Lettera aperta al Sindaco Marco Bucci

Maria Luisa Decotto-

Caro Sindaco,

ho letto su SUPRA’TUTTO le sue dichiarazioni alla mia concittadina, Elisa Provinciali, e ho sentito subito il bisogno di scriverle. Ma voglio inviarle una lettera aperta, perché parliamo di un argomento molto importante e molto sentito e condiviso.

Sono solo una delle centinaia di persone che hanno firmato e sottoscritto la petizione in cui si chiede che i container vengano spostati dalla zona adiacente la nostra passeggiata ciclopedonale.

Perché le chiediamo questo?

La risposta è semplice. Vede, noi abitavamo in un luogo tranquillo e conducevamo una vita tranquilla. Il mare lambiva la nostra spiaggia, sulla quale esistevano molte attività produttive e che, in estate, costituiva la nostra più grande ricchezza…si, ricchezza…una ricchezza molto democratica e diffusa: bastava avere un asciugamano e un costume e si trascorreva una magnifica estate.

Poi venne il porto e tutto finì molto bruscamente…

Niente più spiaggia, niente più tranquillità, niente più buio di notte, ma rumori continui diurni e notturni, colpi, motori, cicalini ogni giorno, ogni notte…il porto è sempre aperto! E poi luce, come fosse sempre giorno, come fossimo al circolo polare: da noi, a Pra’, il buio della notte non esiste più.

Per fortuna, grazie all’impegno di molti cittadini e all’ascolto di qualche amministratore “illuminato”, qualcosa piano piano ha incominciato a cambiare…

Abbiamo ottenuto una Fascia di Rispetto con un canale (anche se non copre l’intera estensione di Pra’ e il sestiere di Palmaro ne è ancora privo…) e una passeggiata ciclopedonale sul lato sud del canale.

Ed è proprio questa passeggiata il nostro oggetto del contendere.

Una bellissima passeggiata, ariosa, soleggiata e piacevolmente ventilata, sulla quale correre e passeggiare. Tutto ok, quindi?

NO, perché nella strada adiacente ad essa dopo alcuni anni di tranquillità, sono stati impilati dei container…(…della serie: ti do con una mano e ti tolgo con l’altra…).

Ci avevano assicurato che era una sitemazione PROVVISORIA, in attesa di trovarne una più adatta, ma pare che, invece, ce li vogliano lasciare e, anzi, magari anche aumentare, e allora noi praesi, cittadini pazienti e ubbidienti, stavolta diciamo: “NO!”

“Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?” (Cicerone mi perdonerà …)

Non potete toglierci sempre tutto…questa passeggiata è la nostra valvola di sfogo…ci consente di camminare e correre accanto all’acqua…ci consente di vedere Pra’ dal “largo”, come facevamo quando andavamo in barca…

Ci state dicendo: ” perché protestate, potete convivere benissimo con questa attività accanto…”

No, caro Sindaco, non è più possibile né tollerabile. Su questa passeggiata noi andiamo a correre, a passeggiare, ci portiamo i bambini e gli atleti ci vanno ad allenarsi e sono tutte attività che stiamo facendo mentre accanto i camion vanno e vengono e i mezzi spostano i container.

Veri muri di container che ci soffocano e in certe stagioni nascondono anche il sole e poi, con tutto il rispetto, adesso è ora che trovino finalmente una soluzione win win, una soluzione che rispetti noi, che ci siamo guadagnati uno spazio “di respiro” e rispetti anche quei signori che potranno lavorare in pace, spostare cassoni e battere per ripararli in un luogo lontano dalle case e dalla nostra quotidianità.

Inoltre, caro Sindaco, noi vorremmo tanto che lì, accanto alla passeggiata, ci fosse una vera collina alberata che ci aiuti ossigenando l’aria, filtrando polvere e rumore che, comunque, continuano ad arrivare dal porto e che, con un vero filtro verde, potrebbero essere attutiti e mitigati.

Quei terreni che noi vorremmo come zona filtro prima di essere terra erano mare, il nostro mare, e sono diventati terra con il nostro sacrificio…non sarebbe giusto assegnarli a noi? Non sarebbe una giusta e doverosa compensazione restituirci un po’ di quello che ci apparteneva? E che prima di noi apparteneva ai nostri padri e ai nostri nonni?

Spero tanto di essere riuscita a chiarire bene la nostra posizione, la posizione di tutti noi che abbiamo sottoscritto una petizione proprio per chiedere questo…un poco di RISPETTO.

Cordiali saluti.

30 Comments

  1. Condivido ogni pensiero espresso con chiarezza. Ê ora che chi ha tolto restituisca, che chi continua a lucrare sulla nostra salute si prenda anche la responsabilità di farci vivere in sicurezza dandoci quello che ci é dovuto.

  2. Sono in totale accordo cone quanto scritto e…..grazie per aver menzionato Palmaro diventata il buco del culo di Genova. Perdoni il francesismo ma non ne possiamo piu`. A Palmaro che appartiene a Pra’ ci e’ stato tolto tutto. Ora pretendiamo una riqualificazione x la vita. E vorrei che tutti lo capissero e ci sostenessimo reciprocamente. Grazie

  3. Anche se non tutti esprimono il loro pensiero, siamo esaspetati! Il rumore, l’inquinamento, la consapevolezza di essere in mezzo ad una catena di montaggio che non si ferma mai, ci fanno perdere il sonno la pace e la salute! Chi può modificare questo infernale ingranaggio lo faccia!!! Lo aspettiamo da tanto tempo!

  4. Condivido in pieno. Anche se non abito a Pra questa zona è una risorsa per tutto il ponente cittadino, da sempre penalizzato per scarsa qualità della vita e spazi verdi e ricreativi carenti

  5. Questalettera tocca ilcuoredi tutti npi, che qui siamo nati , abbiamo visto lo scempio durato 40 anni e cpntinuamo a soffrire per i disagi, la puzza, i rumori giorno e notte.
    Solo noi possiamo capire il DOLORE profondo che ci attanaglia, per lo scippo anzi lo stupro perpetrato al nostro territorio.
    Sarà sempre così? Genova matrigna, a levante le spiaggette amene.in centro i servizi, l arte la cultura…a ponente e nell entroterra le servitu scomode…BASTA!non mi mi sorprendo.ci sia chi parla di secessione come Marino.!

  6. La lettera,che condivido pienamente, è stata molto chiara per far capire quello che stiamo passando. Speriamo che qualcosa ci venga ridato, anche se, sinceramente ,la vedo dura. Ma non molleremo. Bisogna andare fino in fondo

  7. Questa è la voce di Pra’, è la voce di chi non accetta più promesse ma vuol vedere i fatti, di chi non crede più alle parole perché ne sono state dette tante, troppe e così ha imparato che non hanno valore, questa è la voce di chi non vuole più chinare la testa e chiede rispetto ed il riconoscimento a condurre una vita dignitosa in un ambiente accogliente, bello e sereno. Questa è la voce di chi chiede il diritto a vivere in un luogo dove l’ambiente non sia ostile, dove l’attività produttiva del porto non sia invadente e nemica, dove non si debba avere timore a respirare perché non si sa nemmeno cosa c’è nell’aria. Questa è la voce di chi crede che avere tutto questo sia un normale diritto ed è unita e fortemente decisa ad ottenerlo. Questa è la voce di chi non vuole più venire dopo, di chi vuole essere considerato, questa è la voce di chi sa che la propria qualità di vita conta di più, molto molto di più, di qualunque interesse economico, Questa è la voce di chi vuole contare, di chi vuole essere protagonista del proprio destino e non è più disposto a lasciarlo nelle mani degli altri. Forza PRA’ e se sarà necessario sarà secessione da Genova, che non è neanche in grado di ripararci le strade, di svuotarci i cassonetti dell’immondizia, di mantenere un minimo di decoro urbano. Questa è la voce di chi non accetta più assegni in bianco ma solo fatti concreti.

  8. Buongiorno,
    Condivido pienamente il pensiero della Signora Decotto. Sono nata e vissuta a Pra’ e posso testimoniare che in quarantasei anni di vita ho sentito tante belle parole; in quanto ai fatti, mi ritrovo in questa delegazione dove c’è un porto che non è compatibile con la salute degli abitanti e un’autorità portuale che è sorda alle proposte. Basta promesse, basta parole inutili, basta soldi pubblici spesi per “tappeti rossi” e festeggiamenti dei compleanni delle aziende!!! Per favore, rendete il territorio vivibile!

  9. Io non abito a Ora petche da parecchi anni mi sono trasferita a Roma ma ci torno spesso per trovare mio fratello e la famiglia.Concordo in pieno quanto esposto nella lettera…ho vissuto anchd se indirettamente il lento e inesorabile degrado di Pra.
    Ora basta i cittadini hanno pagato un prezzo troppo alto…e non è giusto.

  10. Credo che con intelligenza e un po’ di visione “lunga” il Sindaco e la Giunta possano trovare le modalità giuste affinché si arrivi a quanto auspicato da Maria Luisa. Intelligenza…Visione “lunga”…, Sindaco …

  11. Grazie per la lettera. Aggiungerei anche alcuni altri “dettagli” :
    1} quando i container sono precipitati sulla pista pedonale/ciclabile hanno danneggiato il verde pubblico, i pali di illuminazione demolendo l’impianto di diffusione sonora del campo di canottaggio e hanno danneggiato la pavimentazione. Danni mai risarciti da NBT. Trovo questo elemento già sufficiente a non rinnovare la concessione.
    2} questi contenitori diventano un termosifone per la pista…. Purtroppo però in estate. Provate a passare alla sera sulla passeggiata e sentirete qual tepore si respira. Motivo in più per realizzare le fune allontanando i container.
    3} la movimentazione dei contenitori implica rumori e inquinamento.
    BASTA!!!!!

  12. D’accordissimo.. sarebbe opportuna una zona di separazione netta con alberi e se si arrivasse ad eliminare il rumore dalle navi che scaricano….sarebbe un sogno…

  13. Io non vivo a Prà ma ci vengo spesso e ho notato il lento degrado della città.
    Condivido in pieno quanto scritto nella lettera e penso che i cittadini hanno pagato abbastanza e pertanto è giunto il momento di dire basta e restituire dignità alle persone e alla natura.
    Una città migliore rende migliore chi la vive.

  14. Abbiamo subito un enorme danno ambientale, da anni ormai è fatta Pra’ ha il suo porto Multedo pure e allora che il municipio 7 in blocco si organizzi e chieda la separazione da Genova i porti sono in casa nostra e li gestiremo noi. Secessione da Genova!

  15. Sono pienamente d’accordo con Maria Luisa.
    Sono una ragazza di 23 anni che é nata, cresciuta e lavora a Pra’.
    Amo correre per tenermi in forma e passeggiare con mio nipote sulla Nostra Fascia di RISPETTO ma quei muri di container che soffocano il cuore, il costante rumore delle gru e l’inquinamento causato dal via vai di camion rendono tutto ciò insopportabile.
    Speriamo che le autorità competenti diano ascolto alla tua lettera anche perché tutto questo doveva essere una situazione”PROVVISORIA”.

  16. auspichiamo che oltre ad essere il sindaco dei levanitini voglia ogni tanto essere pure il sindaco dei ponentini, anche perché i praini hanno già pagato abbondantmente e deisderare – spostando altrove i contaniener – ancora di vedere almeno un lembo di mare…e se togliessimo anche il runmore?

  17. Bravissima Maria Luisa con poche parole hai descritto meravigliosamente la nostra Pra’ di un tempo e purtroppo quella di ora… speriamo che il Sindaco e tutte le autorità di competenza prendano spunto dalla tua lettera x risolvere questo nostro problema.

  18. Questa lettera ha toccato tutti i punti cardine della situazione che noi abitanti di Pra e Palmaro stiamo subendo costantemente. Non si chiede e non si può certo più tornare alle origini, ma investire in qualità è doveroso sia per noi che per il futuro dei nostri figli e nipoti. La riqualificazione del territorio è un investimento che conviene a tutti.

  19. E’ vero, il cimitero scoppia. Non ci sta più un passero rinsecchito.
    E di cani in giro ne abbiamo le tasche piene e le suole della scarpe lerce.
    Cominciamo dalle cose pratiche!

  20. Il pensiero di tutti va rispettato e ognuno vede le sue priorità.
    Anche cani e cimitero costituiscono un motivo di degrado e di poca dignità e rispetto per Pra’ e Palmaro!
    Io la penso diversamente sulle cose importanti ma accetto chi guarda ai particolari. Sono due questioni indecorose, in ogni caso.

  21. Concordo pienamente con la lettera della sig.ra Decotto.
    Da decenni ci sentiamo ripetere: o LAVORO o VIVIBILITÀ…
    …ma non siamo più cosi ingenui da credere che se accettiamo l’uno perdiamo l’altra.
    Nel 2018 sappiamo che un’attività produttiva può, e DEVE, convivere con la salute è la Vivibilità di un luogo e i suoi abitanti….basta volerlo e bastano i GIUSTI INVESTIMENTI.

  22. Bellissima lettera Maria Luisa come altrettanto chiaro ed esaustivo il suo contenuto. Non possiamo tornare indietro (come mi sarebbe piaciuto vedere e vivere la spiaggia nella nostra Pra’) ma abbiamo il diritto e il dovere di pretendere RISPETTO e che la situazione migliori una volta per tutte. Non se ne può più di situazioni provvisorie che ovviamente vanno a discapito del nostro quartiere.
    È ora che chi di dovere faccia qualcosa!!! Una nipote, figlia, mamma e lavoratrice Praina da generazioni.

  23. Condivido e appoggio le considerazioni e le richieste di Maria Luisa. Pra’ era davvero un posto tranquillo, delizioso nella sua semplicità. Qui, a cavallo tra gli anni ’50 e ’60, veniva mia mamma al mare con la famiglia, dalla provincia di Pavia; e qui ha conosciuto mio padre: anche lui veniva al mare da Sampierdarena. Qui hanno deciso di restare a vivere quando si sono sposati. Invece i miei figli appena possono da Pra’ se ne vanno. E li capisco. Certo i loro nonni non immaginavano lo scempio a cui avrebbero dovuto assistere. Questo porto non doveva esserci: adiacente a un centro abitato, ha stravolto un tratto di costa e portato via la spiaggia a seguito di imponenti lavori di riempimento. Forse si poteva individuare una località più consona anche morfologicamente ad accogliere un porto commerciale. Forse si potevano considerare le conseguenze e l’impatto di una simile opera su un centro abitato. Ma si sa, gli interessi economici vengono sempre prima di tutto, in particolare nel ponente di Genova. Basti ricordare l’Ilva al posto del castello Raggio a Cornigliano, il porto petroli a Multedo e infine il porto di Pra’. Per non parlare di scempi architettonici come le “lavatrici”. I cittadini sempre zittiti dalla promessa e la speranza di nuovo lavoro. Ma poi il lavoro non è mai quello sperato e il prezzo di tanta spregiudicatezza è alto: l’inquinamento a Cornigliano e la beffa del ridimensionamento dell’Ilva per la crisi, l’incendio con morti al deposito petrolchimico dell’Attilio Carmagnani, vicinissima alle abitazioni, a una scuola, all’autostrada e alla ferrovia. Unità produttive di industria pesante sempre a stretto contatto con i centri abitati. Nonostante il buon senso. Nonostante l’esperienza passata. Eppure dovrebbero esistere leggi che tutelano l’ambiente e il diritto a una buona qualità di vita di tutti i cittadini. A Pra’ la qualità della vita è compromessa da questo porto: il rumore è continuo e insopportabile anche di notte e i containers sono così numerosi da formare dei muraglioni a ridosso della fascia e di fronte al centro abitato di Palmaro. Sorge il dubbio che qualcosa possa sfuggire ai controlli: come è già successo tempo fa quando si sono scoperti containers con materiali tossici. Una volta tanto potremmo prevenire anziché recriminare dopo. Insomma, speriamo di riuscire ad attenuare i danni arrecati, ad arginare i pericoli. Speriamo che questa volta non vada come in passato. Speriamo che d’ora in poi sia diverso: il nostro territorio è stato già abbastanza deturpato. I politici dovrebbero capire che la tutela dell’ambiente è sempre un investimento redditizio: dove c’è qualcosa di bello la gente accorre. La tutela della popolazione forse non dà un ritorno immediato in termini di denaro, ma consensi e fiducia da parte dei cittadini.

  24. Dopo il crollo del ponte Morandi consideriamo e leggiamo bene questo documento.
    Dimostra che abbiamo a che fare con una ” news generation ” di politici affabulatori, arroganti, ignoranti e incompetenti.
    Dato che si parla della GRONDA da “bloccare” come progetto la cosa interessa anche Prà.
    E quel ponte Morandi che “poteva stare su altri 100 anni” raccontato secondo i 5 stelle come una “FAVOLETTA”…. ci dimostra che siamo caduti dalla padella alla brace.
    Peccato che il POST dei pentastellati genovesi sia stato rimosso velocemente dal sito.
    Ma qualcuno lo ha ripescato. E la parole dette pesano come macigni.
    Abbiamo bisogno di persone competenti non di ciarlatani.

Rispondi a Maria Laura Polidoro Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*