Lo zolfanello: Abbiamo già dato !

Velocifero #

L'isola Ecologica sulla Fascia di Rispetto di Pra'
L’isola Ecologica sulla Fascia di Rispetto di Pra’

A Pra’ abbiamo già dato. Come noto l’accorpamento (peraltro forzoso, per decreto Fascista) del Comune di Pra’alla città di Genova ha portato solo devastazioni ambientali e disagi. Prima le colate di cemento, con “i palazzoni”, poi la devastazione della spiaggia e del litorale con il porto container, la cementificazione delle colline facendo sparire olivi e pregiate colture secolari per costruire “Lavatrici” e “Cep”, infine le Suore di Calcutta e il Parroco di Pra’ che, seppur in buona fede e con nobili intenti attirano e convogliano nella nostra Delegazione sbandati e senza fissa dimora. Bene, fino a questo punto la Gente di Pra’, seppur non certo felice, ha accettato con rassegnazione, prendendosi le sue belle dosi di inquinamento, sporcizia, rumore, disagio. Quel che è stato è stato, chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto, si dice. Poi Pra’ è stata scelta, guarda caso, per posizionarvi l’ “Isola Ecologica”, cosa utile ma certo ben lontana dalla “Pra’ To Sport” che la gente chiede da anni. Più o meno in contemporanea proprio le colline di Pra’ sono state scelte per insediarvi un centro di igiene mentale, in particolare in via Fidelini, nella “Branega” alta. Anche la vicenda “Costa Concordia a Pra’ “ ha visto i Praesi assumere una posizione responsabile e collaborativa, ripagata come al solito con noncuranza e scarsa gratitudine, se è vero che sia il Gruppo Sportivo Speranza sia la Parrocchia di San Rocco, che avevano rispettivamente chiesto in donazione qualche attrezzo sportivo e qualche panca e sedia della cappella di bordo ex-Concordia non hanno ricevuto, ad oggi, un bel niente. Oggi i Praesi hanno finalmente scoperto il valore della partecipazione, della propria identità e cultura, e si è consolidata nella Delegazione una forte volontà e convinzione: la misura è colma. Da ora in avanti Pra’ non accetterà più supina e passiva niente altro che cose buone, positive, che valorizzino il territorio e migliorino la vita dei sui cittadini. Tra queste cose non figurano certamente alcune operazioni di cui da qualche settimana si sente vociferare: il trasferimento dei nomadi del campo di Quarto al Quartiere San Pietro e, udite udite, forse anche un bel centro sociale all’ex Collegio San Giuseppe. Il tutto come sempre fatto in silenzio, non curanza per gli interessi e le aspirazioni dei cittadini, pensando di poter disporre a proprio piacimento di Pra’. Esponenti del Municipio Ponente hanno classificato come “infondata” la voce del Centro Sociale, ma sulla questione nomadi sembra ci sia da non stare tranquilli. Pare che una delegazione del Quartiere San Pietro si sia già recata a protestare in Comune. Ebbene, gli altri ex-comuni e delegazioni del levante cittadino, proprio Quarto, ad esempio, ma sicuramente anche Nervi, Quinto, Albaro, non risultano essere stati mai minimamente impattati da oneri e disagi come avvenuto Pra’: tutti gli oneri, le devastazioni ambientali e le servitù sono finite sempre a gravare sul ponente; ultimamente, in particolare, proprio a Pra’. Ora basta. Da un’amministrazione comunale, a maggior ragione se “di sinistra” ci si aspetta una politica equa e senza discriminazioni. Prima anche solo di concepire di portare altre negatività e disagi a Pra’ si dovranno vedere le sopracitate località penalizzate ai livelli di Pra’. E, anche allora, a Pra’ non accetteremo più niente di negativo. Noi, a Pra’, abbiamo già dato.

3 Comments

  1. Pra’ ha dato molto e adesso è sul percorso virtuoso che potrebbe permettergli di recuperare qualcosa.
    Il tempo della rassegnazione è ormai passato per sempre, i Praesi hanno imparato che per ottenere rispetto bisogna lottare.
    Certamente hanno imparato a lottare utilizzando le armi che la democrazia mette a disposizione: la partecipazione, il presidio del territorio, la libera espressione, la pressante richiesta della massima trasparenza e la messa a nudo delle manovre torbide, il controllo dell’operato delle forze politiche e amministrative, la denuncia pubblica e formale presso le autorità competenti alla prima avvisaglia di attività dubbie.
    Ecco cosa i Praesi possono fare per assicurarsi che a Pra’, che ha già dato, possano succedere solo belle cose.

Rispondi a Ernesto Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*