In visione al Nuovo Cinema PALMARO ”La Corrispondenza”, di Giuseppe Tornatore

Elisa Provinciali – Ed Phoerum è un professore sessantenne di astrofisica , coltissimo, affascinante e sensibile, ma sposato con prole; Amy Ryan , sua ex allieva all’universita’, (fuori corso), ragazza di bellezza sconvolgente, e dal carattere deciso, ha trentanni di meno, ma si amano di un amore totalizzante, non solo fisico, ma legato alla passione che li accomuna per il mondo astrale….comete e nebulose sono metafore dei loro momenti e sensazioni.

unoSono amanti clandestini già da sei anni,e la loro relazione è costellata di sms, chat su skipe, ed Email. Persone speciali entrambi, come si evince dai loro soprannomi amorosi:Stregone lui, poiché e’ sempre pronto ad anticipare le mosse dell’amata ed a prevedere cosa accadra’, e Kamikaze Amy, per il suo lavoro di stuntwomen, dove rischia ogni volta la vita in scene estreme e spericolate, esplosioni, incidenti automobilistici, cadute a precipizio, impiccagioni.

Questa la prima, breve parte del film, frutto di un soggetto forte e particolare, di cui è autore lo stesso regista e sceneggiatore…ma un’evento dirompente sconvolgerà questa storia: Ed sparira’, all’improvviso, pur continuando ad essere fortemente presente nella vita di Amy, attraverso video, missive, posta elettronica…ed i suoi interventi avranno il pregio della puntualita’ e pertinenza di sempre: omaggi per la laurea, esortazioni a riallacciare i rapporti con la madre, consegna di chiavi ed altri oggetti, buste e pacchetti recapitati dovunque si trovi.

La ragazza perciò, si trovera’ avvolta dalla protezione di 1449768690091_corrispondenza100-aaaEd, ed il mistero della sua assenza fisica diventerà il suo tormento esistenziale,”come una stella morta, che vediamo brillare più a lungo proprio dopo la sua scomparsa”. Nel frattempo, Amy si troverà a rivedere la propria vita, a prendere nuove strade, decidendo percorsi diversi. Soprattutto, riuscirà ad accettare il profondo dolore nascosto nel suo passato.

In tale fase della vicenda filmica, a mio avviso, non sono sufficienti la perfetta regia di Tornatore, né la sua sceneggiatura ricca di simbolismi, ad evitare una certa stasi nel melodramma: i primi piani di Amy e le sue lacrime, il volto sofferente di Ed , che dalla videocamera irrompe nella sua vita in ogni momento, generano tristezza, sfiorando l’irrealtà ripetitiva di un rapporto d’amore che si trascina, senza più un perchè, e provoca e trasmette solo dolore e struggimento.

Senza dubbio, Giuseppe Tornatore si conferma un grande cultore della vena intimista, ed un esponente di spicco della cinematografia italiana, ma consegna allo spettatore un film riuscito solo in parte, a mio modo di vedere: se non vi piacciono le storie di “amore e morte”, se il ricorso alla comunicazione elettronica vi lascia indifferenti, e non amate le vicende drammatiche,”La corrispondenza”non fa per voi…

Viceversa, qualora desideriate immedesimarvi in una storia romantica e lacerante, se avete pianto vedendo “Romeo e Giulietta”, “Love story”, ”Titanic” ; se nelle vostre corde di spettatore c’e’ la ricerca di storie inconsuete e complesse, allora vi consiglio di andarlo a vedere.

Le prove attoriale di Jeremy Iron ed Olga Kurylenco sono di grande efficacia e non vi deluderanno, la fotografia minuziosa , la colonna sonora di Ennio Morricone, adeguata all’atmosfera onirica ed immaginifica del film.

cometeIl ricorso massiccio allo strumento digitale ed alla comunicazione mediata dai supporti informatici può essere letto anche come omaggio al cinema, arte dell’immagine per eccellenza. Tuttavia, nella fragilità di tali contenuti, destinati all’eterno, ma facilmente deteriorabili, sta anche un forte messaggio di disfacimento e consunzione, ancora una volta richiamo all’effimero mutare del cosmo.

10 Comments

  1. Grande, Tornatore! Adoro rivedere suoi film come “Nuovo cinema paradiso”, “Una pura formalità”, “La sconosciuta”, “La migliore offerta”. I miei preferiti.
    Sono certo che anche questo ultimo suo film sarà in linea con i suoi precedenti capolavori. Mi piace anche l’abbinata Tornatore-Morricone: il meglio del meglio del cinema e della musica da film italiani e mondiali. Scenografie incalzanti, trame letterarie, personaggi affascinanti., Un intimista puro che sa dare una descrizione narrativa sempre avvincente e ricca di una umanità ogni volta sorprendente. Un fenomeno.

  2. Condivido le tue opinioni, il film ripropone le atmosfere malinconiche e struggenti del regista, ma volere quasi sopravvivere a se stessi per chi si ama poi può diventare una forzatura. Comunque per me è valsa la pena vederlo, soprattutto in buona compagnia!

  3. Grazie Cesco e Nadia, anche per me è stato emozionante vedere il film, pur se ne preferisco altri di Tornatore, come i citati “La sconosciuta” e “Nuovo Cinema Paradiso”.
    A proposito, grazie anche al Nuovo Cinema Palmaro, che quest’anno ha una programmazione di ottimo livello, ed essendo l’unica sala nel Ponente, costituisce un punto d’incontro per i cultori della settima arte.
    Anche in questo caso la nostra Pra’ si conferma in posizione baricentrale nella Delegazione!
    Alla prossima visione:-)

  4. Anche in questa recensione,Elisa aiuta il pubblico a scegliere se vedere il film oppure no:sarà un si per coloro che amano storie d’ amore e morte, sarà un no per coloro che sono avversi alla comunicazione elettronica e alle relazioni clandestine nonché difficili.Vengono sicuramente rispettati i punti chiave per una buona recensione: titolo, regista, attori protagonisti e carattere dei personaggi, una trama ben articolata, riportando i relativi temi affrontati(che non sono pochi);il tutto reso molto accativante per richiamare l’interesse dello spettatore.Un accenno alla colonna sonora, che non ha bisogno di molti commenti data la grandezza del Maestro Ennio Morricone.Infine Elisa esprime un suo giudizio, basato sicuramente sui suoi gusti personali e mettendo in evidenza gli aspetti positivi e negativi della tecnologia moderna(soggetto e oggetto su cui ruota la trama) e il suo evolversi.Inoltre debbo aggiungere che la recensione e’ scritta con termini appropriati, calzanti e precisi.Brava Elisa, il Maestro Provinciali sarebbe fiero di te.

  5. Grazie della bella e calzante recensione del film, io non l’ho visto, non mi ispirava molto, ed ora dopo aver letto il tuo scritto, penso propio che non era un film per me. Continua a scrivere perchè sei propio brava e fa piacere leggere le tue recensioni ….. alla prossima!!!!

  6. Cara Elisa,
    non ho visto il film di cui hai scritto una profonda ed argomentata recensione. Ma ho visto almeno tre-quattro volte “Nuovo Cinema Paradiso che considero un capolavoro assoluto della cinematografia mondiale. Se riesco a trovarmi l’opportunità cercherò di andare a vedere anche questo lavoro di Tornatore.
    Se riesco a fare ripartire Il Ponentino ritieniti prenotata per la rubrica delle recensioni cine.
    Un caro saluto.
    A.Marani

  7. Caro Antonio,
    grazie di cuore per il tuo apprezzamento…e volentieri, aspetto la rinascita del “Ponentino”, cui tanto hai dedicato, per contribuire come posso alle dinamiche culturali di tutta la nostra Delegazione.
    Un abbraccio grande!

  8. Brava Elisa, un’altra volta hai reso in pieno l’essenza del film, che purtroppo non ho visto…ma già dalle tue parole mi ispirerebbe alquanto…e traspare dalla tua recensione una trama articolata e avvincente che rende già per iscritto il tormento e la complessità del rapporto …
    Sei grandeeee….
    Nadia

  9. Mi unisco ai ringraziamenti per la bella recensione! E come Alfia anche io sono contento di averla letta perche’ nonostante Tornatore sia una garanzia in fatto di film di qualita’, ho capito che non si tratta del mio genere. Continua a scrivere perché sei bravissima!

Rispondi a nadia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*