La pazza idea

 

Velocifero –

Come tristemente noto, il 12 Febbraio u.s. il Presidente dell’Autorità Portuale di Sistema, Paolo Emilio Signorini, ha dichiarato al Secolo XIX: «stiamo valutando di spostare il petrolchimico sulla diga foranea di Pra’», affermazione poi bissata ma già parzialmente modificata nella sostanza il 15 Febbraio dal Sindaco Marco Bucci a Primocanale con un «abbiamo deciso di valutare la possibilità tecnica di trasferire i depositi costieri sull’estremità del sesto modulo, (del Bacino Portuale di Pra’ N.d.R.) sul lato levante, sulla parte estrema, verso il mare». Le dichiarazioni, che come ci si poteva facilmente aspettare hanno subito scatenato un putiferio a Pra’ e nel Municipio VII Ponente tutto, sono state “sparate” senza il supporto di un minimo di preparazione, informazioni precise, disegni, dettagli, valutazioni tecniche, dando l’impressione di essere l’ennesima “pazza idea”, nella totale assenza di una visione di insieme, razionale e di lungo periodo, per mettere ordine nel caos progettuale e realizzativo che ha caratterizzato l’espansione del porto di Genova verso ponente (e della contestuale devastazione di quello che un tempo era uno splendido litorale) da Cornigliano a Pra’ dal secondo dopoguerra ad oggi.

Premesso che per la gente del luogo non è carino sapere dai giornali di decisioni prese sopra alle loro teste, la posizione di tutti in quel di Pra’ e dintorni è nettamente e totalmente contraria almeno per tre motivi: 1) Autorità Portuale non ha ancora realizzato i quattro fondamentali interventi di mitigazione dell’impatto ambientale promessi ai Praesi da anni e dagli stessi reclamati da decenni e cioè le colline alberate di separazione Porto – Fascia di Rispetto, l’elettrificazione delle banchine, il banchinamento del lato di Levante del terrapieno portuale lungo il fronte attuale e il prolungamento del Canale di Calma e della Fascia di Rispetto verso Ponente, lungo tutto il litorale Praese. Quindi prima le contropartite per i danni già fatti e poi solo dopo semmai si potrà parlare di nuovi sviluppi portuali. 2) Il Bacino di Pra’ ha i fondali pià alti di tutto il Porto di Genova, è quindi controproducente sprecarli per attività che non ne hanno bisogno compromettendo l’accesso e la manovrabilità alle sempre più grandi navi portacontenitori e creando vincoli ad eventuali evoluzioni per adattarsi alle mega-navi portacontenitori del futuro. 3) E’ assurdo e inaccettabile spostare un problema da un punto all’altro del Ponente, che di disagi e servitù ne ha già fin troppi, spendendo soldi pubblici a Pra’ con tempi di realizzazione lunghi per creare nuovi spazi per società private medio – piccole ma ad elevato rischio ambientale, quando il porto di Genova di spazi ne ha già di enormi, dismessi, sotto-utilizzati, pronti e a costo zero, dove non c’è vicinanza con zone abitate. Tali aree sono pressochè invisibili dalla città mentre nel Bacino Portuale di Pra’ la Carmagnani e la Superba si troverebbero sotto gli occhi di tutta Pra’ e di mezza Pegli. In ogni caso, a Pra’ “abbiamo già dato” con il sacrificio di 3,5 Km di spiaggia, 34 stabilimenti balneari, cantieri navali e pescatori per la costruzione dell’attuale porto container e si può e si deve andare avanti con contropartite, recuperi e positività, non certo con altre negatività e servitù. In sintesi: la “pazza idea” della rilocalizzazione a Pra’ prefigura una soluzione scriteriata e inaccettabile nel merito e nel metodo. Questo si dice a gran voce a Pra’, dove i cittadini sono pronti, se sara’ necessario, ad ogni azione di contrasto ed interdizione. Negli ultimi anni i Praesi si sono dimostrati pazienti, responsabili, collaborativi e propositivi nella visione “Porto di Pra’ isola – Porto Amico” messa a punto dalla FondAzione PRimA’vera, fatta propria dal Consiglio di Comunità Praese e, sotto la gestione del precedente Presidente Luigi Merlo, recepita anche dall’Autorità Portuale in occasione della preparazione dell’ultimo Piano Regolatore Portuale. Se quelle esternate negli ultimi giorni sono le “idee innovative” dell’attuale Presidente di Autorità Portuale Signorini lo stesso si assumerà la grave responsabilità di rovinare tutto il buon lavoro fatto dal suo predecessore e dalla Comunità di Pra’, ridando spazio e ossigeno ai comitati “Contro”, in particolare contro il porto a Pra’ e contro ogni sua evoluzione, a prescindere, che saranno più aggressivi ed incattiviti di prima.

7 Comments

  1. Signorini pensa all’industria porto e a svilupparla in ogni maniera, schiacciando chi si trova ad ostacolarlo, della gente non gliene importa niente è un “caterpillar ” scatenato. Il problema con questi eventi me lo crea i sindaco Bucci ,il quale sembra essere sempre convinto dal suddetto presidente ad accettare i suoi imperii ( penso all’anno passato con il caso container “residenti” a contorno della passeggiata a mare per i quali s’era fatto un giusto casino ma ci impallinarono con le Loro schifose e menefreghiste scelte, questi orribili cosi vegetano tuttora sulle nostre teste, chissà per quanto tempo ancora .
    Tutti noi e siamo in tanti ricordiamo il signor Sindaco in pubblica riunione a Pra’ dichiarare della bellezza e del magnifico punto di osservazione per la gente che camminando lungo quella originale passeggiata giungeva alla fine del percorso e si trovava davanti un insolito panorama ed il tutto sempre da Sua bocca sarebbe dovuto diventare un luogo accogliente per turisti. Oggi chissà chi l’ha convinto ci spara contro questa bordata, di riempire quel meraviglioso spazio che da una decina d’anni autorizzato dalla Capitaneria viene riservato alla scuola vela specialmente per bambini in età scolare. Otre a tutte le considerazioni che ognuno di noi può far sue senza faticare molto c’è una vasta scelta,. Una mia osservazione sempre il Sindaco continua a ripetere che quello spazio risulterebbe il più appetibile in quanto il più lontano dalle civili abitazioni, anche qui mi spiace fargli notare che non è affatto vero, la distanza è la stessa per le due alternative in predicato anzi forse anche minore! Mi spiace egregi signori sopra nominati che vogliate distruggere il poco rimasto in una zona che stava beata e felice sul mare e spero che si possano trovare risposte democratiche di contrasto a questa scelta scellerata.

  2. È ora basta con il massacro del ponente e dei suoi cittadini.Tutte le delegazioni del ponente si devono unire bloccando la città. Siamo stati anche troppo pazienti con questi criminali che speculano sulla salute delle persone.Non dobbiamo più lasciare spazio a sta gente.Ci hanno gia intortato 50 anni fa con “il lavoro per tutti” dato dal porto,ora basta.Quanto lavoro “a noi” ha veramente portato?e quanta distruzione…..?

  3. NESSUN DEPOSITO È ORA DI FINIRLA COSTORO NON HANNO PUDORE NON TENGONO.VERGOGNA!!!
    COME POSSONO ANCHE SOLO PENSARE AD UNA PROPOSTA DEL GENERE A PRA CHE È STATA STUPRATA A MORTE.
    È COME PRENDERE A CALCI UNA PERSONA GIA FERITA A TERRA. !!!!
    MA NON CE LA FARETE QUESTA VOLTA NAAAAA!
    È TROPPO ENORME.

  4. ORA BASTA!
    FINO AD ORA SIAMO STATI SOLO COGLIONI!…COGLIONI NEL PENSARE DI FARE ACCORDI PER IL BENE DI PRA CON CHI NON LI HA MAI RISPETTATI QUESTI ACCORDI.
    CI HANNO PRESO PER ANNI PER I FONDELLI.
    QUESTO SCELLERATO PROGETTO PORTATO, AVANTI DA GENTE INCOMPETENTE E FUORI DALLA STORIA DEVE DIVENTARE UN CASO NAZIONALE!
    DOBBIAMO PASSARE AD AZIONI CONCRETE PER ESEMPIO AZIONI LEGALI (CLASS ACTION) CONTRO COSTORO.

    RICORDATE GENTE (COMUNE, REGIONE E PORTO SONO D’ACCORDO, SONO UNA COSA SOLA)
    NON DOBBIAMO CONCEDERE PIù NEANCHE UN METRO DI SPAZIO DI PRA PER IL PORTO IN CAMBIO DI CONTROPARTITE E PROMESSE FUTURE.
    MAI BARATTARE IL LAVORO CON L’AMBIENTE E LA SAULTE
    PS HANNO BISOGNO DI SPAZIO, MI DITE PERCHè HANNO DATO IN CONCESSIONE TUTTA L’AREA DELL’ ILVA A CORNIGLIANO A MITAL?.

  5. IL PORTO E’ A GENOVA, MA NON E’ PIU’ DI GENOVA
    Sullo spostamento di Carmagnani e Superba sempre in città o nel porto attaccato alla città.
    Perché non prendiamo atto che qui a ponente Carmagnani e Superba non le vuole nessuno? Non le vuole che siano in città, ad iniziare dalla attuale collocazione a Multedo , come non le vuole in un porto attaccato alla città.
    70 posti di lavoro, quelli che di Carmagnani e Superba, tra bonifiche, ricostruzioni ed un porto fucina di lavoro diretto ed indotto , ( a detta degli stessi interessati) mi sembra che sia possibile ricollocarli.
    Perché vogliono toglierci quel piccolo specchio di mare tra Pegli e Pra’?
    Perché col tombamento di Calata Bettolo ( la calata confina con Calata oli minerali) , nelle concessioni date nel 2018, non hanno lasciato una piccola area, affianco alla Calata oli minerali, area naturalmente vocata a depositi del genere, per Carmagnani e Superba? Il problema sarebbe stato tranquillamente risolto. A quanto pare anche lì nessuno le ha volute mi sembra ad iniziare dalle stesse Autorità Portuali. E così grazie a questi signori, poiche Carmagnani e Superba è ormai insostenibile che rimangano in mezzo alle case di Multedo, è iniziato un balletto di destinazioni senza ritegno e rispetto per la città ed i cittadini. Prima sotto la Lanterna, poi a Cornigliano ed infine tra Pegli e Pra’, attacco ad uno dei pochissimi fazzoletti d’acqua rimasti a disposizione di noi cittadini del ponente.Nessuno le vuole ed a ragione: rischio di pericolosità, rischio di problemi di salute,svalutazione e deturpazione della zona.
    Il ponente per questi signori e una zona di minor pregio e tanto hanno fatto per renderla tale e continuano, continuano, continuano ad insistere per peggiorarlo sempre più
    Ed allora dai con proposte di traghetti dal centro a Voltri, con continue idee di tombamenti oltre la diga e magari, è una provocazione, affianco alla proposta offensiva di Carmagnani e Superba a porto Pra’ , anche “calata oli minerali” ,spostata dal centro a porto Pra’. Un porto così concepito è una pesante e svalutante servitù per il ponente cittadino, da S.Pierdarena a Voltri.; Genova è iniziata a rinascere quando le è stato restituito un pezzo di porto antico, quando è stato tolto qualcosa al porto, non di certo rinasce per qualche contenitore in più o tonnellata di petrolio in più che fanno la ricchezza di qualcuno, ma non dei genovesi. Se vogliamo rinascere occorre togliere ad un porto così concepito , a questo punto via Carmagnani e Superba, sono loro i primi a non averle volute non collocandole in siti adeguati e naturalmente vocati. IL PORTO E’ A GENOVA, MA NON PIU’ DI GENOVA

  6. Follia….pura e semplice follia sulla pelle di tanta povera gente che ha già subito molto. Il ponente di Genova non può essere solo porto ma è fatto da persone che ci vivono e che subiscono costantemente questo enorme disastro ambientale che è il PSA, i container ed i tir di Spinelli, l’autostrada e quant’altro. Carmagnani e Superba non dovranno essere collocati dove Bucci e Signorini vogliono. Vorrei capire il senso di questa operazione. Ma come…. li vogliono togliere da Multedo perche a contatto con le abitazioni e li piazzano a Pra’ sempre a contatto con le abitazioni????. Spero che finalmente tutto il ponente si mobiliti per impedire questo ulteriore enorme disastro

  7. Ma certo che ci mobiliteremo, caro Elio e tutti precedenti autori di Post: questa volta non staremo a guardare o credere ciecamente alle promesse…qualcuno ha sbagliato a capire, a Pra’ non abbiamo “l’anello al naso”, ed abbiamo purtroppo esperienza di come vadano le cose: ma come, ad Aprile il Sindaco si estasiava per la “zona di grande attrattiva, la fine del 6 modulo, voglio creare un’area barbecue, ludica, con attrezzatura pic-nic, da li’ si vede un panorama incredibile”, ed ora Gennaio 2019, nella stessa zona ci piazziamo i silos chimici di un’azienda che nessuno vuole, inquina e fa danno piu’ della gramigna, occupa un numero modesto di lavoratori a fronte dei mille problemi che ha creato e crea…MA LA COERENZA, DOV ‘E’? Idea non solo pazza, ma pure pericolosa ed altamente illogica.
    Signor Sindaco, non ce la farete.

Rispondi a elio giuliani Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*