Acqua di basilico

Un aqua-park a Pra’ al posto delle vecchie fonderie San Giorgio

Velocifero –

La proposta di Guido Barbazza è semplice, e stà già raccogliendo molti consensi tra la cittadinanza: realizzare “Acqua di Basilico”, un acqua-park, al posto delle vecchie e dismesse fonderie San Giorgio Pra’, una grande area inquinata e degradata nel cuore della Delegazione che da decenni aspetta una opportuna riqualificazione e valorizzazione. Come noto, la Città di Genova è sprovvista di un parco acquatico. L’unico esistente in Liguria è “Le caravelle”, a Ceriale (Savona), 89 chilometri da Genova; il più vicino fuori Regione è “Le bolle blu” di Vignole Borbera (Alessandria), a 52 chilometri. Nella Delegazione ed ex-Comune di Pra’, oggi parte della Città di Genova, si trova una vasta area, quella delle ex-Fonderie San Giorgio Pra’, dismessa e non utilizzata da decenni. L’area in oggetto si sviluppa prevalentemente in piano e si trova in una posizione molto favorevole per quel che riguarda la raggiungibilità, a poche decine di metri di distanza dalla via Pra’ (Strada Statale Aurelia), a poche centinaia di metri dalla stazione, con annesso parcheggio di interscambio, di Pra’ e solo a un paio di chilometri di distanza dal casello autostradale di Pra’. Il sito delle ex-FSGP, ivi incluse le aree interessate dai vecchi edifici produttivi dell’industria, oggi lottizzati e parzialmente e molto poco intensivamente utilizzate da piccole attività industriali e commerciali, misura ben 72.000 m2. Per la sua porzione scoperta e libera da costruzioni, l’area delle ex-Fonderie San Giorgio Pra’ con i suoi 23.000 m2 risulta dello stesso ordine di grandezza dei Park Acquatici “Le Caravelle” (34.000 m2) e “Bolle blu” (25.000 m2), considerate le loro aree destinate specificatamente alla parte acquatica. Se considerata in tutta la sua estensione, con i suoi 72.000 m2, l’area di Pra’ equivale all’area totale del Parco di Ceriale, (88.000 m2) considerando aree verdi, parcheggi, aree tecniche, eccetera e supera di molto Vignole Borbera (39.000 m2). Da notare che i parchi acquatici della Disney di Orlando, Florida, USA, il “Blizzard Beach” e il “Typhoon Lagoon” si estendono rispettivamente su 103.000 m2 e su 78.000 m2, quindi un ipotetico aqua-park a Pra’ si troverebbe ad essere dello stesso ordine di grandezza dei famosi siti statunitensi. Il sito praese tra le varie cose è adiacente all’antica chiesa e convento cistercense di San Pietro, (Sec. XII) e dell’annessa antica Villa Negrone, oggi sede dell’Opera Giosuè Signori, (dove soleva esibirsi il celebre violinista Camillo Sivori) ed anche a poca distanza dall’altro antico sito di Torre Cambiaso, ex dimora del Marchese Cambiaso, Sindaco di Pra’, ex Convento dei Padri Passionisti, dove dipingeva il valente pittore praese Evasio Montanella, poi convertito in albergo – centro congressi a 4 stelle, da qualche anno non più in attività, e che troverebbe grande impulso nel venirsi a trovare vicino ad un parco acquatico. Il nuovo acqua park “Acqua di Basilico” potrebbe proporsi come opera di qualità, rompendo lo schema classico di parco acquatico “di plastica” per assumere una connotazione storica medioevale / botanica e con una precisa identità collegata alla storia di Genova ed alla specificità del sito. Non è un caso che il basilico migliore si produca a Pra’ visto che proprio un praese, il capitano di galea Bartolomeo Decotto da Pra’, per primo lo portò in Liguria, e proprio a Pra’, dall’oriente ove trae le sue origini, ritornando dalle Crociate nel 1101 al seguito del famoso condottiero genovese Guglielmo “Testa di Maglio” Embriaco. Il parco acquatico praino-genovese così caratterizzato, oltre che svolgere le sue funzioni di base e dare un potente impulso alle attività dei commercianti locali, potrebbe così diventare un potente volano di immagine per le delizie gastronomiche locali come il pesto e il basilico, anche in considerazione della presenza, in zona e tutto attorno al sito, proprio delle serre di pregiato basilico di Pra’. L’idea di realizzare un “acqua park” a Pra’ era stata già  accennata dal Praino Fabio Currò, proponendo come area quella del famoso “raviolo”, fazzoletto di terreno fronteggiante il sestiere di Pra’-Palmaro poi occupato senza tanti scrupoli dall’invasività portuale con il Parco Ferroviario “Pra’-Mare”. Il bozzetto di Currò era stato pubblicato nel 2011 sui numeri 8 e 11 de “Il Praino”, il   giornale di Pra’. Nei confronti di questa evoluzione del concetto il Presidente del CIV Pra’, Mauro Rossi, ha un approccio molto positivo, avendo dichiarato: «Alcune settimane fa parlando con Guido Barbazza è uscita l’ipotesi di proporre che nell’area della vecchia fonderia San Giorgio venga fatto un parco acquatico. Forse a tanti farà sorridere e non crederanno possibile tale ipotesi, invece come CIV ci crediamo anche perché il mare che ci hanno tolto non ha prezzo e questo sarebbe un risarcimento adeguato. Per tutto il ponente genovese sarebbe un grande rilancio con varie possibilità di sviluppo da alberghi, bed and breakfast ristoranti, eccetera eccetera. Senza contare che come ubicazione sarebbe ottima e facilmente raggiungibile sia con auto, treno e via mare dal Porto Antico. Quindi per concludere come CIV Pra’ Insieme sposiamo al 100% questa proposta e ci rendiamo disponibili a qualsiasi discussione e ragionamento in tale senso». Decisamente a favore anche l’Assessore Comunale allo Sviluppo del Porto, Francesco Maresca, che segue e sostiene con attenzione e continuità da un paio di anni le iniziative e le proposte dei Praesi, organizzate attraverso la FondAzione PRimA’bvera ed il Consiglio di Comunità Praese per il “rilancio praese”: «L’idea del parco acquatico a Genova è nella mia testa da un po’ di tempo e Pra’ potrebbe anche essere l’area adatta per realizzarlo. Stiamo unendo le forze per creare qualcosa di importante e i Praini con l’amico Barbazza si sono mossi subito creando una bozza di progetto che è al vaglio per capire se sussistono le condizioni per trasformare un sogno in realtà. Abbiamo già effettuato dei sopralluoghi e ora c’è da capire le reali possibilità. D’altra parte chi non osa non vince e noi abbiamo il dovere di pensare e fare in grande». Istituzioni, sponsors e investitori, fatevi avanti !

Vista panoramica aree scoperte ex-Fonderie San Giorgio Pra’

5 Comments

  1. Un sogno che si avvera… Riuscire nuovamente a “fare il bagno a Pra'”… Mi piace moltissimo questa proposta di utilizzare l’area dismessa per fare qualcosa di bello per Pra’ e per tutta Genova. Torneremo ad avere “i bagnanti”, come un tempo, e sarebbe un volano di sviluppo buono e sostenibile con possibilità di lavoro per un sacco di persone. Uno sviluppo diffuso e che andrebbe ad interessare l’intera Delegazione. “Se puoi immaginarlo puoi farlo”…disse qualcuno che se ne intendeva
    ..
    E anche il Preside di Architettura, parecchi anni fa, quando cercavamo di modificare il Piano Generale del Porto per riuscire ad avere una Fascia di Rispetto e un Canale di calma, vi spronò ad avere coraggio: ” Cittadini praesi non abbiate paura di sognare… ” e noi non abbiamo paura di sognare in grande, certi che con impegno e determinazione si può raggiungere qualunque risultato.
    Coraggio Praesi e Praini… Riprendiamoci un po’ di bellezza!

Rispondi a Pietro Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*