio (e presto sporco, come tutto il resto). Sarà una bruttura, ma, superata l’ipotesi di una copertura a giardino pensile con spazi fruibili, come si suol dire ‘il convento non passa altro”. Il cavalcavia dovrebbe essere demolito e si spera vengano trovate soluzioni “moderne” che tengano conto del disagio di Via Portata in primis e riducano l’impatto del flusso veicolare, compreso quello pesante da e verso il porto, oggi devastante. La palazzata di Palmaro, soprattutto per la parte pregiata che comprende le antiche dimore nobiliari e le loro pertinenze avrebbe bisogno di uno studio di qualità che coniugasse sapientemente storia e architettura; con un occhio di riguardo, attento, a richiamare almeno simbolicamente o per quanto gli spazi lo consentono, il contesto “verde” nel quale le grandi ville erano inserite. In questo, giocherebbe un ruolo primario la proposta della Fondazione, con la creazione del Porto Isola. Una visione che io definisco “superlativa”, tanto semplice quanto geniale: dallo spostamento a mare di binari e containers, con il loro corredo di inquinamento vario, nascerebbe la possibilità di prolungare l’effetto riqualificante della Fascia, con enormi benefici per il quartiere. E sotto il profilo della vivibilità e sotto il profilo dell'”occhio” che anche qui vorrebbe la sua parte. Mi fa piacere leggere del coinvolgimento dei negozianti. Un quartiere è tanto più vivo quanto più è presente e attivo il suo tessuto commerciale. La loro può essere una forza trainante quanto quella delle tante comunità e associazioni radicate nel territorio.

    È di oggi un articolo pubblicato su Repubblica di Genova in merito a Pra’ e al suo futuro “Porto Isola”. C’è un passo significativo sugli effetti che sta producendo la “determinazione” dei Praesi. E io aggiungo “Palmaresi”. Date un’occhiata. Non è un articolo da prima pagina, ma è un buon segno. Abbiamo finito di essere trasparenti. Ora dobbiamo tenere duro. Per tutto il Ponente.

  2. Bell’articolo veramente che fa una panoramica dell’esistente e del possibile, senza nulla trascurare.Come diciamo spesso tra noi… “Palmaro è sempre Palmaro”. Chi ci ha vissuto non può dimenticare, fa intimamente parte della nostra esistenza in tutti i suoi modi di essere. Confido nell’unità di tutti i palmaresi, è un passaggio necessario per contare di più. Rivisitando la tua narrazione mi prende una grande nostalgia dei tempi andati, quando venire a Palmaro (al mare o in Villa De Mari, nelle serre o lungo i sentieri a salire era un privilegio. Sarebbe meraviglioso rivivere le sensazioni di un tempo. Una bella carrellata giornalistica. Brava.

  3. Grazie del tuo prezioso spaccato…
    La realtà attuale è difficile da vivere per gli abitanti della zona, ma soprattutto ciò vale per tutte le fasce di età: pensionati, giovani, genitori, bambini e ragazzi. E non dimentichiamo che ciascuno ha propri bisogni che con un buon sistema di Welfare dovrebbero essere soddisfatti, date le tante promesse ricevute (e spesso troppo poco mantenute) e i tanti sforzi fatti da parte della popolazione che si è prostata come silenzioso complice nell assistere a dolorose metamorfosi e violenze avvenute sul suo amato territorio. C’è inoltre da aggiungere che è grazie alle associazioni se possiamo beneficiare collettivamente di qualche piccolo miglioramento: si tratta di sforzi laboriosi di onorevoli volontari. .. si spera saremo sempre più numerosi ad assumere la responsabilità di rispettare i posti in cui viviamo e le persone con cui quotidianamente ci incontriamo alla insegna di una vita più felice sana rispettosa libera e degna.

  4. Carissimi lettori, sono “confusa e felice” per il vostro tributo alle mie capacita’, mi gratifica molto leggere le vostre osservazioni, cosi’ calzanti, che mi sembra di dialogare a voce!
    Troppo buoni, grazie, non potevo ignorare…scriviamo per noi, ma anche per chi ci legge e riflette il suo pensiero nel nostro. E poi, è tanto il desiderio di vedere finalmente realizzato il progetto “Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro”, che ho messo tanto di me in questo scritto. Si capisce che qui sono nata e vissuta? EHEHEHEH!
    Magari un po’…di parte, tanto che il nostro Presidente Guido mi chiama “la Pasionaria di Palmaro”.
    Ancora grazie e continuate a collegarvi a SuPratutto, ed a seguirmi cosi’. ELISA

  5. Come hai ragione, Francesco.

    È proprio così. Per chi ci ha vissuto gli anni belli dell’infanzia e della giovinezza, “Palmaro è sempre Palmaro”. Io sono cresciuta in Via Bordighera, in quello che, allora, con un’ambizione che oggi mi fa un po’ sorridere, qualcuno chiamava il “grattacielo”. Si giocava in piazzetta, oppure a nascondino sotto i portici. Oppure ci si spingeva sino al parco di Via Porrata, una sorta di territorio da “esplorare”, attraverso quel gioiellino di signorilità che era Via De Mari. Sui marciapiedi, c’era un andirivieni vivace di gente perché i negozi erano tanti e di tutti i generi: macellerie, commestibili, fruttivendoli, pescherie, ferramenta, latterie, negozietti di abbigliamento, giù giù fino al mare, passando per le meravigliose scarpe di “Ferrando” e i dolci prelibati della “Dalia”. Un rito, quello del cabaret di paste la domenica mattina, dopo la Messa. Luoghi e volti che ricordo con tenerezza. Ma penso che il rammarico più grande nasca dalla consapevolezza che la dimensione di allora era diversa e migliore per tutti, bambini, giovani, anziani, persone in attività. Più semplice, ma sicuramente più tranquilla, meno convulsa e di certo non indifferente e anonima come quella in cui viviamo oggi. Sarà che il tempo tende a smussare gli spigoli e far emergere soprattutto il ricordo di cose buone e belle, ma, per chi ha la nostra età, Palmaro è una parte struggente di noi stessi. È un luogo che amiamo nella sua dimensione fisica di allora, fatta di mare e colline verdissime, ma anche per ciò che ha significato nella nostra crescita, per le anime belle che ci ha fatto incontrare … le maestre, i compagni di scuola, gli amici, i primi amori. Oggi, Palmaro ha bisogno della nostra maturità. Perché si possa parlare di un luogo ancora bello, anche se diversamente. Come accade poco più in l’

  6. Cara Paola, anche io ho negli occhi e nel cuore quei ricordi: vivi, presenti, quasi fisicamente rievocabili. Basta chiudere gli occhi al degrado e all’incuria che è venuta dopo. Il posto era diverso, la gente era diversa.
    Ricordo Via Murtola, con gli accessi alle serre, via Borghetto silente e misteriosa, la porticina che si apriva sui campi del mio amico Ciumetta, a lato del Camposanto, via Sanremo sempre animata, Via Prà quasi “promenade” per la spiaggia. Manderò a Supratutto un paio di “amarcord” sul basilico di Prà Palmaro e sulla Piazza della Chiesa N.S. Assunta. Spero che sranno ospitati, in molti ci si dovrebbero ritrovare. Ci accontentavamo ed eravamo più felici. Ci conoscevamo tutti, da bambini avevano i nostri posti per giocare, da ragazzi ci vedevamo in piazza o ci trovavamo seduti sula ringhiera all’incrocio mitico tra Via Alla Chiesa di Prà e Via Murtola.
    Avolte mi domando perchè abbiamo accettato che a poco a poco tutto mutasse. Forse facevamo parte anche noi di quella maggioranza silenziosa del mugugno e del “vedremo”. Palmaro si era formata una sua identità, anche io ho in mente i molti negozi e negozietti ora a poco a poco scomparsi. Io ero ritornato ad abitare in Via Prà dove ero nato, (dopo una parentesi in via Murtola), a fianco al Cinema Palmaro (“i locali”… “la sede”… noi adolescenti ci trovavamo tutti lì, c’era spazio per tutti). Non ci interrogavamo sulla società aperta, complessa, liquida e multiculturale ma eravamo un mix inconsapevole di tutte queste cose messe insieme, forse perchè la semplicità crea sintesi sociali più virtuose e sostenibili di quelle studiate e progettate a tavolino. Palmaro era cresciuta in modo tumultuoso e senza un vero e proprio piano regolatore residenziale ma ci si stava bene lo stesso. Era Palmaro, la nostra vita, il nostro mondo, le famiglie erano ancora un sodalizio di aggregazione e identità. Ora abbiamo perso quasi tutto. Credo che sarebbe un’opera sociale qualificante ed utile riscoprire e valorizzare le nicchie della nostra adolescenza, soprattutto recuperare un senso di solidarietà che sembra essere perduto. Quando torno a Palmaro mi ritrovo bambino, mi guardo intorno e sento le voci di allora. Giro per le sue strade e stradine con familiarità, potrei farlo ad occhi chiusi. Osservo e mi ritrovo, con piacere e nostalgia. Rivivo con intensità emotiva anni che per me resteranno irripetibili, anche nella semplicità quasi disordinata e scomposta del piccolo borgo mi trovo a casa. E mi commuovo.

  7. Brava Elisa, tutto da condividere….volentieri se fosse possibile far riemergere questo quartiere o delegazione (come vogliamo chiamarla ) di Genova , sarebbe un grande risultato , anche se sai che sono un po’ pessimista , avendo visto negli anni il degrado di questa periferia, a cominciare dalle battaglie ,con varie petizioni negli anni ’70 , per cercare di non fare abbattere le strutture balneari che noi frequentavamo da piccoli e che avrebbero potuto rimanere una grande risorsa del nostro ponente.
    A dispetto di Prà e Voltri che hanno la struttura di piccoli paesini e agglomerati di case più antiche, questo quartiere è nato per l’esigenza di “dormitorio” di gente che si recava al lavoro, com’è tuttora , con una cementificazione esagerata e senza rispetto ambientale, questi “dormitori” hanno debellato le case contadine e il verde intorno , e la speculazione è andata avanti…..e ci ritroviamo ,secondo me, in una triste periferia, dove i negozi chiudono e riaprono chiudono e poi non si sa…giusto la banca chiusa…le poste non si sa…e per prendere una raccomandata ci tocca andare in cima a via Ratto…
    Purtroppo , pensando alla mia adolescenza qui , mi viene tristezza ma questo è il “progresso” della nostra civiltà che abbatte le bellezze e dà origine a scempio e trascuratezza dell’ambiente.
    Scusa Elisa dello sfogo, ma dovevo scrivere ciò che penso ..e comunque le istituzioni sono spesso assenti nonostante i cittadini abbiano consapevolezza di quello che accade intorno a loro…
    Un abbraccio

Rispondi a Nadiula Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*