Lo zolfanello- Il “positioning paper” di Confindustria per il porto di Pra’ non convince: ecco perché

Redazione

Il “positioning paper”, o “Contributo alle scelte pianificatorie per lo sviluppo e la valorizzazione del porto di Genova”, emesso da Confindustria Genova il 18 marzo 2022 ha generato forte delusione e contrarietà a Pra’ e dintorni. Premesso che un’entità importante quale è Confindustria ha tutto il diritto di contribuire al dibattito pubblico su una tematica importante come è quella dello sviluppo portuale, anzi ciò costituisce cosa utile e positiva, a ciò dovrebbe accompagnarsi quantomeno una sufficiente conoscenza del territorio e delle infrastrutture portuali sulle quali vuole disquisire per non incappare ad esempio in marchiani e ripetuti errori toponomastici e sulle denominazioni ufficiali di porto e terminal container come quelli contenuti nel documento in oggetto. Inoltre, i testi, i dati e la descrizione della proposta di nuovo lay-out per il Bacino Portuale di Pra’ sono minimali e approssimativi. Si propone infatti l’“Allungamento della diga foranea verso ponente di non più di 300 metri, al fine di migliorare le condizioni di accosto”, mentre nell’elaborato grafico la diga foranea esistente viene invece accorciata, demolendone una porzione di oltre 500 metri verso Levante, insieme al molo di sottoflutto. Si fa inoltre genericamente riferimento alla “Permanenza di condizioni di insicurezza per gli accosti a causa del moto ondoso, in presenza di condizioni meteorologiche avverse”, ma non si ha notizia di incidenti degni di nota in decenni di operatività al Bacino Portuale di Pra’ alle navi all’ormeggio a causa di condizioni meteomarine avverse. Aspetto più grave è che, pur facendo riferimento al Piano Regolatore Portuale vigente, nell’elaborato grafico Confindustria propone ingenti riempimenti aggiuntivi sul terrapieno portuale, lato di ponente, e quasi due chilometri e mezzo di diga addizionale (che andrebbe a fondarsi fino alla ragguardevole profondità di 36 metri) in totale dissintonia con lo stesso PRP, senza però inserire il prolungamento del Canale di Calma di Pra’ fino al Rio San Giuliano, che dello stesso documento invece fa parte integrante. Denotando con ciò la totale assenza di attenzione per il territorio e la qualità della vita dei cittadini di riferimento che, come arci-noto, considerano fermamente tale opera fondamentale, irrinunciabile e da realizzarsi preventivamente ad ogni ipotesi di ampliamento del Bacino Portuale di Pra’. Detto ciò, il lay-out portuale di Confindustria per Pra’ non convince per niente anche per tre importanti motivi di natura tecnica: 1) La larghezza della nuova imboccatura portuale risulterebbe di circa 300 metri, più o meno allineati con i 310 previsti dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale nel progetto della nuova diga foranea di Sampierdarena, ma sembra non tenere presente il fatto che il lato sud del tratto di diga esistente in corrispondenza dell’imboccatura dovrebbe presumibilmente essere dotato di scogliera o altre soluzioni frangiflutto per evitare onde riflesse di disturbo per le navi in transito, e quindi il posizionamento di tale tratto di nuova diga dovrebbe superare sensibilmente i 300 metri ipotizzati. Ciò anche in considerazione del fatto che in futuro potrebbero essere realizzate navi più grandi delle già naviganti 24.000 TEU che sono lunghe 400 metri e larghe 62. Non a caso le imboccature di nuovi ed importanti bacini portuali per terminal container come quello di Algeciras e di Barcellona risultano rispettivamente ampie 410 e 510 metri. Anche le traiettorie di entrata ed uscita, parallele ed assai vicine alla diga foranea esistente non risultano convincenti né dal punto di vista della manovra, né da quello della relativa sicurezza. 2) La lunghezza del nuovo canale di ingresso risulta essere poco più di 1000 metri, con un bacino di evoluzione fortemente disassato rispetto alle traiettorie di entrata ed uscita, contro i 1650 attuali e i 2000 previsti negli stessi documenti progettuali dell’Autorità di Sistema Portuale, in entrambi i casi però con perfetto allineamento tra ingresso e centro del bacino di evoluzione. 3) Il bacino di evoluzione andrebbe a posizionarsi più a ponente di oltre un chilometro da quello attuale, andando così a cadere nella ben nota zona critica del “canalone” del vento di tramontana, peggiorando così, e di molto, la sicurezza delle manovre. In sintesi, con il layout proposto si avrebbero accessibilità e manovrabilità al porto molto peggiori di quelle attuali e che impedirebbero in futuro l’entrata di navi di dimensioni superiori alle massime di oggi. Oltre alle lacune tecniche vi è anche da considerare il fatto che con il layout proposto si condizionerebbe negativamente la circolazione dell’acqua marina all’interno del bacino portuale, che diventerebbe in pratica un lago, con ulteriori preoccupanti impatti sia sulla qualità dell’acqua nel canale di calma, sia sul microclima locale, già peggiorato dalla configurazione portuale già in essere. Cosa inaccettabile anche in considerazione della presenza, sulle colline prospicenti il bacino portuale, delle coltivazioni di pregiato basilico praese. “Morale della favola”: per lo sviluppo e la valorizzazione del porto di Pra’ (sostenibile ed in armonia con i territori e i cittadini di riferimento, aggiungiamo noi) non basta tirare due righe su una mappa scaricata da Google Maps.

 

 

5 Comments

  1. Osservazioni esemplari!
    Lecito proporre ok, ma altrettanto consentito e doveroso poter dire la nostra sul nostro territorio…

  2. Incredibile che si possa proporre una tale porcata. Sempre tutto ai danni di Pra’. Saremmo seppelliti da una laguna maleodorante.MAI

  3. E’ incredibile che certa gente pensi ancora che si possa buttare riempimenti e servitu’ sulla schiena dei praesi. Che se li facciano a Nervi.

Rispondi a Elsa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*