Le generazioni del “16157”, più di un semplice tatuaggio

Giorgio Bruzzone
Dapprima  un accenno storico: il tatuaggio, detto comunemente Tattoo (derivante dal Taitiano “Tattua”, “segnare”), ha iniziato a diffondersi nel mondo grazie proprio ai polinesiani, i quali lo associavano a proprie credenze sociali e religiose.
Per i Romani il tatuaggio era un segno negativo: veniva utilizzato per riconoscere i fuorilegge e gli schiavi.
Per i marinai invece si trattava della testimonianza dei propri viaggi e avventure.
Non è questa la sede per narrare il doloroso utilizzo che ne fecero i nazisti, segno indelebile di una memoria d’abusi.
A partire dagli anni ‘70-’80 che il tatuaggio assume un particolare nuovo significato, di ribellione, circoscritto ad alcune categorie di persone quali galeotti, prostitute e criminali.
Ai tempi nostri quella di tatuarsi è diventata una moda, infatti, il tattoo è ormai più che diffuso. E può riguardare qualsiasi cosa. Veramente qualsiasi cosa!
Ma se vi dicessi che alcune persone si sono marchiate addosso il Codice di Avviamento Postale (CAP) del loro quartiere ci credereste?
E che i primi a introdurre questa usanza sono stati dei ragazzi del quartiere Genova Pra’ ? Andiamo a capire insieme come è nato tutto e quali sono state le vicende che hanno caratterizzato la diffusione di questo marchio a dir poco    originale.  Ho così raccolto alcune testimonianze dei ragazzi di questa zona, parecchio sensibili a questa tematica.
<<Innanzitutto non è una moda! È un segno di appartenenza al quartiere, la spiegazione ha inizio in questo modo>>. Alla mia domanda su come è nato tutto quanto mi viene risposto che, per sentirsi appartenenti allo stesso gruppo e a Pra’, zona nella quale si è cresciuti e dove si è potuto insieme instaurare un legame particolare, all’insegna dell’amicizia e dei valori, si è iniziato a tatuarsi il CAP addosso, per una questione appunto di territorialità e di patriottismo.
<<Sì, siamo genovesi ma prima di essere genovesi siamo Praini e Praesi>>
<<Abbiamo cominciato noi a tatuarci 16157 e poi successivamente ci hanno copiato tutti gli altri quartieri. Ma i primi siamo stati noi!>>
Oltre al tatuaggio che hanno in comune molti ragazzi della zona è stato creato anche un adesivo ufficiale. <<Non è quello giallo e nero che vendevano nei negozi ma è verde e nero e lo abbiamo ideato per noi. Oltre a questo abbiamo anche pensato di realizzare una pezza in merito>>.
Si tratta di fatto di vere e proprie generazioni, quelle del 16157, che si stanno tramandando nel corso degli anni, e i cui fautori non possono che esserne orgogliosi e fieri.
<<Anche i ragazzini più piccoli si sono sentiti appartenere a questa mentalità, marchiandosi e portando avanti il nostro quartiere ovunque>>.
<<Sono quelli di Pra’! Dovunque si vada si sente dire questo. E quando dicono così la gente sa chi sta arrivando>>. Facendo due chiacchiere con un altro ragazzo, questa volta appartenente alla generazione dei più giovani, ha dimostrato anche lui di avere le idee chiare.
<<Oltre al senso di appartenenza aggiungerei ovviamente anche il sentirsi a casa. Sì, perché alla fine tutti vogliamo bene al nostro posto. Potrei andare anche a vivere a Beverly Hills ma Pra’ è Pra’. È la mia casa>>.
La conversazione prosegue e mi fa sapere che non molto tempo fa era venuto a conoscenza di un sito in cui avevi la possibilità di personalizzare la tua maglietta o la tua felpa con il CAP del tuo quartiere. <<Mi ha molto colpito! Possiamo di fatto dire che si tratta dell’evoluzione del nostro uso che si sta diffondendo sempre di più. Che orgoglio!>>.
La storia dell’uso di queste 5 cifre è destinata a protrarsi nel tempo…
Ebbene sì! La ricerca della propria identità parte dal luogo in cui si è cresciuti, un luogo che resta nel cuore e che non tradisce.
Un ringraziamento particolare ad Alessandra Giordano per il suo appoggio e il suo attaccamento al quartiere di  Pra’.

 

2 Comments

  1. Ragazzi, mi fate felice….. Io sono nata a Pra’ e mi sento “praina” fino nel midollo. Amo Pra’ e mi impegno giornalmente per collaborare a renderla sempre più bella e accogliente. Quando dite che “a Pra’ vi sentite A CASA” mi si allarga il cuore, perché è proprio questo il sentimento del Praino DOC, il sentimento immortalato da compositore e poeta praese Bartolomeo Durante (Ninetto) nell’Inno di Pra’: “Solo a Pra’ me sento a casa e posso respià…”
    Grazie a voi e al vostro entusiasmo, alle vostre iniziative, noi possiamo finalmente sentirci “al sicuro” perché dopo di noi ci sarà qualcuno che porterà avanti lo spirito praino. Io discendo da una delle più antiche famiglie praesi, un mio antenato partecipò alla Prima Crociata e il mio bisnonno portava l’orecchino d’oro di cui potevano fregiarsi solo coloro che avevano doppiato Capo Horn o il Capo di Buona Speranza. Pra’ nel cuore ……e voi ragazzi ce l’avete…

  2. Ignoravo che il senso di Appartenenza a Pra arrivasse al punto da tayuarsi il Cap…davvero un bel report questo di Giorgio, che ci rappresenta in modo plastico lo spirito di comunità e la fierezza di questi ragazzi praini…Bello!

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*