Lo zolfanello-Avanspettacolo portuale

Redazione –

Da qualche tempo, in quel di Genova, vanno continuamente in scena, si vede che è la moda del momento, sconcertanti esibizioni di “avanspettacolo portuale”, con entità ed individui che propongono di volta in volta le soluzioni più disparate per espandere il porto di Pra’. C’è chi propone di creare una nuova piattaforma gigante sulla diga foranea, chi di espandere il porto verso ponente; c’è stato anche un tale che ha avuto la brillante idea di spostare a Pra’ il porto petroli. Oramai, di questi tempi, basta prendere una matita, tirare due righe, rilasciare un’intervista, emettere un comunicato stampa, et voilà, ecco confezionata un’altra “ideuccia” per devastare ulteriormente l’ambiente e peggiorare la qualità della vita dei cittadini di Pra’ e dintorni. Proprio ieri è salita sul palco del teatrino anche Confindustria Genova, che nel suo “Position Paper” ha ipotizzato addirittura di realizzare, oltre a massicci riempimenti portuali, una nuova, ulteriore, diga che, innestandosi sulla sponda sinistra del Rio San Giuliano si dirigerebbe verso il mare, letteralmente in mezzo al mare, per poi svoltare verso levante. Peraltro niente di completamente nuovo, visto che tale soluzione ripropone gli stessi riempimenti già abbozzati (respinti e scartati) decenni fa con l’aggiunta addirittura di una svolta “ad U” per le navi in ingresso ed uscita. Naturalmente, il tutto impatterebbe sempre e solo sul territorio praese e perdippiù non prendendo minimamente in considerazione interventi di compensazione e di minimizzazione dell’impatto ambientale del porto già esistente, oltre che delle nuove opere che si vorrebbero realizzare. La “soluzione” proposta da Confindustria, che peraltro presenta lacune e suscita perplessità già dal punto di vista strettamente tecnico, un risultato l’ha raggiunto: è riuscita ad offendere e deludere i cittadini di Pra’ e del ponente genovese. Condizionando negativamente il prezioso e produttivo dialogo porto-città che negli ultimi anni, grazie all’opera della FondAzione PRimA’vera, della sua visione di “Pra’ Porto Amico” e della sua proattiva collaborazione con Autorità di Sistema Portuale, Comune e PSA Genova-Pra’, ha ristabilito la necessaria serenità e il doveroso rispetto dei cittadini e del territorio di riferimento. Correndo seriamente il rischio di far rialzare barricate e “dissotterrare l’ascia di guerra”. Esattamente quello di cui, proprio, nessuno sente il bisogno. Non è così che si creano le visioni vincenti per la città del futuro, in modalità win-win. Se chi opera nella sua comoda “torre d’avorio” e risiede nella sua lussuosa abitazione pensa di poter continuare, in remoto, a devastare Pra’ e il Ponente sappia che questa volta non ci sono più sprovveduti cittadini disposti a bersi la favoletta dei “cinquemila posti di lavoro per i praesi”, e che certi giochetti non funzionano più. Siamo nel 2022, non nel 1969. Che cessi l’avanspettacolo portuale e si evolva con grandi visioni, innovative ed etiche, condivise e partecipate, che portino benessere e miglioramento della qualità della vita per tutti.

2 Comments

  1. Siamo veramente stufi ed estremamente delusi “di tutti questi balletti” che alla fine portano solo ulteriore devastazione e degrado nella solita zona di Ponente dove sono stati già fatti danni enormi senza alcuna contropartita per la convivenza e la qualità della vita degli abitanti!!

Rispondi a ELISA Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*