“Nessuna paura: premete quel pulsante!”

Grande affluenza ed interesse per il corso di rianimazione cardio-polmonare a Pra' Palmaro

 

Elis@Provinciali –

Ci sono persone che sanno rendere semplici, e piacevoli, persino spiegazioni tecniche ed argomenti difficili: il prof Maurizio Cecchini, dell’università di Pisa è sicuramente tra queste, e da buon “toscanaccio”, riesce a fare battute persino su ciò che l’uomo teme, ovvero la paura della morte improvvisa.

A seguito della donazione dell’appareccchio defibrillatore al sestiere di Palmaro, la dott.ssa Franchelli ha attivato un corso gratuito, vicino alla farmacia, nei locali del Centro Polifunzionale, tenuto dalla “Cecchini Onlus”. Vi è stata un’ ottima risposta di pubblico, il tema ha suscitato coinvolgimento ed attenzione, due ore sono volate, grazie al carisma e professionalità del relatore, che si è avvalso di filmati su grande schermo, dimostrazioni pratiche con strumenti e simulazioni in diretta, per rendere edotto il pubblico sull’ importanza dell’immediato soccorso nell’arresto cardiaco per fibrillazione. A fronte, ad esempio, di 4.600 vittime di incidenti stradali, sono 70.000 le persone che cadono a terra e perdono la vita, perchè non adeguatamente soccorse : quando il cuore va in arresto cardiaco, abbiamo pochissimi minuti per intervenire, infatti solo il 3 % riesce a salvarsi…pottendo aumentare questa percentuale, ad esempio, al 25%, avremo 18.000 bambini, donne, uomini riconsegnati alla vita.

Si, perchè tale evento è trasversale, può colpire in ogni fase della vita, lo sportivo, il sedentario, ognuno di noi può essere testimone e protagonista di una rianimazione cardio-polmonare.

Prima cosa: reclinare il capo all’indietro, chiamare aiuto, iniziare a praticare il massaggio cardiaco: in questo modo si mantiene la perfusione sanguigna agli organi, e si evita il vertiginoso calo del Ph organico, una volta andato in acidosi, siamo purtroppo nel non ritorno. Utilizzare il defibrillatore parrebbe semplice, anche se dobbiamo fare i conti con il panico inevitabile: Cecchini illustra le manovre da eseguire, fa provare al pubblico, su alcuni manichini, Ugo, Ughetto ed Ughina, rispettivamente l’adulto, il bambino ed il neonato, l’approccio fisico da tenere, la forza da applicare al torace, la posizione di sicurezza, tanto nel massaggio cardiaco che nella disostruzione da corpo estraneo (altra causa di morte accidentale), e lo fa con ironia, provocando il sorriso, ma nel contempo, trasmettendo un messaggio di estrema precisione nell’addestramento.

Soprattutto, il prof. Cecchini ha sgombrato il campo da tante false verità che circolano: non si può nuocere, le macchine sono sicure ed impostate ad applicare la giusta intensità di scarica e guidano nelle procedure, è possibile defibrillare una donna incinta, un bambino, una persona portatore di pace-maker, non importa se sotto il paziente c’è bagnato, non si deve togliere la collanina di metallo (sic!). Il DEF applica un indagine di impedenzometria al tessuto del torace, carica il condensatore ed eroga la giusta scarica, ovvero programma la potenza adatta (grasso, magro, piccolo, adulto) all’incirca dai 50 joule, pediatrico, ai 200 ed anche di più, ovvero aumenta se la prima non è stata sufficiente. L’importante, non aver paura di premere quel tasto, perchè può fare la differenza tra la vita e la morte.

In conclusione, ogni piccola comunità, scuola, palestra, associazione, condominio dovrebbe dotarsi di queste macchine, mentre attualmente la diffusione è ancora modestissima, e del tutto inadeguata. E tutti dovremmo sapere come comportarci, in caso di queste emergenze.Anche i bambini…in calce trovate un video realizzato in una scuola elementare, che sdrammatizza le procedure, dando però un messaggio impeccabilmente corretto.

Sono intervenuti: lo staff di Cecchini Onlus,l’imprenditrice Simona Buono la dott.ssa Francesca Franchelli, il dott Filippo Parodi, direttore 8° distretto sanitario, l’assessore municipale Maria Rosa Morlè, il nostro diacono Mario, che in vece di don Sergio, ha benedetto le attrezzature, la docente vicaria Caterina Bignone, le dott.sse Giovanna Modaffari ed Alba Gaggero, le maestre Nadia Gualco e Lara Lasagna, i rappresentanti della Fondazione Primavera e del Comitato Palmaro, oltre a moltissimi cittadini.

Hanno contribuito all’allestimento Fulvio Sorbara, Remo Rimotti, Dino Brigida ed i volontari del Borgo di Palmaro.

9 Comments

  1. Ottimo e preciso resoconto di un mini-corso di importanza vitale! Io ero presente e devo dare conto che è stato riferito tutto ciò che è stato detto e fatto. Per questo ritengo che sia molto utile conservare questo messaggio da rivedere di tanto in tanto per esorcizzare la paura che inevitabilmente ci prenderebbe se dovessimo trovarci in una situazione così tragica. Ma l’essere informati e si spera, avere il coraggio di agire può salvare una vita! Se poi il dotarsi di queste apparecchiature prendesse campo, anche grazie alla diffusione di messaggi come questo, potremmo fare un grande passo avanti nel contribuire a salvare delle vite umane altrimenti senza speranza.

  2. Un grazie di ❤ alla dott Francesca della farmacia Palmaro., che da oggi ospita un defibrillatore a disposizione del quartiere , un ringraziamento va allo staff del dott Cecchini cardiologo di Pisa che con parole semplici ha spiegato il suo uso. Tre ore piacevoli interessanti e soprattutto istruttivè.

  3. Elisa, Bell articolo soprattutto interessante ed utile a conoscere perché salvare una vita è una cosa troppo importante!

  4. Ottima iniziativa!
    Ogni quartiere dovrebbe poter contare su un defibrillatore, e sempre più persone dovrebbero saperlo usare.
    Conoscenza è vita.

  5. Ringrazio personalmente tutti coloro che hanno reso possibile questa iniziativa a dir poco superlativa sicuramente sarò presente ai corsi Grazie grazie di cuore

  6. Ringrazio personalmente tutti i mi dici le persone che hanno voluto fortemente che ciò si realizzasse sarò sicuramente presente i prossimi corsi Grazie di cuore è proprio il caso di dirlo Grazie Grazie veramente

  7. Dovrebbero esserci sempre più apparecchiature di questo tipo in giro, sia nei quartieri delle città sia in altri contesti soprattutto quelli sportivi! Complimenti ad Elisa per il bellissimo e interessantissimo articolo!

  8. Ci abbiamo messo qualche tempo per organizzare l’evento e allineare le nostre agende ma un grazie di Cuore a Francesca che mi ha affidato la messa in cardio sicurezza delle farmacie, al gruppo Alliance che ci ha presentate e a tutti i presenti !

    Io e Maurizio siamo stati molto felici di avere eliminato futili bufale metropolitane facendolo, talvolta anche con il sorriso <3

Rispondi a Marino Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*