Le rotatorie di Pra’ e possibili modifiche

Giuseppe Bruzzone

La rotatoria stradale (o rondò alla francese) da diversi anni ha cambiato il disegno delle strade, è un tipo di intersezione fra due o più strade. Serve a moderare e snellire il traffico. L’incrocio fra le strade è sostituito da un anello stradale a senso unico che si sviluppa intorno ad uno spartitraffico di forma circolare. I flussi di traffico lo percorrono in senso antiorario nei paesi in cui si guida a destra, in senso orario nei paesi dove si guida a sinistra. La prima rotatoria fu installata nel 1819 a Londra in Piccadilly Circus. A questa seguirono altre moderne rotatorie, a New York nel 1904, a Parigi nel 1907 dove l’ architetto Eugene Henard realizza la Place de l’ Etoile, ora dedicata al generale De Gaulle. Il disegno del famoso urbanista francese si diffuse rapidamente in Europa. L’uso generalizzato prese piede negli anni sessanta del secolo scorso. Nel 1966 il Regno Unito generalizza la norma della precedenza ai veicoli che stanno già impegnando la rotatoria, nel 1983 viene adottata anche in Francia. Da allora la rotatoria, è impegnata con una regola di precedenza pratica: ossia il mezzo che si trova all’ interno ha la precedenza sul mezzo che si deve ancora inserire nella rotatoria . Questa regola pratica viene così adottata in tutta l’Europa occidentale.In Italia solo nel 1989 la prima rotatoria è installata a Lecco. Un dato dal comune di Cattolica: con l’uso delle rotatorie si è passati, in un anno da 1800 a 300 incidenti stradali. Lo spazio interno alla rotatoria può diventare un luogo dove installare opere d’arte, una specie di galleria d’arte all’ aperto , fioriere e vegetazione varia visibili a tutti. A Pra’ dopo la ristrutturazione stradale col POR da levante a ponente abbiamo quattro rotatorie: la prima è quella del Pontile ubicata più o meno nelle adiacenze del vecchio pontile marino che serviva alle ferriere Ratto per lo sbarco dei minerali e l’ imbarco dei prodotti finiti. La seconda detta del Mucchio (Muggio) è antistante la zona sede del passaggio a livello al mercato del pesce e alle barche dei pescatori praini. La terza rotatoria è intitolata San Pietro; antistante la zona sede dei grandi stabilimenti balneari comunali San Pietro, una costruzione iconica per noi praini. La quarta detta Dello scoglio dell’ Oca è antistante l’ arenile dove emergeva lo scoglio omonimo, la rotatoria è caratterizzata da un gran mortaio e pestello in marmo a indicare la nostra caratteristica principale: il basilico che si trasforma in pesto.Questa è la nostra galleria d’arte all’ aperto. Come automobilista vorrei segnalare alcune stonature, che osservo ogni volta che imbocco le rotatorie arrivando da levante. Per la prima e la terza rotatoria non ci sono note, l’ imbocco alla rotatoria è facile e la visualità è ottima. Ma per la seconda e quarta ci sono delle difficoltà. Le ringhiere a delimitare la strada disturbano la visuale: sempre da levante e imboccando la rotatoria la visibilità dell’ auto o moto che proviene da ponente è difficoltosa. Non conosco le regole per le installazioni delle ringhiere ma di primo acchito suggerirei di eliminare in è parte o ridurre le ringhiere (come da esempio in foto allegate) abbassandole negli ultimi metri, in modo da liberare la visuale sulla rotatoria. L’automobilista penso che ringrazierà.

Scoglio dell’oca

 

4 Comments

  1. Se c’è più visuale, la gente, già sprezzante delle regole elementari dell’educazione stradale prenderà l’imbocco della rotatoria ancora più veloce, fregandosene della regola di rallentare sempre in prossimità della rotatoria per consentire anche ad altri veicoli più lenti di entrarvi.
    Consiglierei più controlli ed imparare l’uso dell’indicatore di direzione.

    • Buongiorno Andrea, visto che ci sono e sperando di non incontrare gli”sprezzanti” alle rotonde, al guidatore “corretto” è meglio dare una visibilità migliore per affrontare la rotonda.

      • basterebbe modificare le ultime tre ringhiere ( le bacchette che adesso sono verticali , metterle orrizontali come le ringhiere sulla fascia-passeggiata)

Rispondi a giuseppe Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*