Nel mondo – Giovanissimo inventore di un congegno salvavita

Elisa e Francesco Provinciali –

Ha solo 10 anni, Bishop Curry, studente di 5a elementare, ma il suo scopo e’ salvare il mondo. O meglio, cercare di evitare la morte per calore e soffocamento dei neonati o piccoli dimenticati in auto, chiusi sotto il sole cocente per ore. Anche in America sono frequenti queste tragiche morti, negli ultimi vent’anni oltre 700 bimbi, un fenomeno inspiegabile che colpisce anche genitori amorevoli ed attenti, ma pare causato da una sorta di corto-circuito mentale, per cui il bambino, magari addormentato sul suo seggiolino, viene letteralmente DIMENTICATO dal babbo o dalla mamma, che si reca al lavoro e solo dopo parecchie ore, si rende conto dell’accaduto.

Bishop, colpito dall’ultimo caso, una bimba di soli sei mesi morta in queste terribili circostanze, ha studiato a lungo ed ha realizzato un prototipo, chiamato “Oasis”, grande quanto un pacchetto di sigarette, che percepisce l’aumento di temperatura nell’abitacolo, e fa partire un sistema di raffrescamento rapido.

Nel contempo, viene inviato un segnale d’allarme ai parenti ed alla polizia.

La Toyota ha offerto una collaborazione al progetto Oasis, mentre la famiglia del talentuoso ragazzo ha istituito una raccolta fondi in rete, per consentire ulteriori studi sul dispositivo, ottenerne il brevetto ed avviare la produzione….l’obiettivo finanziario e’ stato raggiunto e speriamo nella realizzazione di questo salva-vita.

La presenza di ragazzi cosi’, che dedicano le proprie conoscenze tecniche a realizzazioni utili, anziche’ a smanettare come non ci fosse un domani, ci rende fiduciosi nella bonta’ e capacita’ delle giovani generazioni.

Anche in Italia, ciclicamente, abbiamo notizia di queste morti, inique, terribili e sicuramente, evitabili. L’ultimo caso, nemmeno un mese or sono, e pure ieri a Napoli una bimba di 4 anni.

Ospitiamo una riflessione in proposito.

DISCONNESSIONI AFFETTIVE

Non giudicate per non essere giudicati,

Questo monito mi è riaffiorato alla mente in questi giorni in cui si è ripetuto l’episodio di una bimba dimenticata in auto e poi deceduta per le complicazioni derivanti dalla prolungata esposizione ai raggi solari e dalla mancanza d’aria. Ci si è domandati d’istinto come possano accadere situazioni del genere, come possa cioè un genitore caricare il proprio figlioletto sul seggiolino prudentemente e precauzionalmente dotato di attacchi e cinture protettive per poi scordarselo dopo qualche minuto, scendere dall’auto, cliccare sul telecomando e allontanarsi lasciandolo chiuso in una trappola mortale.

A che cosa pensa in quel momento un genitore?

In quali pensieri sprofonda la sua mente, il suo cuore, così intensi da indurlo a giungere a destinazione senza far sosta all’asilo nido, alla scuola materna che pure costituivano una tappa programmata dell’itinerario?

Mi ha colpito la tragicità del fatto, il suo essere ‘inspiegabile’ ad ogni pur lodevole ricognizione emotiva e razionale postuma.

E mi ha colpito, in simultanea, il prevalente sentimento di pietà, di umana comprensione di quella situazioni drammatica il pudico astenersi dal giudizio frettoloso che accompagna l’uomo nel valutare le azioni e gli errori dei suoi simili.

Perché ci sono circostanze che esprimono una condizione esistenziale difficile nella sua apparente normalità, ripetibile per altri insospettabili e responsabilissimi genitori nei luoghi della loro quotidianità ordinariamente pregna di affetti, ansie e premure, estranea alla fatalità di un’alienazione impensabile.

Molta parte della nostra vita si dipana su rituali inconsapevoli: presi e stritolati nella morsa della frenesia, attanagliati da mille preoccupazioni, anche i sentimenti soffrono le intermittenze della mente e del cuore.

Non siamo circondati da un’umanità assente, distratta, frettolosa: ne facciamo inconsapevolmente e drammaticamente parte.

E paghiamo un quotidiano, altissimo tributo ai miti della modernità: velocità, efficienza, presenzialismo, produttività, profitto, obblighi e divieti, doveri e prescrizioni, necessità di sopravvivere a tutto, arrivando sempre, arrivando prima.

Un’umanità che non riesce a far riposare il cuore, per mantenere connessioni affettive ed emotive oltre le scansioni del tempo che ci rende prigionieri.

Penso che dovremmo abituarci alla umana comprensione, come ultima frontiera di un umanesimo che sta compiendo il suo ciclo ultracentenario in questa nuova, faticosa condizione esistenziale.

Con buon senso capiamo (dobbiamo farlo) che si possono improvvisamente cortocircuitare le relazioni affettive primordiali che dovrebbero essere il sale e il senso della nostra vita.

Fino a offuscare la consapevolezza del fare, del dire, del pensare.

Per questo bisogna sospendere il giudizio e mi riferisco ai paradigmi sociali del bene e del male.

Mi lacera pensare al senso di colpa di quel genitore: nulla può essere spiegato ma molto deve essere capito.

Nessuno parli di colpa, dobbiamo condividere tutti quel dolore.

3 Comments

  1. La comprensione amorevole prenda il posto del giudizio colpevolizzante per portare un po’ di pace a queste creature così atrocemente colpite

  2. ”Chi sono io per giudicare?”ha detto un Grande del nostro tempo e faccio mio il Suo pensiero, soprattutto quando si parla di una tragedia famigliare cosi’ grande. Bishop e’ un piccolo genio e il mondo intero dovrebbe sostenerlo per la realizzazione di questo salva vita.Le principali risorse di ogni nazione dovrebbero essere impiegate in Ricerca, Sanità e Istruzione e benvengano le scoperte dei piccoli inventori che ci fanno sperare in un futuro migliore. Complimenti Bishop Curry e grazie di cuore.

  3. Si le tragedie così sono inspiegabili se non appunto con questi corto circuito mentali….che però cavolo se fanno paura: un bimbo tenero ed indifeso, sangue del tuo sangue , abbandonato a morire in questo modo.Del resto, quanti infanticidi altrettanto inspiegabili la cronaca ci impone quotidianamente….la nostra coscienza, il nostro cuore si rifiuta quasi di credere in tanto dolore.
    La notizia di questo ragazzino prodigio, se confermata, è uno spiraglio di luce: accanto al male, c è sempre il bene che si esprime nei modi più vari , in questa continua “cosa” che chiamiamo vita.
    Sono d accordo con l ‘autore quando dice di non giudicare….anzi provo una pena infinita tanto per i bimbi quanto per i loro genitori che dovranno convivere con questi drammi.
    Spero con tutto il cuore che la tecnologia ci venga incontro e venga perfezionato un dispositivo efficace per dire basta a questo strazio. Abbiamo inventato di tutto…possibile?

Rispondi a Silvana Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*